A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

lunedì 11 aprile 2016

TRIVELLE SI TRIVELLE NO... INTANTO CHI CI GOVERNA CI TRIVELLA IL CERVELLO.

Dei criminali (non lobbisti - le lobby sono ben altra cosa - ma "prezzolati di cupole affaristico-mafiose") che si sono impossessati della guida della nostra Nazione svendendola ai poteri forti della finanza internazionale stanno cercando di far passare il votare "SI" al referendum del 17 APRILE 2016 o il semplice andare a votare onde garantire il raggiungimento del quorum in tale tornata referendaria come una vigliaccata contro l'occupazione.
Dicono, infatti, che votando SI o andando semplicemente a votare garantendo il quorum e quindi la vittoria del SI... e quindi bloccando le trivelle in parte del Mediterraneo e quindi a ridosso delle nostre cose (dico "le nostre" e non "le loro") avrà come logica conseguenza la perdita di migliaia di posti di lavoro: CAZZATE.
Al di là che sono posti di lavoro comunque a termine (le riserve del petrolio presente nel sottosuolo italiano sono a dir poco ridicole e non superano i due anni di estrazione o comunque nel loro insieme non coprono il fabbisogno del Popolo Italiano per non più di un paio d'anni... ammesso e non concesso che il Popolo Italiano di tale scempio ambientale ne vedrà qualche frutto) ma continuano a tacere i rischi legati all'estrazione del petrolio sul nostro territorio. Rischi e problemi che finora - da popolo civile - abbiamo demandato ai popoli del Terzo Mondo o alla Nazione Musulmana... ben lontana dalle nostre coste: terremoti, tumori e via dicendo.
Il termine PETROLIO non dimentichiamolo mai e sopratutto non dimentichiamolo il 17 APRILE 2016 è sinonimo di MORTE: per la nostra generazione e per le generazioni a venire.
E poi diciamolo una volta per tutte: noi non vogliamo posti di lavoro come i posti di lavoro dell'ILVA di Taranto o delle raffinerie di petrolio dove giornalmente decine di persone si ammalano di... mali brutti. Noi vogliamo una nuova e più equa distribuzione della ricchezza mondiale: che ci crediate o no oggi la metà della ricchezza mondiale è in pano a poco più di 85 persone... e miliardi di nostri "conviventi" muoiono letteralmente di fame ed agli stessi sono negate anche le cure primarie.
Io il 17 APRILE 2016 vado a votare e voto SI... perché non voglio che dei criminali al potere continuino a TRIVELLARMI IL CERVELLO.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... si vis pacem para bellum!

Nessun commento: