A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

venerdì 20 agosto 2010

L'acqua di San Fili? ... quasi sempre la migliore della provincia.

... il miracolo è successo, dopo aver lanciato il mio giustificato dubbio su questo blog in merito alla purezza dell'acqua che scorre nella rete idrica sanfilese, mi sono state recapitate dall'amico Vittorio Agostino (Consigliere comunale del Comune di San Fili) le analisi (relative appunto a tale acqua) effettuate nel mese di Agosto 2010.
Tali analisi (controllo di routine acqua potabile effettuate ai sensi del D.L.gs 31/2001 dalla Biosystem di Bisignano) fatte su un prelievo effettuato alle fontane pubbliche in data 11 Agosto 2010 ci dicono (non solo a noi Sanfilesi ma anche e soprattutto a quanti, dall'intera provincia, vengono ad "abbeverarsi" a San Fili) che l'acqua di San Fili continua ad essere una delle migliori acque del territorio di Cosenza se non dell'intera Calabria.
... per alcuni versi anche migliore di tantissime acque minerali in commercio.
Assenza di coliformi fecali (per cui batteriologicamente pura) e con una situazione chimica più che ottimale... questi in poche parole i risultati di tali analisi.
Non mi sono state consegnate solo le analisi dell'acqua che scorre dalla sorgente oligominerale Pulizia (anche se sono più che certo che si discostano ben poco dalle analisi dell'acqua che scorre nella rete idrica pubblica e quindi anche in questo caso dovremmo avere a disposizione un'acqua più che ottima) così come non mi sono state consegnate, oltre alle analisi dell'ultimo prelievo, le analisi relative agli ultimi tre o quattro prelievi. 
Sarebbe stato bello confrontare tali dati.
Sparando nel mucchio (di fatto è quello che ho sto facendo in questi ultimi tempi su questo mio blog), infatti, sono venuto a conoscenza (in via del tutto informale) che all'inizio del mese di Agosto si è presentata, non invitata, a fare le analisi dell'acqua della rete idrica di San Fili anche l'Azienda Sanitaria competente per territorio. Risultato (ovviamente dato del tutto in via informale)? ... sembra che solo su una fontana pubblica (e solo per pochi giorni) sia stata riscontrata una certa presenza di coliformi fecali.
La fontana incriminata è quella di piazza San Giovanni.
Cosa decisamente strana (in quanto non interessa l'intera rete idrica) che, se vera ed ufficiale, confermerebbe quanto affermato dalla Biosystem nelle sue varie analisi: l'acqua di San Fili è ottima.
Problema risolto? ... devo chiedere scusa a qualcuno per il creato allarmismo? ... la risposta, ad entrambe le domande, per quel che mi riguarda è... no!
Nel primo caso perché negli anni scorsi più volte (almeno quando si avvisava regolarmente, anche se a volte con qualche giorno di ritardo, la cittadinanza con comunicati di sorta) più volte si è venuti a sapere che la rete idrica sanfilese risultava inquinata e che tale inquinamento (coliformi fecali) poteva anche causare danni all'organismo umano.
Nel secondo caso... per quel che mi riguarda a creare l'allarmismo (in questo caso) di fatto è stata, e continua ad essere, proprio quest'Amministrazione comunale con il suo ormai proverbiale silenzio. 
Se quest'Amministrazione comunale  infatti si decidesse a parlare di più con i cittadini... sicuramente ai cittadini intelligenti non nascerebbero in testa alcuni atroci dubbi e sospetti.
... i cittadini sanfilesi sarebbero sicuramente contenti anche di vedere i propri Amministratori bere, in occasione di convegni, dibattiti ed altri incontri pubblici, acqua prelevata dalla rete idrica comunale... e non acquistata nei bar del paese.
Se ho ben capito (notizia sempre in via del tutto informale, s'intende) le analisi alla rete idrica sanfilese (fontane pubbliche) vengono fatte una volta al mese.
Domanda: perché i Sanfilesi, visto che pagano tale servizio, una volta al mese non vengono regolarmente delucidati sullo stato della potabilità dell'acqua che "potrebbero" bere senza alcun timore?
*     *     *
... a proposito, in questi giorni sono stati affissi per il paese alcuni volantini che pubblicizzano l'apertura (riapertura) al pubblico (pagante) della sorgente oligominerale (?) Pulizia.
Su tale punto mi sono sempre sorti dubbi in proposito: è autorizzata a norma di legge la vendita (perché di vendita si tratta) di tale acqua? ... si riscuote (e quindi si versa agli uffici competenti) l'IVA su tale servizio (vendita)? ... sono mai state fatte (e se si a quando risalgono le stesse) analisi che dimostrino che tale acqua (quella della sorgente Pulizia) sia veramente oligominerale?
Sarebbe bello, ad esempio, sapere qual'é il residuo fisso di tale acqua ed il valore (magari in gradi francesi) della durezza della stessa... e magari la comparazione dei valori con acque presenti sul mercato.
San Fili, la nostra San Fili, deve ritagliarsi un proprio spazio all'interno della nuova Cosenza... potremmo partire (puntare) benissimo da un discorso dell'acqua di qualità. Ovviamente per fare ciò dobbiamo deciderci finalmente, noi sanfilesi, a mettere finalmente una pietra sul passato (inteso come modo di pensare dei nostri pseudoeternipolitici locali... rimasti ancora ai tempi della loro giovinezza... della Spiga - 1983 /1993).
*     *     *
... a proposito (ovviamente scherzando) abbiamo cercato di capire (io ed altri miei due cari amici, comodamente seduti ad un tavolo del bar Emoli: Vittorio Agostino e Mario Molinaro)  anche perché dalle analisi effettuate dall'Azienda Sanitaria di Cosenza sia risultata inquinata (presenza di coliformi fecali) solo la fontana di piazza San Giovanni. L'unica risposta plausibile è stata che qualche giorno prima proprio in quel punto si è svolta la festa dell'Unità (... democratica?), ossia la festa organizzata dagli ex Comunisti, dagli ex Pidiessini, dagli ex Diessini, dagli ex Ulivo, dagli ex Progressisti, dagli ex mancati Riformisti, dagli ex... diciamo semplicemente (per abbreviare il discorso) dal "Partito degli Ex" (ovvero del P.d.Ex).
... alla faccia della coerenza politica: hanno cambiato più casacche (non solo nel nome ma anche nel modo di pensare) gli iscritti al PCI italiano negli ultimi vent'anni di quante ne ha cambiato l'Esercito Italiano da quando è venuto alla luce... e guai a far rilevare a loro tale realtà: loro sono e restano Comunisti (e su questo devo dar loro ragione: personalmente non ho mai messo in discussione la loro intelligenza). 
... e si sa, come sono riusciti ad inquinare loro la politica italiana (per non parlare di quella della provincia di Cosenza e della Regione Calabria) negli ultimi trent'anni... non ci sarebbe riuscito nessun altro Partito. 
Se Berlusconi riesce a ricomprarsi i finiani (unica reale opposizione al PDL), infatti, grazie all'opposizione del "Partito degli Ex") sicuramente riuscirà a governare per altri mille anni e/o per altre due o trecento generazioni.
*     *     *
... sopra a sinistra una foto relativa alla fontana pubblica che si trova nella villetta degli emigranti (zona "curc'e Catalanu").
... un caro abbraccio dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ottimo Blog ma vorrei sapere l'indirizzo della sorgente oligominerale

Pietro Perri ha detto...

... dovrebbe comunicarmi almeno il suo indirizzo di posta elettronica... e farsi riconoscere. Conoscendola... nessun problema a darli le indicazioni a lei più consone.