A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

sabato 28 novembre 2015

E se iniziassimo a parlare di “Decoro Urbano Sanfilese”? (3)

Ovvero... CRONACHE DI ORDINARIA FOLLIA... SANFILESE.
*     *     *
Stupenda questa foto, vero? ... a vederla... anche per un sanfilese diventa quasi difficile individuarne il punto... eppure, sempre da sanfilese, da questo punto ci passiamo quasi una volta al giorno.
E' uno dei punti del tracciato urbano più pericolosi del nostro territorio: il bivio per Bucita.
Perché pericoloso? ... perché nella strada centrale, proprio davanti alle panchine, degli scellerati continuano a parcheggiare i propri mezzi irrispettosi di chi potrebbe sedersi sulle panchine stesse e menefreghisti (un vero atto criminale a dire il vero) del fatto che posizionando li i propri automezzi oscurano completamente la visuale a chi si trova in tale incrocio venendo dalla frazione o dalla contrada Frassino alla guida del proprio automezzo.
OK, per impedire che gli imbecilli agiscano da imbecilli è da più tempo che sto consigliando a componenti (assessori?) dell'Amministrazione comunale di San Fili (non solo a quella attuale... anche a qualcuno della precedente) di posizionare un paio di pali in ferro con una catena davanti a tali panchine per ovviare il tutto impedendo che l'imbecillaggine si riveli, in un domani speriamo sempre più lontano) il risultato di... una tragedia annunciata. Ed allora si interverrà posizionando dei paletti ed una catena (o solo dei paletti opportunamente colorati) ottimi ad impedire di parcheggiare a ridosso non solo dell’incrocio (cosa di per se già vietata dal codice della strada) ma persino delle panchine.
Perché prima o poi anche questo - se non si corre a priori ai ripari - si verificherà di certo.
... ma forse parlo a me stesso. E forse qualcuno si renderà conto del reale pericolo di tale situazione (come detto sopra facilmente ovviabile) solo quando ormai sarà troppo tardi per prevenire il tutto.
Che Dio ce la mandi buona... che a crearci i problemi siamo già abbastanza bravi da soli... senza bisogno di aiuti celesti.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal vostro sempre affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: