A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

mercoledì 22 marzo 2017

La fontana di via Danise nella frazione Bucita di San Fili: una vergogna tutta sanfilese.

Dal Notiziario Sanfilese del mese di marzo 2017 (articolo firmato Pietro Perri).
*     *     *

Il 30 maggio del 2015, ovvero quasi due anni addietro, si sono tenute le ultime amministrative sanfilesi. Quelle che hanno visto vincere la lista capitanata dall’attuale sindaco arch. Antonio Argentino (di cui faceva parte anche lo scrivente... che purtroppo ai suoi potenziali elettori prometteva solo cultura e un po’ di cambiamento delle regole del gioco) contro lo sfidante dottor Giovanni Carbotti.
Sono passati quasi due lunghissimi anni e ne mancano tre brevissimi all’appuntamento del 2020. Perché, credeteci, in politica su un quinquennio amministrativo, sono sempre molto più lunghi gli anni passati di quelli che devono ancora passare.
Di promesse in quel periodo le squadre ne sono state fatte tantissime e da entrambi i due schieramenti in campo: alcune uguali e contrarie e qualcuna anche leggermente diversa. Tra le tante, e comunque tra le prime (quelle uguali) anche quella di recuperare un po’ i nostri centri storici rendendoli un po’ più decorosi, più vivibili e quindi più allettanti per qualcuno che, magari residente nelle costosissime realtà urbane attigue al nostro borgo - magari divinamente abbagliato sulla via di Damasco (ovvero percorrendo la statale che collega Paola con Cosenza) - pensasse di venire ad investire dalle nostre ormai altrettanto costosissime parti.
Cos’è cambiato in questi ultimi due anni nei centri storici di San Fili e della frazione Bucita? ... in peggio tantissimo.
E non voglio in tale spazio entrare in merito alle nuove, si fa per dire, realtà abitativa sorte tra il 1970 ed il 2010 nel territorio sanfilese. I cosiddetti “fiori all’occhiello” delle varie amministrazioni succedutesi nel citato quarantennale arco di tempo alla guida del nostro amato/odiato Comune: il Frassino ed i Cozzi.
Un bell’esempio di ripristino del decoro urbano messo in atto, e sempre e comunque nel pieno rispetto delle promesse fatte nel corso della campagna elettorale sanfilese del mese di maggio del 2015, è sicuramente rappresentata dalla salita di via Danise alla frazione Bucita.
Definire “da terzo mondo” lo stato di degrado in cui versa tale rione nel corso dell’anno è sicuramente sottovalutare la “vergogna amministrativa” stessa: pietre e blocchi di tufo che saltano regolarmente sul selciato stradale, fontane pubbliche in stato pietoso e chi più ne ha più ne metta.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... si vis pacem para bellum!

Nessun commento: