A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

lunedì 24 luglio 2017

San Fili brucia - Il criminale (la bestia?) colpisce ancora.

In questa foto si vede il fumo che
nasconde completamente la frazione 
Bucita. 
(Articolo apparso sul Notiziario Sanfilese del mese di luglio 2017. Ovviamente a firma di Pietro Perri).
*     *     *
Il 12 luglio scorso una vasta area di castagneto al di sopra del centro abitato della frazione Bucita di San Fili è stata colpita e semidistrutta da un tremendo incendio.
Un incendio come se n’erano visti ben pochi, nell’ultimo mezzo secolo, colpire in modo così devastante il territorio sanfilese.
Un disastro senza precedenti: diverse decine di ettari di bosco sono stati letteralmente distrutti. E con le piante anche la fauna che trovava in esse confortante rifugio.
Un gravissimo danno, questo, sia per la nostra salute che per la già magra economia della nostra Comunità. E’ giusto ricordare, infatti, che dal taglio dei boschi presenti sul territorio sanfilese ed in quello dei Comuni attigui dipende la sopravvivenza di diverse imprese boschive della zona e quindi di tantissime famiglie di nostri concittadini.
Senza entrare in merito, considerando le piccole discariche abusive presenti sul nostro territorio, tra l’altro a cosa è potuto bruciare assieme agli alberi ed alla fauna: lastre di eternit, copertoni d’auto, plastica varie e chi più ne ha più ne metta
Perché, è giusto ricordarcelo di tanto in tanto, i boschi intorno a San Fili sono anche una pericolosa bomba chimica per la nostra già precaria salute che non aspetta altro che essere innescata.
E, crediamoci, non si tratta né di autocombustione (ovvero un incendio che ha preso vita senza l’intervento di mano umana) né di un incendio scaturito dalla stupidità di qualche avventuriero senza senso della natura circostante (esempio qualcuno che ha gettato una cicca ancora accesa per terra o ha lasciato acceso - malamente spento - qualche focherello che aveva usato per farsi una piccola grigliata all’aperto).
Si tratta invece, ne sono strasicuro, di un vero e proprio criminale che, magari per fare dispetto a qualcuno (... un parente di cui non è piaciuta una divisione ereditaria? ... un vicino di casa particolarmente antipatico? ... un venditore o acquirente di una partita di alberi da taglio acquistata dall’impresa boschiva sbagliata o venduta all’impresa boschiva sbagliata? ... motivi, nessuno umanamente giustificabile visto il danno creato all’intera Comunità Sanfilese e forse involontariamente anche a se stesso, ce ne sono a iosa), ha dato inizio al tutto accendendo il fuoco che magari avrebbe dovuto colpire un’area limitata ed invece si è propagato in modo tale da bruciare mezza montagna ed arrivando a mettere a rischio persino il centro abitato della frazione Bucita.
Alcune case a ridosso della “fontana di Panicò” infatti hanno rischiato di essere toccate dalle fiamme.
Si tratta, ripeto, di un vero e proprio criminale - decisamente stupido oltre che criminale - e si tratta quasi certamente della stessa persona che ha dato vita a diversi incendi che hanno interessato tale zona negli ultimi quindici anni. Diversamente non si comprende come mai gli incendi sulla frazione Bucita partono quasi tutti dallo stesso punto.
Combinazione? ... può anche darsi. Ma forse è venuto il momento di iniziare a studiare iniziative per dire una volta per tutte: BASTA! ... SIAMO STUFI DI TANTA STUPIDITA’.
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti dal vostro sempre affezionato Pietro Perri.
… /pace!

venerdì 21 luglio 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Francesca Ciancio vedova Papaleo.
... aveva 99 anni ed abitava a Toronto in Canada.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

mercoledì 19 luglio 2017

E' in distribuzione il Notiziario Sanfilese del mese di Luglio 2017.

... proprio così, anche questo mese (Luglio 2017) noi dell'Associazione culturale "Universitas Sancti Felicis" di San Fili (ovvero l'Associazione dei Sanfilesi nel Mondo), siamo riusciti a realizzare il nostro bollettino mensile, il... "Notiziario Sanfilese".
Otto pagine di storia, cultura ed attualità relative alla stupenda cittadina di San Fili e all'altrettanto stupenda comunità da essa ospitata.
Chi volesse ricevere il nostro Notiziario non ha che da diventare socio (anche non effettivo ma semplicemente simpatizzante) dalla nostra Associazione. Si può diventare soci partendo da un contributo di appena 5,00 (cinque) euro, a seconda se si vuole essere soci simpatizzanti (5,00 euro), soci ordinari (15,00 euro) e soci onorari (da 15,00 euro in su).
Per ritornare al "Notiziario Sanfilese" di questo mese (di cui viene riprodotto il frontespizio a sinistra), comunque, riporto di seguito l'indice delle pagine:
*     *     *
Pag. 1
- San Fili brucia - Il criminale (la bestia?) colpisce ancora. Di Pietro Perri.
Pag. 2
- La “piccola muraglia” sanfilese. Di Nuccia Giglio-Carlise.
Pag. 3
- La “licenza” media del 1963. In un ricordo di Tonino Commis.
- Gli acrostici di Alfredo Ruffolo: Michela.
- Piccolo dizionario sanfilese.
- Ci hanno lasciato.
Pag. 4
- Viaggio nelle bellezze d’Italia - Maggio 2017. di Carmelo Serpe.
Pag. 6
- Cinquant’anni di calcio a San Fili: 1926 - 1968... una storia alternativa della Comunità Sanfilese. (6) Di Francesco “Ciccio” Cirillo (articolo rielaborato da Pietro Perri).
Pag. 7
- Quando si giocava al “lanciu du formaggiu”. Di Luigi “Gigino” Iantorno.
Pag. 8
- Sanfilesi che ci onorano: Geppino Rende.
- Tutti possono collaborare al “Notiziario Sanfilese”.
- I membri dell’Associazione Culturale “Universitas Sancti Felicis” e costo tessera e contributi 2017.
*     *     *
... un cordiale affettuoso abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

domenica 16 luglio 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Francesca (Franchina) Carpanzano in Cesario.
... aveva 77 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

sabato 1 luglio 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Mirella Bonazza.
... aveva 59 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI SAN FILI (11).

Volendo rispettare alcune promesse che mi sono fatto nel corso di tanti anni di attività “anche... e non solo” di politica locale e che mi vedono finalmente membro del Consiglio Comunale di San Fili, comunico (in base all’invito che mi è appena giunto) che per VENERDI’ 7 LUGLIO 2017 alle ore 9,00 in prima convocazione ed eventualmente alle ore 10,00 del medesimo giorno è convocato in sessione ordinaria, con seduta pubblica, il CONSIGLIO COMUNALE DI SAN FILI.
La riunione avrà luogo presso la sala consiliare del paese e prevede la trattazione degli argomenti di seguito descritti:

1) Assestamento generale di bilancio e salvaguardia degli equilibri per l’esercizio 2017 ai sensi degli artt. 8 e 193 del d.lgs. N. 267/2000 - Verifica dello stato di attuazione del programma;
2) DUP (Documento Unico di Programmazione) 2018/2020 - Presa d’atto avvenuta presentazione;;
3) Sostituzione componente commissione elettorale comunale;
4) Riscossione: delega delle funzioni e delle attività all’Agenzia delle Entrate - Riscossione.

Da parte mia non posso non sperare in una giusta presenza di Sanfilesi alla succitata riunione. del Consiglio Comunale di San Fili... e non solo perché anche io oggi ne faccio parte ma perché anche tu - da elettore e cittadino - è giusto che ne sia partecipe.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... si vis pacem para bellum”!

domenica 25 giugno 2017

Cercasi amministratori comunali per passeggiata lungo corso XX Settembre... a San Fili.

Ho un piccolo dubbio: gli Amministratori comunali di San Fili (ovviamente mi riferisco a quelli che “possono” e non a quelli come me che li si vorrebbero solo presenti per alzare la mano nelle sedute di Consiglio comunale in occasione dell’approvazione dei bilanci redatti da chi sa chi - quello preventivo in particolare - e da chissà con quali finalità amministrative) ultimamente si sono per caso fatti una passeggiata lungo corso XX Settembre? ... il corso principale (anche perché unico) del nostro centro abitato? ... una passeggiata possibilmente a piedi e non in elicottero? ... dico “in elicottero” perché anche se l’avessero fatta in macchina si sarebbero facilmente resi conto che qualcosa su questo corso non quadra.
Mi riferisco in poche parole i componenti della Giunta comunale in carico.
Mi riferisco in poche parole al sindaco (omissis), al vice sindaco (omissis) ed all’assessore (omissis).
Ok, a questi aggiungo per par condicio le altre ipotetiche (... illuse o complici?) quarta e quinta colonna di tale prestigiosa Giunta comunale... che preferisco non nominare neanche (non vorrei che mi si bruciasse qualche circuito del notebook nel citare anche loro col nome e col cognome).
Perché dico questo?
Semplice: perché corso XX Settembre a San Fili sembra ormai aver veramente toccato il fondo. Semmai potrà esserci un fondo a San Fili.
Marciapiedi divelti e con vari punti d’inciampo, erbacce (sicuramente non nate ieri) che crescono indisturbate lateralmente alla careggiata stradale (non parlo di quelle che si trovano nelle viuzze e scalinate del centro storico perché... meglio soprassedere), escrementi e residui maleodoranti di orine di cani dappertutto, spine o rami di alberi di acacia che fuoriescono  dalle ringhiere lungo ciò che resta dello storico Muraglione e che invadono l’attiguo marciapiede e chi più ne ha più ne metta.
E non parliamo di quegli assurdi dossi in plastica che svolazzano di tanto in tanto sull’asfalto diventando pericolosissimi per chi percorre lo stesso con piccoli messi, bici o motocicli.
Vogliamo registrare qualche tragedia per prendere qualche provvedimento in merito?
Decisamente un esempio di gestione di paese che non mi sarei aspettato specie nel momento in cui ho appoggiato - due anni addietro - la lista “Indietro non si torna” con la mia presenta nella stessa contribuendo a portarla alla guida amministrativa della nostra comunità per quanto riguarda il quinquennio 2015-2020 (cosa di cui ovviamente non mi sono ancora pentito... vista l’alternativa del momento... ed in particolare chi dall’esterno sembrava appoggiare tale alternativa).
In questi giorni devo dire comunque che almeno nella frazione Bucita e lungo corso Giuseppe Miniaci sembra che qualche falciata d’erba sia stata menata ed un po’ di pulizia quindi in tale tratto stradale è stata approntata. Parlo ovviamente di corso Giuseppe Miniaci perché anche per quanto riguarda la frazione Bucita se ci si addentra nei vicoletti della stessa (magari nella scalinata della “cava” - quella che collega direttamente la chiesa di santa Lucia con via Danise)... no comment!
A proposito: tale pulizia “toccata e fuga” lungo corso Miniaci a Bucita sembra sia stata realizzata in occasione della processione del Corpus Domine... quindi non si illudano più di tanto i cari compaesani della frazione in quanto per il prossimo taglio d’erba su tale tratto di strada dovranno aspettare almeno la prima settimana di settembre... ovvero i giorni immediatamente precedenti alla processione dell’8 settembre (ovvero dell’Addolorata).
Purtroppo a San Fili ancora la processione per il Corpus Domine non si è ancora tenuta e quindi anche il miracolo dell’erba lungo corso XX Settembre è ancora lungi da venire. Speriamo che i Sanfilesi non siano costretti ad aspettare la processione della Madonna del monte Carmelo (16 luglio) o ancor peggio la processione del 12 ottobre in occasione della festa votiva in onore di san Francesco di Paola.
Credetemi: è assurdo ma sembra sempre più normale ormai che per avere una parvenza di pulizia lungo le strade interne (e non in tutte le parti) del nostro comune bisogna attendere qualche occasione in particolare: chiusura ed apertura delle scuole elementari e materne per quanto riguarda via Marconi, processioni e festività civili per quanto riguarda corso XX Settembre, corso Miniaci e qualche vicoletto interno ai centri abitati (dove è previsto cioè il passaggio delle rispettive processioni) e via dicendo.
Cari amministratori comunali... mi sembra che i cittadini le tasse (tributi locali eccetera) non le pagano solo per quattro o cinque giorni all’anno... ma per 365 giorni all’anno (per 366 ogni quattro anni). Ed i soldi servono per garantire i servizi e non per garantirsi un cospicuo portafogli di voti per le prossime amministrative (perché - diciamolo col giusto nome - gli sprechi, i lussi, le boiate festose e i concorsi letterari che decollano, così come strutturati, solo nella testa di chi li ha ipotizzati... servono a ben poco oltre che a dare contentini ai creduloni di turno).
Io? ... ci riprovo. Ci riprovo e dico che se vogliamo possiamo ancora dare un futuro al nostro paese... a San Fili.
Le possibilità sono infinite e basta decisamente poco come investimento... oltre ovviamente ad azzerare gli inutili sprechi.
Iniziamo dalla trasparenza, dal giocare tutti a carte scoperte (le mie lo sono purtroppo sempre state) e possibilmente a rendere igienicamente più vivibile le strade ed i vicoletti interni del nostro paese. Magari, se proprio non si riesce ad estirpare con le mani l’erba che vi cresce indisturbata (ad esempio se i nostri spazzini - operatori ecologici -  ne sradicassero una diecina di pianticine al giorno nel corso dell’anno avremmo un paese in cui ci si potrebbe benissimo rispecchiare)... chiediamo a qualche allevatore di pecore o di mucche presenti nel territorio sanfilese di far pascolare per qualche tempo all’interno dei nostri centri abitati i loro animali.
Tanto, escrementi in più escrementi in meno...
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

martedì 20 giugno 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passato a miglior vita il nostro compaesano Mario Lato.
... aveva 84 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

giovedì 15 giugno 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Amelia Chiappetta in Rinaldi.
... aveva 73 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

domenica 11 giugno 2017

Ricordi di un passato non tanto lontano: i catuoi.

San Fili centro storico - scorcio.
L’articolo che propongo in quest’occasione ed in questo spazio è stato scritto dall’amico e compaesano Luigi “Gigino” Iantorno ed è stato pubblicato sul Notiziario Sanfilese (il bollettino dell’Associazione culturale “Universitas Sancti Felicis” di San Fili) nel mese di maggio 2016. Parla dei... catuoi, ovvero del nostro recente passato. Dopotutto i catuoi a San Fili ufficialmente sono stati definitivamente eliminati agli inizi degli anni Settanta del secolo scorso. Ufficialmente.
Ma cos’erano (o cosa sono) i catuoi? ... il termine è di origine greca e San Fili, come sappiamo tutti, ricade nella storica area della mitica Magna Grecia. E significa “stanza sottostante”. In tale stanza, di fatti un seminterrato o comunque una stanza a pianterreno, i nostri padri ed i nostri nonni ci allevavano gli animali... da allevamento: conigli, galline ecc. Necessarie, o comunque di ottimo aiuto, per il sostentamento alimentare del proprio nucleo familiare.
Ma... vi lascio all’articolo, ad una più analitica spiegazione del termine e soprattutto ai vivi ricordi di Luigi “Gigino” Iantorno.
*     *     *
Quasi certamente ormai in tanti hanno dimenticato cos’erano i catuoi.
I catuoi erano dei locali posti al pianterreno delle abitazioni all’interno del centro abitato in cui venivano accuditi gli animali d’allevamento necessari al sostentamento alimentare delle famiglie: galline, maiali, capre, asini, pecore, conigli e via dicendo.
Al pianterreno, spesso dei seminterrati, gli animali ed al primo piano i locali dove si svolgeva tutta la vita della famiglia.
A San Fili almeno fino alla fine degli anni Sessanta del secolo scorso tantissime case avevano un proprio catuoio.
Agli inizi degli anni Settanta anche la Comunità Sanfilese fu costretta ad adeguarsi alle norme sanitarie in materia e quindi a chiudere definitivamente l’epoca dei catuoi all’interno del centro storico.
Oggi, anche lungo corso XX Settembre, è ancora possibile ammirare alcuni resti di catuoi ma gli stessi ovviamente non rispondono più all’utilizzo cui erano destinati fino agli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso. Tanti ex catuoi sanfilesi, infatti, oggi li troviamo trasformati in magazzini, in garage, in ulteriori preziose stanze adibite ad abitazione civile e persino in negozi e similari.
E non possiamo dire che non conservino un certo fascino di piacevole, per alcuni indimenticato, passato.
Inutile dire che l’odore ai tempi in cui i catuoi sanfilesi funzionavano a pieno regime e nel rispetto del fine per cui nascevano non era dei migliori. Ma chi ha vissuto in quei tempi c’era abituato e non ci faceva caso più di tanto. Anzi, il letame - un concime naturale potentissimo - prodotto dagli animali era considerato una ricchezza per le numerose campagne che circondavano il centro abitato di San Fili.
Anche la mia famiglia aveva un catuoio a disposizione. Ricordo che nello stesso allevavamo un maiale, una capra e delle galline. Ciò ci garantiva tantissimi buonissimi derivati della lavorazione del maiale, le uova fresche ed il latte. Per quei tempi una vera manna.
Il pavimento dei catuoi spesso era in terra battuta, in ciottoli o al limite ricavato con incastri di grosse pietre di fiume di opportuna grandezza.
Ricordo che i maiali spesso si divertivano a scavare, con l’uso del muso e delle zampe, dei fossi nel pavimento del catuoio e per evitare si usava inserire un anello di ferro nel muso dell’animale. Il tal modo la povera bestia, sentendo il fastidio del ferro, rinunciava all’impresa. I maiali sono degli ottimi scavatori ed hanno anche un ottimo fiuto tanto che in varie parti d’Italia sono allevati e utilizzati per la ricerca del pregiato tartufo.
In quei tempi non era strano vedere camminare dei maiali nei vicoletti del nostro borgo. Non raramente infatti i proprietari portavano i loro animali a pascolare in alcuni tratti di via Emoli o, imboccata tale via, nel collegamento che dalla stessa portava magari alla scesa del canalicchio o alle coste. Tale operazione veniva quasi regolarmente condotta dalle donne del paese che nel pascolare gli animali si portavano dietro anche qualche lavoretto da realizzare all’uncinetto.
Inutile dire che la bontà della carne del maiale di una volta era dovuta anche a ciò.
Agli inizi degli anni Settanta (quindi appena una quarantina di anni addietro), dicevo, la musica sul fronte igienico sanitario cambia anche a San Fili ed i Sanfilesi, qualcuno non senza polemiche e preoccupandosi tremendamente sul come avrebbe potuto vivere in futuro, dovettero dire addio ai propri catuoi: l’Amministrazione comunale in carica, ovvero la storica Torre con Orologio guidata dall’allora sindaco Alfonso Rinaldi, costretta dalle disposizioni tassative della vigente legge, ordinò ai propri concittadini di allontanare gli animali d’allevamento dal centro abitato.
Oggi, col senno di poi l’ammettiamo, non possiamo definire quel cambiamento epocale, ossia la dismissione dei catuoi all’interno del paese, una vittoria della civiltà.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

