A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

domenica 9 agosto 2015

Ad arvuru cadutu... taglia taglia.

Lo dicevano i nostri avi: “Ad arvuru cadutu... taglia taglia”. Ovvero quando un soggetto (... una quercia d’uomo?) ha perso il potere che aveva  fino a poco tempo prima... tutti a dargli addosso.
Questo modo di dire lo voglio riportare in tale spazio ma sotto un significato del tutto, credo, nuovo: quando un qualcosa, passata inosservata fino a qualche attimo prima, è successa o è stata fatta... tutti buoni a parlare.
Un esempio? ... il taglio degli alberi, avvenuto  verso la fine del passato mese di Luglio, presenti sul marciapiede nel tratto di corso XX tra piazza Madonnina (futura piazza don Luigi Magnelli) ed ex piazza Rinacchio (attuale piazza Adolfo Mauro).
Che tali alberi rappresentassero da più anni a questa parte un pericolo per quanti vi sostavano nelle vicinanze... poco importava.
E se veramente il dramma si fosse verificato... sarebbe andato avanti tutto come da copione: in tanti avrebbero parlato così come in tanti parlano adesso. Perché, è giusto non dimenticarlo, per tanti di noi il detto è sempre e comunque quello: “Ad arvuru cadutu... taglia taglia”.
Oltretutto tali alberi erano decisamente inadatti  (erano degli antiestetici prugni... se nessuno ci ha fatto caso) per lo scopo cui sono stati adibiti per oltre un trentennio. Ma non è questo il problema. Il fatto che un albero sia o meno inadatto ad essere piantato in un determinato punto lascia ben poco tempo alla discussione a chi non ha niente su cui discutere... neanche i tre giorni d’obbligo.
Tra tanti nostri compaesani (tra l’altro tra questi ce ne sono alcuni che da decenni non si degnano nemmeno di fare una passeggiata lungo corso XX Settembre) sembra stiano girando tutta una serie di domande in merito a tale taglio: come mai li hanno tagliati? ... perché li hanno tagliati adesso e non in autunno (quando magari c’è più bisogno di legna in casa di qualcuno di noi)? ... vi pianteranno altre piante per nascondere il belvedere di ciò che fu (ed in parte lo è tutt’ora) lo storico “muraglione” di San Fili?
Proverò a rispondere nel modo più breve possibile: l’operazione (il taglio di tali alberi) si è resa necessaria ed improcrastinabile stante la pericolosità che gli stessi - considerato che il tronco di tali alberi era quasi del tutto marcio all’interno e molti tentavano ormai a sradicarsi da soli - rappresentavano, per quanti si avventuravano a passeggiare sul tratto del marciapiede summenzionato.
Oltretutto sono più che sicuro che i professionisti del classico “Ad arvuru cadutu... taglia taglia” avrebbero avuto molto di più da dire contro l’attuale Amministrazione comunale se qualcuno di questi alberi cadendo (cosa che a breve, se non si fosse intervenuti a priori, sarebbe successa sicuramente) avrebbe causato seri danni ai passanti. Prevenire, anche in casi come questo, è sempre meglio che curare.
Come rispondo alla domanda se “saranno piantati altri alberi negli spazi lasciati vuoti dal taglio di detti prugni”? ... lo dirà il tempo. Non voglio togliere a nessuno il piacere di poter tagliare un altro po’ “l’arvuri caduti”.
Solo un piccolo rinfresco di memoria: quando c’era lo storico “muraglione”... non c’era alcun albero sul marciapiede che lo costeggiava.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: