A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

sabato 5 settembre 2015

SE UNA PROPOSTA NON E' INTELLIGENTE O INUTILE... SICURAMENTE O E' O-SCENA O E' O-SCEMA.

Le tasse (inclusi i tributi locali) dobbiamo pagarle tutti o... non pagarle a norma di legge.
Se si permette a qualcuno di non pagarle con escamotage dell'ultima ora (anche se già applicati in altre realtà amministrative) automaticamente decade tutto l'apparato morale su cui le stesse si ergono.
Il problema è chiedersi semmai come si arriva - con tanti "esperti in materia in circolazione" (tutti sono bravi ad aumentare le tasse... pochi a renderle legittime ed oneste per ogni membro della cittadina amministrata).
Se poi si arriva a qualche proposta o-scena o o-scema dell'ultima ora è necessario chiedersi come mai si è arrivati a tale punto (leggendo un volantino dell'opposizione consiliare al Comune di San Fili apparso in questi giorni su alcune bacheche del paese sembra che a San Fili oltre il 20% dei contribuenti, per disonestà p per reale incapacità) non sia più in grado di far fronte al proprio dovere nei confronti dei tributi locali) e semmai cosa fare per evitare che si prosegua su questa assurda strada.
Eppure a chi si è divertito in questi ultimi anni ad aumentare le tasse locali (non da ragioniere ma da misero contabile di osteria) e a chi - incluso le opposizioni che si sono succedute all'interno del Consiglio comunale del paese - ha fatto finta di non vedere e quindi di non sapere non posso che ricordare ciò che dice l'articolo 53 della Costituzione Italiana:
"Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.
Il sistema tributario è informato a criteri di progressività."
A San Fili, e purtroppo non solo a San Fili, con la politica creativa di alcuni amministratori tutto si è rispettato finora tranne che questo principio sacrosanto della Costituzione Italiana.
Quindi? ... personalmente sono tutto tranne che d'accordo con chi propone una bella passata di spugna sul problema.
E sapete perché? ... perché non avrei il coraggio di guardare in faccia chi si è tolto il pane dalla bocca per pagare tutte le imposte, le tasse ed i tributi imposti a loro ed alle loro famiglie.
Perché così facendo si rischia di favorire più i soliti furbi (oltre che a qualche scalognato che pensa di essere in torto quando è l'unico ad avere ragione... in virtù appunto dell'articolo 53 della Costituzione Italiana) ai danni dei soliti polli (ovvero chi pensa che pagare anche tasse ingiuste... sia giusto).
E per il futuro anche a San Fili... studiamo un sistema tributario che rispetti un po’ di più l’articolo 53 della Costituzione Italiana e non dia più spazio alla gestione di contabili provetti (... Dio, che campioni!) ma a ragionieri con tanto di studio di politica economica, sociale e tributaria.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: