A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

lunedì 24 luglio 2017

San Fili brucia - Il criminale (la bestia?) colpisce ancora.

In questa foto si vede il fumo che
nasconde completamente la frazione 
Bucita. 
(Articolo apparso sul Notiziario Sanfilese del mese di luglio 2017. Ovviamente a firma di Pietro Perri).
*     *     *
Il 12 luglio scorso una vasta area di castagneto al di sopra del centro abitato della frazione Bucita di San Fili è stata colpita e semidistrutta da un tremendo incendio.
Un incendio come se n’erano visti ben pochi, nell’ultimo mezzo secolo, colpire in modo così devastante il territorio sanfilese.
Un disastro senza precedenti: diverse decine di ettari di bosco sono stati letteralmente distrutti. E con le piante anche la fauna che trovava in esse confortante rifugio.
Un gravissimo danno, questo, sia per la nostra salute che per la già magra economia della nostra Comunità. E’ giusto ricordare, infatti, che dal taglio dei boschi presenti sul territorio sanfilese ed in quello dei Comuni attigui dipende la sopravvivenza di diverse imprese boschive della zona e quindi di tantissime famiglie di nostri concittadini.
Senza entrare in merito, considerando le piccole discariche abusive presenti sul nostro territorio, tra l’altro a cosa è potuto bruciare assieme agli alberi ed alla fauna: lastre di eternit, copertoni d’auto, plastica varie e chi più ne ha più ne metta
Perché, è giusto ricordarcelo di tanto in tanto, i boschi intorno a San Fili sono anche una pericolosa bomba chimica per la nostra già precaria salute che non aspetta altro che essere innescata.
E, crediamoci, non si tratta né di autocombustione (ovvero un incendio che ha preso vita senza l’intervento di mano umana) né di un incendio scaturito dalla stupidità di qualche avventuriero senza senso della natura circostante (esempio qualcuno che ha gettato una cicca ancora accesa per terra o ha lasciato acceso - malamente spento - qualche focherello che aveva usato per farsi una piccola grigliata all’aperto).
Si tratta invece, ne sono strasicuro, di un vero e proprio criminale che, magari per fare dispetto a qualcuno (... un parente di cui non è piaciuta una divisione ereditaria? ... un vicino di casa particolarmente antipatico? ... un venditore o acquirente di una partita di alberi da taglio acquistata dall’impresa boschiva sbagliata o venduta all’impresa boschiva sbagliata? ... motivi, nessuno umanamente giustificabile visto il danno creato all’intera Comunità Sanfilese e forse involontariamente anche a se stesso, ce ne sono a iosa), ha dato inizio al tutto accendendo il fuoco che magari avrebbe dovuto colpire un’area limitata ed invece si è propagato in modo tale da bruciare mezza montagna ed arrivando a mettere a rischio persino il centro abitato della frazione Bucita.
Alcune case a ridosso della “fontana di Panicò” infatti hanno rischiato di essere toccate dalle fiamme.
Si tratta, ripeto, di un vero e proprio criminale - decisamente stupido oltre che criminale - e si tratta quasi certamente della stessa persona che ha dato vita a diversi incendi che hanno interessato tale zona negli ultimi quindici anni. Diversamente non si comprende come mai gli incendi sulla frazione Bucita partono quasi tutti dallo stesso punto.
Combinazione? ... può anche darsi. Ma forse è venuto il momento di iniziare a studiare iniziative per dire una volta per tutte: BASTA! ... SIAMO STUFI DI TANTA STUPIDITA’.
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti dal vostro sempre affezionato Pietro Perri.
… /pace!

venerdì 21 luglio 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Francesca Ciancio vedova Papaleo.
... aveva 99 anni ed abitava a Toronto in Canada.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

mercoledì 19 luglio 2017

E' in distribuzione il Notiziario Sanfilese del mese di Luglio 2017.

... proprio così, anche questo mese (Luglio 2017) noi dell'Associazione culturale "Universitas Sancti Felicis" di San Fili (ovvero l'Associazione dei Sanfilesi nel Mondo), siamo riusciti a realizzare il nostro bollettino mensile, il... "Notiziario Sanfilese".
Otto pagine di storia, cultura ed attualità relative alla stupenda cittadina di San Fili e all'altrettanto stupenda comunità da essa ospitata.
Chi volesse ricevere il nostro Notiziario non ha che da diventare socio (anche non effettivo ma semplicemente simpatizzante) dalla nostra Associazione. Si può diventare soci partendo da un contributo di appena 5,00 (cinque) euro, a seconda se si vuole essere soci simpatizzanti (5,00 euro), soci ordinari (15,00 euro) e soci onorari (da 15,00 euro in su).
Per ritornare al "Notiziario Sanfilese" di questo mese (di cui viene riprodotto il frontespizio a sinistra), comunque, riporto di seguito l'indice delle pagine:
*     *     *
Pag. 1
- San Fili brucia - Il criminale (la bestia?) colpisce ancora. Di Pietro Perri.
Pag. 2
- La “piccola muraglia” sanfilese. Di Nuccia Giglio-Carlise.
Pag. 3
- La “licenza” media del 1963. In un ricordo di Tonino Commis.
- Gli acrostici di Alfredo Ruffolo: Michela.
- Piccolo dizionario sanfilese.
- Ci hanno lasciato.
Pag. 4
- Viaggio nelle bellezze d’Italia - Maggio 2017. di Carmelo Serpe.
Pag. 6
- Cinquant’anni di calcio a San Fili: 1926 - 1968... una storia alternativa della Comunità Sanfilese. (6) Di Francesco “Ciccio” Cirillo (articolo rielaborato da Pietro Perri).
Pag. 7
- Quando si giocava al “lanciu du formaggiu”. Di Luigi “Gigino” Iantorno.
Pag. 8
- Sanfilesi che ci onorano: Geppino Rende.
- Tutti possono collaborare al “Notiziario Sanfilese”.
- I membri dell’Associazione Culturale “Universitas Sancti Felicis” e costo tessera e contributi 2017.
*     *     *
... un cordiale affettuoso abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

domenica 16 luglio 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Francesca (Franchina) Carpanzano in Cesario.
... aveva 77 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

sabato 1 luglio 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Mirella Bonazza.
... aveva 59 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI SAN FILI (11).

Volendo rispettare alcune promesse che mi sono fatto nel corso di tanti anni di attività “anche... e non solo” di politica locale e che mi vedono finalmente membro del Consiglio Comunale di San Fili, comunico (in base all’invito che mi è appena giunto) che per VENERDI’ 7 LUGLIO 2017 alle ore 9,00 in prima convocazione ed eventualmente alle ore 10,00 del medesimo giorno è convocato in sessione ordinaria, con seduta pubblica, il CONSIGLIO COMUNALE DI SAN FILI.
La riunione avrà luogo presso la sala consiliare del paese e prevede la trattazione degli argomenti di seguito descritti:

1) Assestamento generale di bilancio e salvaguardia degli equilibri per l’esercizio 2017 ai sensi degli artt. 8 e 193 del d.lgs. N. 267/2000 - Verifica dello stato di attuazione del programma;
2) DUP (Documento Unico di Programmazione) 2018/2020 - Presa d’atto avvenuta presentazione;;
3) Sostituzione componente commissione elettorale comunale;
4) Riscossione: delega delle funzioni e delle attività all’Agenzia delle Entrate - Riscossione.

Da parte mia non posso non sperare in una giusta presenza di Sanfilesi alla succitata riunione. del Consiglio Comunale di San Fili... e non solo perché anche io oggi ne faccio parte ma perché anche tu - da elettore e cittadino - è giusto che ne sia partecipe.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... si vis pacem para bellum”!

domenica 25 giugno 2017

Cercasi amministratori comunali per passeggiata lungo corso XX Settembre... a San Fili.

Ho un piccolo dubbio: gli Amministratori comunali di San Fili (ovviamente mi riferisco a quelli che “possono” e non a quelli come me che li si vorrebbero solo presenti per alzare la mano nelle sedute di Consiglio comunale in occasione dell’approvazione dei bilanci redatti da chi sa chi - quello preventivo in particolare - e da chissà con quali finalità amministrative) ultimamente si sono per caso fatti una passeggiata lungo corso XX Settembre? ... il corso principale (anche perché unico) del nostro centro abitato? ... una passeggiata possibilmente a piedi e non in elicottero? ... dico “in elicottero” perché anche se l’avessero fatta in macchina si sarebbero facilmente resi conto che qualcosa su questo corso non quadra.
Mi riferisco in poche parole i componenti della Giunta comunale in carico.
Mi riferisco in poche parole al sindaco (omissis), al vice sindaco (omissis) ed all’assessore (omissis).
Ok, a questi aggiungo per par condicio le altre ipotetiche (... illuse o complici?) quarta e quinta colonna di tale prestigiosa Giunta comunale... che preferisco non nominare neanche (non vorrei che mi si bruciasse qualche circuito del notebook nel citare anche loro col nome e col cognome).
Perché dico questo?
Semplice: perché corso XX Settembre a San Fili sembra ormai aver veramente toccato il fondo. Semmai potrà esserci un fondo a San Fili.
Marciapiedi divelti e con vari punti d’inciampo, erbacce (sicuramente non nate ieri) che crescono indisturbate lateralmente alla careggiata stradale (non parlo di quelle che si trovano nelle viuzze e scalinate del centro storico perché... meglio soprassedere), escrementi e residui maleodoranti di orine di cani dappertutto, spine o rami di alberi di acacia che fuoriescono  dalle ringhiere lungo ciò che resta dello storico Muraglione e che invadono l’attiguo marciapiede e chi più ne ha più ne metta.
E non parliamo di quegli assurdi dossi in plastica che svolazzano di tanto in tanto sull’asfalto diventando pericolosissimi per chi percorre lo stesso con piccoli messi, bici o motocicli.
Vogliamo registrare qualche tragedia per prendere qualche provvedimento in merito?
Decisamente un esempio di gestione di paese che non mi sarei aspettato specie nel momento in cui ho appoggiato - due anni addietro - la lista “Indietro non si torna” con la mia presenta nella stessa contribuendo a portarla alla guida amministrativa della nostra comunità per quanto riguarda il quinquennio 2015-2020 (cosa di cui ovviamente non mi sono ancora pentito... vista l’alternativa del momento... ed in particolare chi dall’esterno sembrava appoggiare tale alternativa).
In questi giorni devo dire comunque che almeno nella frazione Bucita e lungo corso Giuseppe Miniaci sembra che qualche falciata d’erba sia stata menata ed un po’ di pulizia quindi in tale tratto stradale è stata approntata. Parlo ovviamente di corso Giuseppe Miniaci perché anche per quanto riguarda la frazione Bucita se ci si addentra nei vicoletti della stessa (magari nella scalinata della “cava” - quella che collega direttamente la chiesa di santa Lucia con via Danise)... no comment!
A proposito: tale pulizia “toccata e fuga” lungo corso Miniaci a Bucita sembra sia stata realizzata in occasione della processione del Corpus Domine... quindi non si illudano più di tanto i cari compaesani della frazione in quanto per il prossimo taglio d’erba su tale tratto di strada dovranno aspettare almeno la prima settimana di settembre... ovvero i giorni immediatamente precedenti alla processione dell’8 settembre (ovvero dell’Addolorata).
Purtroppo a San Fili ancora la processione per il Corpus Domine non si è ancora tenuta e quindi anche il miracolo dell’erba lungo corso XX Settembre è ancora lungi da venire. Speriamo che i Sanfilesi non siano costretti ad aspettare la processione della Madonna del monte Carmelo (16 luglio) o ancor peggio la processione del 12 ottobre in occasione della festa votiva in onore di san Francesco di Paola.
Credetemi: è assurdo ma sembra sempre più normale ormai che per avere una parvenza di pulizia lungo le strade interne (e non in tutte le parti) del nostro comune bisogna attendere qualche occasione in particolare: chiusura ed apertura delle scuole elementari e materne per quanto riguarda via Marconi, processioni e festività civili per quanto riguarda corso XX Settembre, corso Miniaci e qualche vicoletto interno ai centri abitati (dove è previsto cioè il passaggio delle rispettive processioni) e via dicendo.
Cari amministratori comunali... mi sembra che i cittadini le tasse (tributi locali eccetera) non le pagano solo per quattro o cinque giorni all’anno... ma per 365 giorni all’anno (per 366 ogni quattro anni). Ed i soldi servono per garantire i servizi e non per garantirsi un cospicuo portafogli di voti per le prossime amministrative (perché - diciamolo col giusto nome - gli sprechi, i lussi, le boiate festose e i concorsi letterari che decollano, così come strutturati, solo nella testa di chi li ha ipotizzati... servono a ben poco oltre che a dare contentini ai creduloni di turno).
Io? ... ci riprovo. Ci riprovo e dico che se vogliamo possiamo ancora dare un futuro al nostro paese... a San Fili.
Le possibilità sono infinite e basta decisamente poco come investimento... oltre ovviamente ad azzerare gli inutili sprechi.
Iniziamo dalla trasparenza, dal giocare tutti a carte scoperte (le mie lo sono purtroppo sempre state) e possibilmente a rendere igienicamente più vivibile le strade ed i vicoletti interni del nostro paese. Magari, se proprio non si riesce ad estirpare con le mani l’erba che vi cresce indisturbata (ad esempio se i nostri spazzini - operatori ecologici -  ne sradicassero una diecina di pianticine al giorno nel corso dell’anno avremmo un paese in cui ci si potrebbe benissimo rispecchiare)... chiediamo a qualche allevatore di pecore o di mucche presenti nel territorio sanfilese di far pascolare per qualche tempo all’interno dei nostri centri abitati i loro animali.
Tanto, escrementi in più escrementi in meno...
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!