A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

giovedì 29 settembre 2016

GRAZIE A LASZLO' JOZSEF BIRO', BILL GATES E MARK ZUCHERBERG... SIAMO TUTTI ALESSANDRO MANZONI (QUALCUNO ANCHE GIACOMO LEOPARDI).

117 anni addietro (ovvero il 29 settembre del 1899), ci ricorda il motore di ricerca di Google, nacque colui che rese possibile l'accesso all'uso della scrittura (con la sua insostituibile "biro") a tanti ignoranti ed analfabeti (tra questi lo scrivente... innamorato spesso non ricambiato delle mitiche BIC colore nero): László József Bíró.
László József Bíró passò a miglior vita nel 1985 periodo in cui nel mondo si iniziavano a conoscere i PC (Personal Computers) e quindi anche le biro iniziavano, dopo anni di indiscusso predominio, a subire il loro inarrestabile declino.
Gli ignoranti ed analfabeti non avevano più bisogno di una penna tra le dita per mostrare ai propri simili le proprie limitatezze culturali e sopratutto grammaticali (per me ci volle il 1996 ed il mio primo PC fu un Olivetti 486... un mostro per l'epoca. Ma non ho mai tradito la mia BIC colore nero. Anche se non la uso come prima la porto sempre nel mio taschino. La amo come fosse il primo giorno che ci siamo incontrati/scontrati).
Inutile dire che qualche ignorante analfabeta era sopravvissuto sia all'invenzione di László József Bíró che all'invenzione del PC. La scrittura, diciamo la verità, continuava, malgrado tutto, a non essere alla portata di tutti.
Oltretutto... per uno come me che usa tutte e dieci le dita delle mani per colpire i quadratini o i rettangolini mobili sulla tastiera (ho frequentato a Ragioneria quando ancora era obbligatorio studiare dattilografia) non vi dico cosa mi passa per il cervello quando vedo degli handicappati utilizzate affannosamente due dita (non vi dico quali) per ottenere con più affanno il mio medesimo... deprimente risultato.
Per ritornare ai novelli Alessandro Manzoni o Giacomo Leopardi...
Fortuna che Mark Zuckerberg e company hanno dato vita in questi ultimi anni a FACEBOOK... l'ultima frontiera degli ignoranti analfabeti (come lo scrivente).
... adesso tutti posiamo dire che siamo in grado di scrivere (pochi ancora in grado anche di leggere le ca***te che scrivono prima di pubblicarle).
In ogni caso gridiamolo forte: GRAZIE DI CUORE László József Bíró. Ti dobbiamo tanto. Qualcuno di noi senza di te non sarebbe stato neanche in grado di fare un segno di croce al posto di scrivere il suo nome e cognome... senza rovinare la penna o il foglio in cui stava apponendo tale segno di croce.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

Nessun commento: