A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

domenica 16 marzo 2014

Dal mulino delle fate aru tesoru du Canalicchiu: una stupenda passeggiata naturale tutta sanfilese. (7)

Per chi avesse perso le prime 6 (o qualcuna delle prime sei) puntate di questo racconto… ricordo che siamo in un sabato degli inizi di Marzo 2013, che da poco si sono registrate due frane sul lato coste del nostro paesino (il lato che si affaccia sul torrente Emoli) ed io sto facendo una bella passeggiata lungo… u jum’e Santu Fili… nel tratto compreso tra la sorgente di Palazia e il ponte Crispini.
*     *     *
Ho sempre creduto che San Fili ed i Sanfilesi se non sono discendenti dei colonizzatori partiti dalle sponde dell’antica Grecia per portare la loro cultura e quindi la civiltà ai popoli di ciò che sarà la penisola italiana… sicuramente lo sono dei loro figli o dei loro nipoti.
Sono troppe, infatti, le cose quotidiane (reminiscenze del passato?), che riportano il nostro pensiero e quindi la nostra elementare immaginazione a ciò che di loro abbiamo studiato e continuiamo a studiare sui libri di storia… a partire dalle scuole elementari.
Ovviamente, per tale ultimo periodo, mi riferisco a quanti come me sono nati e felicemente vissuti anche - non solo - nell’era ante Facebook, Twitter e diavolerie web simili. Diavolerie che, è vero, ci mettono in collegamento con il resto del mondo ma che ci estirpano in modo falsamente non violento dalla nostra realtà materiale: corso XX Settembre (per quanto riguarda San Fili) con tutto ciò che scorre in su ed in giù… di buono e di male nello stesso.
Se guardiamo ad esempio tantissimi termini appartenenti al dialetto dei nostri padri (oggi, credetemi, neanche l’abbiamo un dialetto) troviamo non solo termini che risalgono alle dominazioni arabe, romane, spagnole e francesi ma anche e soprattutto… greche. Non solo: sempre rifacendoci a ciò che resta della memoria storico-popolare dei nostri padri e dei nostri nonni… sono tantissimi i modi di fare (specie in campo religioso o pseudo religioso), le credenze (favole e similari) e la toponomastica che ci riportano dritti dritti a respirare la nostra stupenda - mai dimenticata del tutto -aria ellenica.
Un esempio è proprio (ripeto: secondo la mia proverbiale ignoranza in materia) ciò in cui ci imbattiamo nella parte inferiore de “a scisa du canalicchiu”. Da non credere, in tale zona ci imbattiamo non solo in ben due bivi (punto d’incontro di tre vie con almeno due opportunità di scelta proposte al viandante) ma anche e soprattutto a due tesori - purtroppo solo “fantastici”… credo - maledetti e ad una nicchia in cui almeno fino alla fine degli anni Sessanta era riposta una statuetta ricordante la madonna.
La madonna o… la dea - greca e cara ai bivi - Ecate?
Il primo bivio in cui m’imbatto - risalendo la scalinata ed il viottolo che ho inforcato nella piccola valletta dove c’è il ponte di Crispini (o crispino) a collegare le due sponde del torrente Emoli... u jum’e Santu Fili - è quello che mi dà come scelta il proseguire verso il centro abitato del paese o dirigermi verso contrada Profico: la prima scelta a sinistra e la seconda scelta a destra.
Difronte a me vedo il buco con il famoso “maledetto” tesoro “ara scisa du canalicchiju”… quello della “quadara chjina d’oru”. Gli do una breve occhiata e proseguo subito con la mia scelta di strada. Ad ogni bivio in cui c’imbattiamo nella vita - lo sapevano bene i pitagorici e non solo loro - è obbligatorio fare una scelta, giusta o sbagliata che la stessa si dimostri: bloccarci equivale comunque a morire.
Scelgo la prima… la stanchezza inizia a sentirsi… e con essa anche un certo languorino allo stomaco. Dopotutto si sono fatte anche le ore 13, abbondanti.
Quindici metri più avanti m’imbatto in un altro bivio ed in un altro “maledetto” tesoro. Di questo secondo tesoro (in cui ci imbattiamo a tre o quattro metri, risalendo “u canalicchiju” per ritrovarci in piazza Rinacchio, in un foro che prende forma su un antico muro in pietra… alla nostra destra) so ben poco e spesso dubito anche che lo stesso esista o sia mai esistito anche solo nella deviata fantasia di qualche mio caro compaesano. A differenza del primo, di cui ne sono più che certo… visto il numero di testimoni in cui mi sono imbattuto.
Anche questo bivio mi obbliga ad una scelta: salire verso piazza Rinacchio e poi proseguire, lungo corso XX Settembre, fino a piazza san Giovanni dove ho lasciato la macchina o… imboccare la viuzza, alla mia sinistra anche questa, che costeggiando il paese mi farà miracolosamente ritrovare all’imbocco di via Emoli e da qui direttamente… mmiuenzu u puontu.
… scelgo questa seconda ipotesi. Ed eccomi, nello spazio di pochi minuti, ritrovarmi mmienzu u puontu e da qui bel men che non si dica in piazza san Giovanni.
Termina così questa mia stupenda passeggiata durata qualche ora di un sabato mattina del mese di Marzo 2013 e finita nello stesso punto in cui l’avevo iniziata.
Spero di non avervi scocciato troppo con questo racconto e spero che a qualcuno possa servire di sprone ad intraprendere questo mio stesso percorso.
Abbiamo un territorio stupendo intorno al nostro centro abitato… sarebbe bello riappropriarcene e ritornando ad amarlo e quindi a viverlo… con tutte le sue profumate e variopinte realtà ma soprattutto con tutte le mie… stravaganti fantasie.
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
… /pace!

Nessun commento: