A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

venerdì 30 settembre 2016

HANNO CAMBIATO IL NOME A VIA COZZO DI IORIO?

Ok, l'ammetto: faccio parte della Commissione per la Toponomastica del Comune di San Fili (non mi sembra infatti che sia decaduta ancora tale nomina) ma vi assicuro che - malgrado abbiamo intestato diverse nuove vie, con i colleghi della stessa Commissione, e qualcuna l'abbiamo anche reintestata - ... via Cozzo di Iorio (giuro) l'abbiamo lasciata via Cozzo di Iorio e non rinominata via C*zzo di Iorio.
Allora perché nell'ordinanza (debitamente firmata dal Sindaco in carica) n. 46 del 28 settembre 2016 (Albo Pretorio online del Comune di San Fili) per ben due volte si legge via C*zzo di Iorio e non via Cozzo di Iorio?
... un dubbioso Pietro Perri.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

giovedì 29 settembre 2016

GRAZIE A LASZLO' JOZSEF BIRO', BILL GATES E MARK ZUCHERBERG... SIAMO TUTTI ALESSANDRO MANZONI (QUALCUNO ANCHE GIACOMO LEOPARDI).

117 anni addietro (ovvero il 29 settembre del 1899), ci ricorda il motore di ricerca di Google, nacque colui che rese possibile l'accesso all'uso della scrittura (con la sua insostituibile "biro") a tanti ignoranti ed analfabeti (tra questi lo scrivente... innamorato spesso non ricambiato delle mitiche BIC colore nero): László József Bíró.
László József Bíró passò a miglior vita nel 1985 periodo in cui nel mondo si iniziavano a conoscere i PC (Personal Computers) e quindi anche le biro iniziavano, dopo anni di indiscusso predominio, a subire il loro inarrestabile declino.
Gli ignoranti ed analfabeti non avevano più bisogno di una penna tra le dita per mostrare ai propri simili le proprie limitatezze culturali e sopratutto grammaticali (per me ci volle il 1996 ed il mio primo PC fu un Olivetti 486... un mostro per l'epoca. Ma non ho mai tradito la mia BIC colore nero. Anche se non la uso come prima la porto sempre nel mio taschino. La amo come fosse il primo giorno che ci siamo incontrati/scontrati).
Inutile dire che qualche ignorante analfabeta era sopravvissuto sia all'invenzione di László József Bíró che all'invenzione del PC. La scrittura, diciamo la verità, continuava, malgrado tutto, a non essere alla portata di tutti.
Oltretutto... per uno come me che usa tutte e dieci le dita delle mani per colpire i quadratini o i rettangolini mobili sulla tastiera (ho frequentato a Ragioneria quando ancora era obbligatorio studiare dattilografia) non vi dico cosa mi passa per il cervello quando vedo degli handicappati utilizzate affannosamente due dita (non vi dico quali) per ottenere con più affanno il mio medesimo... deprimente risultato.
Per ritornare ai novelli Alessandro Manzoni o Giacomo Leopardi...
Fortuna che Mark Zuckerberg e company hanno dato vita in questi ultimi anni a FACEBOOK... l'ultima frontiera degli ignoranti analfabeti (come lo scrivente).
... adesso tutti posiamo dire che siamo in grado di scrivere (pochi ancora in grado anche di leggere le ca***te che scrivono prima di pubblicarle).
In ogni caso gridiamolo forte: GRAZIE DI CUORE László József Bíró. Ti dobbiamo tanto. Qualcuno di noi senza di te non sarebbe stato neanche in grado di fare un segno di croce al posto di scrivere il suo nome e cognome... senza rovinare la penna o il foglio in cui stava apponendo tale segno di croce.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

lunedì 26 settembre 2016

Comunicazioni ai Sanfilesi di Toronto (Canada)... fedeli di san Francesco di Paola.

Comunicazioni ai Sanfilesi di Toronto (Canada)... fedeli di san Francesco di Paola.


Si informa tutti i compaesani residenti a Toronto che domenica 9 ottobre 2016 alle ore 3:30 p.m. nella chiesa di “ST. JOSEPH THE WORKER” (191 WADE GATE, THORNHILL, ONT.) si terrà una santa messa in onore del nostro protettore san Francesco di Paola.
A seguire ci sarà una serata sociale nella sala della chiesa con tanto di danze accompagnate del bravo maestro Italo Chiodo e compagnia. Ovviamente non mancheranno i dolci e tanto ben di dio realizzato dalle nostre brave paesane.
A proposito: quest’anno sembra che ospite d’onore sarà il grande... (sorpresa) ... ugola d’oro sanfilese dei begli anni che furono.
*     *     *
Anche se un po’ in tono minore da qualche anno a questa parte, i tradizionali incontri in onore del nostro santo protettore (uno dei tanti, a dire il vero) della nostra Comunità ovvero di san Francesco di Paola sono molto sentiti dai Sanfilesi sparsi per il Mondo ed in particolare dai nostri compaesani di Toronto (Canada).
E’ tra l’altro, questo, un modo come un altro per ritrovare facce che magari non si vedono da diversi mesi se non anni o per far conoscere le nuove generazioni di Sanfilesi emigrati che diversamente avrebbero opportunità simili o alternative.
San Fili... vive! ... anche se a volte il San Fili che vive è più facile ormai ritrovarlo fuori dei confini naturali del territorio comunale che non lungo corso XX Settembre... a San Fili.
Riporto di un articolo inviatomi per il Notiziario Sanfilese del mese di novembre del 2014 dall’amico e compaesano Frank Perri relativo all’incontro dei Sanfilesi di Toronto in onore di san Francesco di Paola... ovviamente di quell’anno.
*     *     *
Festa di san Francesco di Paola a... Toronto.
Di Frank Perri.

Da quasi due secoli il dodici ottobre rappresenta una data importante per molti Sanfilesi sparsi nel mondo. E’ il giorno che gli stessi hanno deciso di dedicare alla particolare venerazione del loro santo patrono san Francesco di Paola.
Il dodici ottobre scorso anche qui in Nord America, così come nel nostro paese d’origine, noi Sanfilesi abbiamo voluto onorare tale giorno. E l’abbiamo fatto anche e soprattutto grazie all’instancabile attenzione e lavoro di due nostri bravi compaesani: Salvatore Malfitano con la moglie Franca Storino e Vincenzo Maio con la moglie Rita Cundari (scialla). Grazie a loro un nutrito numero di Sanfilesi di Toronto si è ritrovato presso la chiesa di St. Joseph of the worker per rendere omaggio al santo paolano nello stesso giorno in cui parenti ed amici facevano altrettanto nel nostro lontano paesello.
La Santa messa è stata offerta da Oscar Bruno e famiglia mentre l’omelia è stata celebrata dal sempre vivace Padre Mario.
Ai piedi dell’altare, per l’occasione, c’era una magnifica statua raffigurante il taumaturgo di Paola. Tale opera è stata data in dono alla chiesa da tutti i fedeli che affollano questa chiesa ogni domenica. Fedeli che vengono da diverse parti del mondo.
Inutile dire che l’intuito per organizzare tale festa ed il contributo maggiore è stato dato fin dall’inizio degli anni Ottanta del XX secolo da tanti nostri compaesani molti dei quali oggi purtroppo non sono più tra noi.
Padre Mario nella sua omelia ha severamente condannato, senza usare mezzi termini, l’ipocrisia che regna nella società e nelle nostre case consigliando di perseguire la semplicità nella vita come soluzione efficace a tanti mali odierni.
Seguendo i suoi consigli quest’anno abbiamo fatto una festa non eccessivamente legata allo sfarzo ed al consumismo: niente sale di lusso e passerelle varie. Quest’anno alla fine della santa messa in onore di san Francesco di Paola tutti i presenti alla cerimonia ci siamo ritrovati nei locali adiacenti la chiesa per festeggiare laicamente il bellissimo incontro in onore del nostro santo protettore.
E’ stato bellissimo ed il tutto si è svolto con un piacevole rinfresco preparato dai tanti nostri compaesani. Tra questi il fantastico duo Salvatore & Vincenzo hanno messo ha disposizione dei presenti una buonissima porchetta.
In tanti hanno portato tante gustose preparazioni della cucina paesana: Antonella Maio, figlia di Renato, ha persino preparato la "chjina", delle scalette e delle pezzette; Liliana Rende (u guardiano) dei buonissimi dolci, Mario Conforti con la famiglia hanno offerto le pizze e Luigi Malfitano delle gustose salamelle.
È' doveroso segnalare che questo riuscitissimo incontro è stato allietato dall’orchestra del maestro Italo Chiodo di Sartano che si è offerto senza chieder nulla in cambio.
Nella speranza di esser più numerosi il prossimo anno un caro saluto ha chi legge ovunque siate.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

mercoledì 14 settembre 2016

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passato a miglior vita il nostro compaesano Francesco “Ciccio” Cortese.
... aveva 59 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

lunedì 12 settembre 2016

E' in distribuzione il Notiziario Sanfilese del mese di settembre 2016.

... proprio così, anche questo mese (settembre 2016) noi dell'Associazione culturale "Universitas Sancti Felicis" di San Fili (ovvero l'Associazione dei Sanfilesi nel Mondo), siamo riusciti a realizzare il nostro bollettino mensile, il... "Notiziario Sanfilese".
Otto pagine di storia, cultura ed attualità relative alla stupenda cittadina di San Fili e all'altrettanto stupenda comunità da essa ospitata.
Chi volesse ricevere il nostro Notiziario non ha che da diventare socio (anche non effettivo ma semplicemente simpatizzante) dalla nostra Associazione. Si può diventare soci partendo da un contributo di appena 5,00 (cinque) euro, a seconda se si vuole essere soci simpatizzanti (5,00 euro), soci ordinari (15,00 euro) e soci onorari (da 15,00 euro in su).
Per ritornare al "Notiziario Sanfilese" di questo mese (di cui viene riprodotto il frontespizio a sinistra), comunque, riporto di seguito l'indice delle pagine:
*     *     *
Pag. 1
- La Fiera di santa Maria degli angeli. In un ricordo di Alfredo Iuliano.
Pag. 2
- Intervista a Mamma Ida, l'ultima Magara di San Fili. (1) Di Cerridwen Wolf Spirit.
Pag. 4
- Un laboratorio sanfilese degli anni ‘60. Di Nuccia Giglio-Carlise.
- Comunicazioni ai Sanfilesi di Toronto... fedeli di san Francesco di Paola.
Pag. 5
- Re Marcone e la Repubblica Calabrese. (3) Di Antonio Asta.
Pag. 6
- I ruonzi. Di Luigi “Gigino” Iantorno.
Pag. 7
- Ci hanno lasciato.
Pag. 8
- Le magare tra mito e realtà. Breve resoconto di un interessante convegno.
- Tutti possono collaborare al “Notiziario Sanfilese”.
- Comunicazione ai soci.
- I membri dell’Associazione culturale “Univer-sitas Sancti Felicis” e costo tessera e contributi 2016/2017.
*     *     *
... un cordiale affettuoso abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

domenica 11 settembre 2016

Grazie di cuore da Concetta Assisa.

Antonio Assisa. Dirigente
squadra Sanflese.
Ringrazio pubblicamente dalle pagine di questo blog il sindaco Antonio Argentino, il signor Riccardo Palazzo, il SAN FILI CALCIO 1926, l'Associazione culturale UNIVERSITAS SANCTI FELICIS di San Fili, il COMITATO ORGANIZZATORE della celebrazione del “90ESIMO ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA SQUADRA DEL SAN FILI CALCIO”  e lei, signor Pietro Perri, per l’onore riservato a mio padre Antonio Assisa.
Custodirò la targa a testimonianza del grande amore che nutriva mio padre per il calcio, secondo solo al grande amore per il suo paese nativo San Fili.
Grazie di cuore a tutti.
Concetta Assisa.
 

P.S.: sarà un grande piacere visitare la mostra della quale mi parlate Grazie ancora di cuore a tutti.

SAN FILI CALCIO 1926 - 90 ANNI DI FOTO.

E’ stata inaugurata venerdì 9 settembre 2016 la mostra fotografica sul tema “SAN FILI CALCIO 1926 - 90 ANNI IN FOTO” che racconta appunto, tramite l’esposizione di foto in bianco e nero ed a colori, i 90 anni di calcio ufficiale sanfilese.
La squadra del San Fili, infatti, è nata nell’ormai lontano 1926 a seguito di due squadri “esperimento” locali: la GIOVANE CALABRIA DI SAN FILI e l’ALBA.
La mostra, realizzata con la collaborazione tra il SAN FILI CALCIO 1926 e l’Associazione culturale UNIVERSITAS SANCTI FELICIS di SAN FILI ed ovviamente con il contributo logistico prestato dall’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN FILI, è stata approntata all’interno della Sala convegni della Biblioteca comunale “G. Iusi” di SAN FILI e resterà aperta dal 9 (giorno dell’inaugurazione) al 18 SETTEMBRE 2016 dalle ore 17:30 alle ore 20:00.
*     *     *
SALA CONVEGNI BIBLIOTECA COMUNALE
COFFREDO IUSI DI SAN FILI
DAL 9 AL 18 SETTEMBRE 2016
DALLE ORE 17:30 ALLE ORE 20:00
*     *     *
Nelle oltre cento foto esposte, la più vecchia risalente al 1927 mentre la più recente risale ovviamente a quest’anno. c’è un bellissimo spaccato sociale, culturale ed ovviamente storico della nostra stupenda comunità.
Vale la pena vederla? ... certamente si! ... anche se non si è sanfilesi.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

sabato 10 settembre 2016

Tutto ha un costo nella gestione pubblica... anche il risparmio.

Tutto negli anni '50 al "bacile"
la piscina dei Sanfilesi.
La lingua batte dove il dente duole e sembra che il dente per alcuni campioni della politica locale sia la riapertura della piscina comunale di San Fili: perché continuano a parlare continuamente della riapertura di questo costosissimo (per le casse comunali e quindi per le tasche dei contribuenti sanfilesi) impianto sportivo cercando di convincerci - e di autoconvincersi - dell'opportunità che offre lo stesso alla nostra Comunità?
Sapete cosa significa aver deviato per diversi anni circa 50.000,00 euro degli incassi dei tributi locali per mantenere in vita questa struttura attiva nel nostro territorio? .... significa maggiori tasse per tutti i contribuenti, significa strade più sporche, significa meno servizi alla cittadinanza, significa aumenti dei costi di servizi che spesso e volentieri neanche si sono visti né si vedranno in futuro dalle nostre parti, significa... che realmente non vogliamo dare un futuro alla cittadina sanfilese ed in particolare al suo centro storico sempre meno abitato.
Ed in cambio di cosa? ... forse in cambio della garanzia di lavoro (pagante in tal modo dalla Comunità Sanfilese) a due o tre persone che ci garantiranno magari qualche voto in più alle prossime amministrative?
A proposito: sembra che con l'adeguamento dell'impianto di riscaldamento dell'acqua e del resto dell'ambiente della piscina comunale di San Fili di quei 50.000,00 euro si risparmieranno ben il 30% dell'importo stesso... cosa che decisamente non credo (tutto ha un costo nella gestione dell'amministrazione pubblica per i contribuenti... anche il risparmio).
Ma ammesso e non concesso che ciò sia vero il risparmio dovrebbe aggirarsi intorno a 15.000,00 euro e quindi altri 35,000,00 euro dovranno restare a carico delle tasche dei contribuenti sanfilesi che continueranno a scontrarsi con buche sulle strade, pericoli costanti in tutto il territorio comunale, mancanza di servizi tali da rendere appetibili agli esterni inclusi gli universitari di ipotizzare un proprio trasloco nel nostro centro storico e via dicendo.
Intanto già abbiamo appreso che parte dell'energia prodotta dai pannelli fotovoltaici montati sui tetti degli edifici pubblici comunali e destinati ad impinguare (... sarà?) le casse del Comune riducendo il peso del costo dell'illuminazione pubblica dalle tasche dei cittadini sanfilesi sarà destinata a dare un piccolo sollievo al costo della nuova gestione della piscina di contrada Frassino.
... complimenti.
In ogni caso se volete, cari concittadini, che certi lussi nel nostro paesino vengano mantenuti in vita... per favore... non lamentatevi più in mia presenza. Non lamentatevi per la gestione della pulizia delle strade e dei vicoli del nostro amato/odiato paesino, non lamentatevi di un'estate di richiamo inesistente, non lamentatevi che il nostro paese è ormai morto, non lamentatevi che non ci sono pullman, non lamentatevi delle buche, non lamentatevi della raccapricciante situazione venutasi a creare sotto il muraglione, non lamentatevi delle frane o di come viene gestita la sicurezza a San Fili, non lamentatevi delle macchine in doppia o tripla fila in determinati punti del paese, non lamentatevi del personale comunale, non lamentatevi... semplicemente NON LAMENTATEVI!
Vogliamo parlare una volta per tutte di che futuro vogliamo dare al nostro paesino visto che il passato ed il presente ce li siamo già stupidamente giocati?
* * *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

lunedì 5 settembre 2016

San Fili ricorda il 90esimo anniversario del calcio ufficiale locale.

Si terrà VENERDI’ 9 SETTEMBRE 2016 CON INIZIO ALLE ORE 18,00 a San Fili una bellissima manifestazione celebrativa del 90esimo anniversario del calcio ufficiale locale.
Ufficialmente, infatti, la cittadina di San Fili ha visto dar vita alla sua prima formazione calcistica nel lontano 1926.
Il programma della serata è alquanto nutrito.
*     *     *
ORE 18,30 - PRESSO IL TEATRO COMUNALE
Apertura CERIMONIA CELEBRATIVA DEI 90 ANNI DI STORIA DEL CALCIO SANFILESE

Interverranno:
Saverio MIRARCHI - Presidente F.I.G.C. Comitato Reg. Calabria
Vincenzo PERRI - Componente Commissione Nazionale F.I.G.C. Impianti Sportivi
Antonio ARGENTINO - Sindaco di San Fili
Pietro PERRI - Presidente Ass. Cult. UNIVERSITAS SANCTI FELICIS di San Fili
Riccardo PALAZZO - Presidente SAN FILI CALCIO

Egidio Marzullo. Sanfilese
... anni Quaranta.
A seguire:
Consegna riconoscimenti e presentazione della squadra di calcio di San Fili 2016/2017

Al termine della manifestazione apertura mostra fotografica
“90 ANNI DELLA NOSTRA STORIA”
Allestita presso la SALA CONVEGNI della Biblioteca comunale “G. Iusi” di San Fili
*     *     *
LA CITTADINANZA (in particolare quanti hanno contribuito a fare la storia del calcio a San Fili) E’ INVITATA A PARTECIPARE.
E poi... chissà... in qualche foto della storia del calcio a San Fili potreste ritrovare anche il vostro volto o quello di qualcuno dei vostri cari. Perché il calcio a San Fili, credimi, sei anche tu.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

venerdì 2 settembre 2016

Se essere alfonsiani a San Fili significa essere uomini liberi.

Al centro Alfonso Rinaldi nei primi anni
Settanta.
Allora, lo ripeto e spero di non doverlo ripetere più... a mio beneficio e non certo a beneficio di chi cerca stupidamente di denigrarmi sperando invano di bassarsi al mio misero livello: 1) non sono una persona di cultura ma solo un ignorante prestato momentaneamente alla cultura; 2) non conosco la grammatica italiana e quando scrivo faccio un sacco di errori; 3) sono un pessimo lettore e quindi rileggo in particolare i miei post molto tempo dopo averli pubblicati... spesso non comprendendo ciò che ho voluto scrivere negli stessi; 4) sono facile nell'offendere gli altri ma mal digerisco le offese nei miei confronti... specie quelle scritte su Facebook o gridatemi dietro (qualcuna dettami anche davanti) lungo corso XX Settembre a San Fili.
E poi...: 5) scrivo perché mi piace scrivere e mi piace ancor di più essere letto (e chi mi critica o denigra sui miei scritti mi legge... quindi grazie!); 6) le foto e i post che pubblico su San Fili e sui sanfilesi non servono a mettere in mostra la mia conoscenza sull'attualità e sulla storia della Comunità con la quale quotidianamente interagisco ma solo a salvare un po' di memoria storica della stessa; 7) non sono uno storico né un amante della storia (a scuola in tale materia mi contentavo della sufficienza e nella vita su tale fronte sono tutt'altro che migliorato); 8) se sono ciò che sono o ciò che i miei detrattori vorrebbero che io non fossi è solo grazie al vuoto che gli stessi creano intorno a me... e nel vuoto assoluto è facile essere qualcuno; 9) non sono un giornalista e non sono un intellettuale.
Per ultimo mi si accusa di essere un alfonsiano (ovvero ammiratore e seguace dell'indimenticabile Alfonso Rinaldi, sindaco tra l'altro di San Fili per circa un ventennio tra gli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso) solo perché ho pubblicato un meritato ricordo della sua figura sul mio sito e la pagina relativa l'ho linkata su Facebook.
Che dire se non... no, non sono un alfonsiano. Motivo? ... perché non esiste esiste un "alfonsiano" ed alfonsiano non lo era neanche lo stesso Alfonso Rinaldi.
Questi, infatti, era solo e semplicemente un uomo libero prigioniero di uomini che non erano in grado di liberarsi delle proprie catene politiche e psicologiche. Prigionieri di un uomo incapaci di vivere senza padroni e quindi sempre pronti a vendere la propria dignità (ad averla) in cambio di sedersi di tanto in tanto alla tavola del proprio padrone.
Ed eccolo essere eletto tra le fila di una decadente Democrazia Cristiana  e subito nominato assessore per poi essere eletto sindaco di San Fili dai compagni di partito (PCI e PSI assieme) nel 1970 e da questi quasi subito riconfermato nel 1978 e subito dopo dagli avversari dei compagni di partito in una lista civica nel 1983 (grazie a tanti doppiogiochisti tra i compagni di partito)... decisamente un bellissimo esempio di elettorato attivo quello che ha segnato le sorti amministrative sanfilesi tra la fine degli anni Sessanta e gli inizi degli anni Novanta... senza entrare in merito agli anni succedutisi fino ai giorni nostri (inclusi).
E non chiedetemi chi sia stato il miglior sindaco di San Fili tra quelli che ho conosciuto... potrei anche dirvelo.
A proposito, dimenticavo: Io? ... sono solo Pietro Perri, e tu?
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!