venerdì 9 giugno 2017

DEBOLE DI RAGIONE - raccolta di commedie di Peppe Esposito.

“Debole di ragione” (del 2015) è la terza raccolta di commedie scritta e pubblicata dal nostro compaesano Giuseppe “Peppe” Esposito e segue a ruota “Commedie” (del 2004) e “Da pari a pari” (del 2010).
È una raccolta a dir poco strana che si presta a diverse chiavi di lettura: dalla via classica di stile pirandelliano ma con evidenti influssi brechtiani (dove il lettore diventa coprotagonista se non coautore) con qualche influsso della novellistica (con l’esempio portato al suo eccesso) kafkiana.
In essa sembrano trovare giusta collocazione i sei personaggi in cerca d’autore dell'omonima commedia di Pirandello. Sei personaggi, forse qualcuno in meno o forse qualcuno in più, sempre pronti a salire sul palco e sempre in attesa d'un nuovo copione, che nasce giorno dopo giorno e pagina dopo pagina, da studiare e da portare al di là del sipario nell’attimo stesso in cui prende forma.
Un copione che sembra non prendere mai effettiva forma (semplicemente vive e sopravvive a se stesso) ma che alla fine di ritrova paradossalmente con un inizio, un filo conduttore e quasi regolarmente con una inaspettata morale conclusiva.
Tre sono le commedie che compongono questa ennesima fatica del nostro compaesano Giuseppe “Peppe” Esposito: “Debole di ragione” (che da’ il titolo alla raccolta stessa), “Il voto” e “La casa”.
Nelle tre commedie che compongono la raccolta “Debole di ragione” (ma poi “debole di” quale “ragione”? … della propria o dell’altrui… ragione?) sembrano, e secondo me lo fanno, prendere vita i tre fantasmi del “Canto di Natale” di Dickens: il fantasma del Natale passato (Debole di ragione), il fantasma del Natale presente (La casa) e quello del Natale futuro (Il voto). Ovviamente nel caso di Giuseppe “Peppe” Esposito i fantasmi seppur cercano di spiegare un blocco primordiale non trovano via di sbocco né il lieto fine che ci si aspetterebbe da una commedia o da una raccolta di commedie ma concludono il proprio “percorso iniziatico” con “l’ammettere l’irresoluzione della vita terrena”. Nessuna via di scampo, né per i personaggi né per i lettori… così come, appunto, nella commedia che, da inconsapevoli attori, subiamo quotidianamente.
Un percorso iniziatico che si preannuncia proprio con la prima delle tre opere che di fatto dà il nome alla raccolta: “Debole di ragione”. E cos’è, infatti, la commedia “Debole di ragione” se non un vero e proprio percorso iniziatico.
E poi:
... un ateo (Giuseppe “Peppe” Esposito. Ma esistono veramente gli atei?) che descrive il miracolo della processione con le parole di un prete (don Flores) che sa fare bene i propri interessi.
Oppure:
Don Flores (soddisfatto): Eh!… Il miracolo, il miracolo!... E il rancore, l’odio, l’invidia, l’astio, la gelosia, l’inimicizia dove li mettono, lor signori?... Eppure sono tutti là, sotto quel santo, ognuno con le proprie ragioni ma tutti là a soffrire, a sfiorarsi, a toccarsi, a stringersi per non soccombere. (estasiato) Ed eccolo il miracolo!... Uomini, donne che vivono per più turpi desideri l’un contro l’altro aspettando in ogni istante della loro esistenza che si compia la loro miserabile vendetta. Ebbene, lì sotto quelle assi tutti a concorrere uniti per non cadere. (grave) Badi!... Per poco, un nonnulla, il tempo del proprio turno e dimenticano, si aiutano, si parlano, sono lì e non soltanto per non cadere ma per dimostrare d’essere stati bravi a portarlo, il santo. Non è un miracolo questo? (estasiato) È miracolo guarire dalle malattie del corpo, dalle storpiature degli accidenti, dalle deformità della natura oppure riconoscersi fratelli, seppur per un attimo, sotto il peso della fede?
Nelle altre due commedie riscopriamo tra l’altro il pensiero politico, se non la fede, di Peppe Esposito ma con appunto le sue aspettative giovanili e le regolari rinascite da adulto (e questo è il caso de “Il voto”) e ci imbattiamo in una digressione che prova a condurci mano nella mano alla maturazione, a guardare oltre (“La casa” ma anche la stessa “Debole di ragione”).
Il pezzo forte della raccolta in ogni caso è dato dalla commedia “Il voto”. In essa viene messa a nudo la fragilità della perfezione. In essa viene dimostrato che tutto è debole nel sistema a partire dal sistema stesso. E la debolezza viene resa evidente proprio dalla perfezione del sistema: basta un nonnulla per mettere tutto in discussione, per far saltare l’ingranaggio. Basta un singolo idealista che ha fatto del proprio credo filosofico ed ideologico il proprio credo religioso: l'unica fede di Giuseppe “Peppe” Esposito, sembrano gridarci infatti le righe di questa commedia, è il Comunismo.
Dopotutto:
Primo commissario:  ... Il comunismo è una fede, un marchio impresso a fuoco ancor prima che nella carne nel profondo della coscienza e non esiste condanna o tortura che possano cancellarlo.
E se tutto sembra funzionare nel migliore dei modi lo si deve solo al fatto che i personaggi della commedia della vita accettano di recitare il ruolo loro assegnato senza cambiare una virgola del copione, della loro parte.
Che dire, per concludere, se non “complimenti” all’autore?
Il libro, per chi volesse acquistarlo, si trova in vendita sulla piattaforma internet di Amazon. Basta digitare nell’apposito campo di ricerca “Debole di ragione” e/o “Peppe Esposito”.
In alternativa ci si può rivolgere direttamente all’autore.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

lunedì 5 giugno 2017

Intervista a Mirko Onofrio, reduce del Concertone del I Maggio di Roma.

Intervista a Mirko Onofrio reduce, assieme al grande Dario Brunori ed al resto della band, del palco del Concerto del I Maggio di piazza san Giovanni in Laterano a Roma.
(Articolo firmato dal sottoscritto e pubblicato sul Notiziario Sanfilese del mese di Giugno 2017).
*     *     *
I magnifici 7+1 in attesa di salire sul
palco che ospitava il concertone del
Maggio a Roma in piazza san 
Giovanni in Laterano. Da sinistra: 
Stefano Amato, Simona Marrazzo, 
Taketo Goahara (d.b., m.o.), Dario 
Brunori (alias Brunori SAS), Mirko 
Onofrio, Dario della Rossa, Lucia
Sagretti e Massimo Palermo.
Anche quest’anno, come ormai da 25 anni a questa parte, a Roma in piazza san Giovanni in Laterano, si è svolto il tradizionale Concerto del I Maggio. Un prestigioso incontro musicale organizzato dalle più importanti organizzazioni sindacali italiane per festeggiare assieme, possibilmente con un minimo di confronto sui problemi che attanagliano in questo periodo il nostro Paese ed una pacata riflessione sul mondo del lavoro.
Ma cosa c’entra il Concerto del I Maggio edizione 2017 tenutosi a Roma il primo Maggio scorso con San Fili e quindi con il nostro bollettino mensile? ... tanto, per non dire tantissimo. Perché San Fili ed i Sanfilesi erano ben rappresentati sul mitico palco di tale prestigioso appuntamento. Grazie al grande Dario Brunori (alias Brunori SAS - un cantante che ultimamente va decisamente per la grande a livello nazionale ed internazionale), grazie alla band che lo accompagnava (band di cui fanno parte significativamente integrante i nostri compaesani Mirko Onofrio e Simona Marrazzo) e grazie ad un simpatico cappellino che riportava in modo inconfondibile sul frontale la scritta SAN FILI.
Un cappellino, quest’ultimo protagonista nostrano sul palco del concertone del I Maggio, che avevamo già imparato ad apprezzare, non senza stupore non appena ci accorgemmo della sua dirompente presenza, non solo in alcuni concerti di Mirko Onofrio ma anche, poco tempo prima, protagonista sulla piattaforma televisiva di SKY in una puntata di Edicola Fiore... indossato in un piccolo sketch dal mitico Rosario Fiorello in una puntata in cui, guarda caso, era ospite l’ormai nostro illustre compaesano, mi si permetta di dirlo, Dario Brunori.
Detto ciò potevamo noi dell’Associazione culturale “Universitas Sancti Felicis” di San Fili non dedicare un meritato spazio all’evento magari mettendo su una piccola intervista con uno dei protagonisti dell’evento? ... perché, diciamolo e magari gridiamolo pure, su quel palco SAN FILI C’ERA.
Nasce così l’intervista fatta al nostro compaesano Mirko Onofrio, figlio di Saverio ed Alda Meranda e nipote degli indimenticabili Sante e Genoeffa.
Intervista che riportiamo di seguito magari in attesa di incontrare anche, in un futuro prossimo, il grande Dario ed il resto della band.
*     *     *
Dario Brunori (Brunori SAS) nel corso
del concertone del I Maggio 2017 a Roma
in piazza san Giovanni in Laterano.
Quando hai avuto il primo approccio con la musica e quando hai iniziato a suonare da professionista?
L'approccio alla musica è avvenuto sin da giovanissimo poiché ho avuto la fortuna di ritrovarmi i giusti dischi in casa. Di lì in poi il resto è avvenuto tutto molto naturalmente: dalle prime band della scuola alla Brunori Sas passando per varie esperienze che man mano mi hanno formato e indotto a scegliere indubitabilmente la musica come professione.
A parte il lavoro sul campo ho studiato al Dams (indirizzo musicale) di Arcavacata, quando ancora poteva definirsi tale, e flauto dolce in Conservatorio a Cosenza. Attualmente studio Composizione Jazz, mia altra grande passione!
Hai pubblicato raccolte musicali?
Ho effettuato innumerevoli registrazioni di materiale mio e altrui ma di fatto l'unica pubblicazione ufficiale risale al 2009. Si tratta di un disco pubblicato da un'etichetta nostrana (Mk Records) che s'intitola "Les premiers plaisirs" registrato in parte in Italia e in parte in Francia dove ho vissuto per qualche tempo.
Contiene composizioni mie a metà tra il jazz e il pop sperimentale. Nel disco suona pure Massimo Garritano e la band in questione, ancora attiva e prossima a nuove pubblicazioni, si chiama Red Basica.
Collabori in particolare con qualcuno che merita di essere citato?
A parte Dario Brunori, nella cui sas milito attivamente sin dagli esordi, ho collaborato con tanti artisti ognuno dei quali mi ha lasciato qualcosa. Penso alla jazzista Chiara Civello, ai cantautori Dimartino, Appino, Niccolò Carnesi, Dente, al rapper Mirko Kiave, al compositore per musiche da film Paolo Vivaldi, agli attori Peppino Mazzotta e Monica Demuru, agli ex CCCP/CSI in un tributo a Robert Wyatt, a Cristina Donà, a Giorgio Canali e molti altri.
Quando hai conosciuto Brunori SAS, come vi siete incontrati e come avete capito che potevate fare un percorso assieme?
Nel 2009 tramite l'attuale tastierista della band nonché mio vecchio amico Dario Della Rossa che ebbe modo d'intervistarlo all'uscita del primo disco.
In quel periodo Brunori, da poco rientrato in Calabria, era alla ricerca di musicisti locali per avviare quello che è stato un percorso straordinario e molto fortunato, e il caso lo ha portato a me e me a lui in un rapporto professionale ma soprattutto d'amicizia che dura ancora oggi e spero per molto tempo ancora perché, a parte tutto, è una persona veramente speciale!
C’è una canzone che ti piace in particolare di Dario?
Naturalmente essendo affezionato a tutto il repertorio non è facile stabilire quale sia il mio brano preferito però posso dire che l'ultimo disco "A casa tutto bene" ha avuto su di me un impatto fortissimo per la sua potenza poetica e la scrittura affatto scontata.
"Don Abbondio" è probabilmente il brano che più di tutti mi ha stretto il cuore!
Chi c’era oltre a te (specificando se c’erano altri di San Fili) e a Dario sul palco del I Maggio a Roma?
In ordine c'erano Simona Marrazzo, appunto di San Fili anch'essa, ai cori ed alle percussioni, Dario Della Rossa alle tastiere, Stefano Amato al basso e violoncello, Massimo Palermo alla batteria e Lucia Sagretti al violino.
Mirko Onofrio nel corso del concertone
del I Maggio 2017 a Roma in piazza san 
Giovanni in Laterano.
Com’è nata l’idea del cappellino con la scritta “San Fili”.
Da Dario Brunori che, come me e Simona, ama particolarmente un paese che, per bellezza e potenzialità, merita di essere maggiormente valorizzato e fatto conoscere ai più! In questo senso il cappellino ha una sua funzione divulgativo-subliminale!
Qual è stato il tuo primo pensiero quando hai saputo che saresti salito sul palco del I Maggio?
In realtà vi abbiamo già partecipato nel 2015 durante il tour di "Il cammino di Santiago in taxi" ma in tarda serata.
E' stata dunque una grande emozione che si è ripetuta con in più però il carico di responsabilità dovuto all'enorme successo che l'ultimo disco ha avuto a livello mediatico e quindi di aspettative di quanti ci hanno seguito e sostenuto.
Come ci si sente su un palco del I Maggio ed in prima serata (quindi non da riempitivi)?
Come in un film d'azione! Tutto molto rapido ma intenso ed adrenalinico!
Quali sono state le città più importanti in cui avete suonato finora?
Abbiamo suonato praticamente ovunque incluso l'estero ma direi che la città che più di tutte sin dal primo momento ci ha adottati e fatto crescere è stata sicuramente Milano.
Dario Brunori  e la sua band nel corso
del concertone del I Maggio 2017 a
Roma in piazza san Giovanni in
Laterano.
Visto che un tuo spettacolo musicale aveva come filo portante San Fili... mi spieghi il tuo amore (come nasce - oltre al fatto di essere figlio di sanfilesi - e come lo vedi nella tua testa) per il nostro paesino?
Difficile da riassumere in poche parole.
Da sempre San Fili, mio paese paterno, ha avuto un ruolo importante nello sviluppo della mia immaginazione; l'infanzia che vi ho trascorso è stata indelebilmente segnata da una mitologia che continua a pulsare in vicoli, vecchie case, piazzette, boschi e montagne in cui spesso mi sono perso solitario per assorbirne le energie tutte speciali come anticorpi spirituali per affrontare una realtà che, nel corso del tempo, si è rivelata sempre più inattendibile e vacillante.
Progetti per il futuro?
Tanta musica e perché no? Organizzare un San Fili Music Festival che possa portare gente da tutte le parti d'Italia e restituire al paese l'attenzione e l'amore che merita.
*     *     *
... un cordiale affettuoso abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

E' in distribuzione il Notiziario Sanfilese del mese di Giugno 2017.

... proprio così, anche questo mese (Giugno 2017) noi dell'Associazione culturale "Universitas Sancti Felicis" di San Fili (ovvero l'Associazione dei Sanfilesi nel Mondo), siamo riusciti a realizzare il nostro bollettino mensile, il... "Notiziario Sanfilese".
Otto pagine di storia, cultura ed attualità relative alla stupenda cittadina di San Fili e all'altrettanto stupenda comunità da essa ospitata.
Chi volesse ricevere il nostro Notiziario non ha che da diventare socio (anche non effettivo ma semplicemente simpatizzante) dalla nostra Associazione. Si può diventare soci partendo da un contributo di appena 5,00 (cinque) euro, a seconda se si vuole essere soci simpatizzanti (5,00 euro), soci ordinari (15,00 euro) e soci onorari (da 15,00 euro in su).
Per ritornare al "Notiziario Sanfilese" di questo mese (di cui viene riprodotto il frontespizio a sinistra), comunque, riporto di seguito l'indice delle pagine:
*     *     *
Pag. 1
- Intervista a Mirko Onofrio reduce, assieme al grande Dario Brunori ed al resto della band,  del palco del Concerto del I Maggio di piazza san Giovanni in Laterano a Roma. Di Pietro Perri.
Pag. 3
- Quando si ama la caccia. Di Nuccia Giglio-Carlise.
Pag. 4
- La recensione: “Debole di ragione”- raccolta di commedie di Peppe Esposito. Di Pietro Perri.
Pag. 5
- Anno scolastico 1967/1968. Quarta elementare dell’insegnante Raffaele Perri (foto messaci gentilmente a disposizione dal compaesano Elio Franco Satino).
Pag. 6
- La “Chjina” di San Fili  e la “torta co’ bischeri” della Toscana. Di Alfredo Gentile.
- Ci hanno lasciato.
Pag. 7
- San Fili maggio 1987 - Dedicato all’ultima littorina. Di Oscar Bruno.
- La morra (u tuoccu). Di Luigi “Gigino” Iantorno.
Pag. 8
- Una foto per non dimenticare. San Fili 1962: nel negozio di tessuti di Genoeffa Rossiello.
- I membri dell’Associazione Culturale “Universitas Sancti Felicis” e costo tessera e contributi 2017.
*     *     *
... un cordiale affettuoso abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passato a miglior vita il nostro compaesano Francesco Ciancio.
... aveva 69 anni ed abitava a Vallecrosia (IM).
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

domenica 4 giugno 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passato a miglior vita il nostro compaesano Carmine Perri.
... aveva 87 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

martedì 30 maggio 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passato a miglior vita il nostro compaesano Francesco Iantorno.
... aveva 94 anni ed era della frazione Bucita.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

sabato 27 maggio 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Grazia Muto.
... aveva 92 anni ed abitava a Chicago.
(Notizia fornitami tramite e-mail da Peppino “Joe” Muto di Toronto)
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

domenica 21 maggio 2017

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Paolina Cappadona vedova Bruno.
... aveva 91 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!