A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

sabato 25 ottobre 2014

"... na cosiceddra ppe sant'Antonu, picciri'! ... ca sant'Antonu vi vo' bene."

... stamane (sabato 25 ottobre 2014) ho fatto, ovviamente con mia moglie, una piccola passeggiata lungo corso Mazzini a Cosenza... il mitico corso Mazzini. C'era "in corso" (scusatemi lo spreco della parola "corso") l'edizione 2014 della "Fiera del Cioccolato"... cosa di cui me n'è fregato ben poco. Ciò che ha invece ha attratto in particolare la mia attenzione sono state due cose: 1) un simpatico vecchietto che con una straconsumata cassettina chiedeva un obolo per sant'Antonio e 2) in un negozio (il Salumaio?) l'esposizione in bella mostra di tre "paddrun'e ficu" con sotto un cartello riportante la scritta "Fichi di San Fili".
Che dire: per quanto riguarda il punto due... mi chiedo dove siano stati raccolti quei fichi e chi abbia fatto quei "paddruni"... sono decenni che cerco invano di capire che fine abbiano fatto i mai esistiti (se non come semplice marchio) "Fichi di San Fili"; per quanto riguarda quel simpatico vecchietto che chiedeva l'obolo per sant'Antonio ... ma quantu c***u de anni tene chissu ddruacu? ... che ci crediate o no io lo ricordo sempre uguale fin da quando ad appena sette anni percorrevo con mia madre corso Mazzini a Cosenza: era già vecchio allora (circa 45 anni fa) e faceva lo stesso mestiere.
"... na cosiceddra ppe sant'Antonu, picciri'! ... ca sant'Antonu vi vo’ bene."
Inutile dire che se non è passato ancora a miglior vita (se non ha cent'anni - di buona salute - poco ci manca) due sono le cose: ho sant'Antonio a lui gli vuole veramente bene o... è lui che non ha il coraggio di oltrepassare il confine tra la vita e la morte perché non sa' come portare a sant'Antonio ciò che si è preso "terrenamente in prestito" in questa sua lunga e sicuramente poco travagliata vita.
... ppe n'atri cient'anni, vecchiari'!
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: