A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

venerdì 3 giugno 2016

Universitas Sancti Felicis”: il perché di un nome.

Dal NOTIZIARIO SANFILESE del mese di giugno 2006... by Pietro Perri.
*     *     *
Perché una Associazione culturale dovrebbe chiamarsi “Universitas Sancti Felicis”?
Perché “Universitas” e perché “Sancti Felicis”?
Semplice: perché coloro che le hanno dato vita, malgrado a volte possa sembrare il contrario, amano tantissimo la comunità e la terra in cui vivono e operano quotidianamente.
“Universitas Sancti Felicis” infatti, non è il nome dell’ennesimo ateneo calabrese ma semplicemente uno dei tanti nomi che nella storia ha “delimitato” il territorio ed il popolo di San Fili.
Siamo in tanti a ricordare (e sono in tanti a volercelo rammentare) San Fili come “casale di Sancti Felicis” nel territorio di Rende ma pochissimi ad ammettere che San Fili in passato è stato anche una “Universitas”, una città libera (?) con una sua autonomia (?) politica ed amministrativa ed un suo “parlamento”.
Il termine Universitas che nel medioevo si era sostituito come termine giurisdizionale al Municipio, altro non indicava se non un “comune a sé stante”: istituzione tra l’altro tipica del Regno di Napoli (e San Fili ha fatto parte del Regno di Napoli).
L'Universitas Civium identificava efficacemente un aggregato urbano che vedeva così riconosciuta dal potere regio la sua importanza economica e civile con l'attribuzione di magistrature municipali.
Perché abbiamo voluto riprendere il significato antico di Universitas, "totalità, insieme di cose, di persone, di rapporti giuridici" ma anche "insieme di persone associate"?
Totalità intesa come libertà di pensare e di ricercare su tutti i temi del presente, associazione di persone che non pongono limiti ai loro interrogativi, associazione di "non sapienti". Che vogliono sapere di rapporto tra lavoro e democrazia, di conflitti sociali e delle loro forme, di musica e libertà, di arte in generale, d'intreccio tra memoria storica e agire politico.
E poi perché essendo di San Fili siamo anche cittadini della città di “Sancti Felicis”.
Nel 1806 il Regno delle due Sicilie subì la colonizzazione francese e tale, nel proprio riordinamento amministrativo (siamo nel 1811), sostituì il termine “Universitas” col temine “Comune”.
Un termine, questo secondo, che seppure pone tutti i cittadini su uno stesso livello (comune – uguale – livellato – di tutti) finisce per azzerare anche il concetto di meritocrazia, cosa che comunque in una società civile non dovrebbe accadere. Nelle società in cui si azzera la “meritocrazia”, infatti, sovente sono gli stupidi a prendere il controllo del tutto, incluso di noi stessi.
La scritta “Universitas Sancti Felicis” compare ancora oggi sullo stendardo del Comune di San Fili.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

Nessun commento: