A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

lunedì 15 giugno 2015

La notte - edizione 2015 - dei lunghi coltelli... sanfilese (1).

Erano ormai da poco passa le 23 di domenica 31 Maggio 2015... non solo in Italia e in gran parte del mondo ma anche a casa mia e quindi a San Fili.
Quel giorno si era votato, nel nostro Comune, l’elezione del Sindaco ed il nuovo Consiglio comunale del paese.
Due erano le liste in competizione: la lista numero 1 “INDIETRO NON SI TORNA” con candidato a sindaco l’architetto Antonio Argentino e la lista numero 2 “SAN FILI NEL CUORE” con candidato a Sindaco il dottor Giovanni Carbotti.
Nella squadra, ovvero negli aspiranti ad uno dei sette posti spettanti alla lista vincente... o ai tre della eventuale lista perdente, capitanata dall’architetto Antonio Argentino c’ero anch’io: uno tra i tanti veterani delle elezioni amministrative sanfilesi. Dopotutto ero stato già trombato due volte (nel 1996 e nel 2010) e c’è chi era strasicuro che questa sarebbe stata la terza.
Purtroppo per certi jettatori non sempre è vero il detto che “non c’è due senza tre”, come ebbi modo di dimostrare in tale occasione, anche se... è l’eccezione a confermare la regola e non la regola a confermare l’eccezione.
Personalmente, malgrado io sia un tifoso della Juventus, non ho mai seguito una partita di calcio dall’inizio alla fine... se escludiamo qualche partita (stupende quelle del Mondiale del 1982) della nostra tanto cara... amata/odiata nazionale. Tanto o soffri 90 minuti, secondo dopo secondo, o ti sintonizzi alla fine della partita stessa... il risultato non cambia. E la Juventus, si sa, nove volte su dieci vince la partita.
Dove voglio arrivare con questa strana digressione calcistica?
Semplice: io alle 23 e 15 invece di essere davanti ai seggi o a piazza san Giovanni come tutti i miei compagni d’avventura e tanti nostri sfegatati fans ad aspettare i risultati dello spoglio... ero già in pigiama e mi stavo mettendo a letto. Dopotutto, mi dicevo, o vince la squadra di Argentino, di cui facevo parte anch’io, o vince la squadra di Carbotti... qualcuno comunque mi sveglierà per portarmi a conoscenza del risultato: gli amici della lista “INDIETRO NON SI TORNA” per dirmi che abbiamo vinto o gli amici (avversari) della lista “SAN FILI NEL CUORE” per dirmi che davanti porta di casa mi attende una bella busta stracolma di limoni di Sorrento... con le ovvie considerazioni del caso.
Erano all’incirca le 00,30 di sabato 1 Giugno 2015 quando finalmente riuscii a prendere sonno dopo aver letto per circa un’oretta diverse pagine del mio ormai inseparabile “kindle touch”, il mio lettore di libri elettronici.
... e tutto sembrava andare secondo copione. Per il momento solo silenzio... il silenzio della notte - edizione 2015 - dei lunghi coltelli sanfilese.
(continua).
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: