A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

venerdì 29 maggio 2015

Tutti onesti... appassionatamente!

Quando si cerca di parlare degli ultimi cinquanta anni di amministrazione sanfilese... guai a toccare questo o quel personaggio che è stato alla guida del comune (come Sindaco, come assessore, come semplice consigliere di maggioranza o di minoranza o come impiegato "modello" - visto gli avvisi di garanzia o gli stessi arresti domiciliari subiti per questioni legate al suo ruolo di dipendente comunale - e via dicendo).
Tutti alla fine a San Fili sono innocenti: nessuno ha toccato una lira dalle casse del Comune di San Fili malgrado il patrimonio che qualcuno di (guarda caso tutti per lasciti ereditari) si sono ritrovati a fine del loro mandato sulle povere misere oneste spalle e sopratutto tutti sono stati amministratori che hanno creato questo stupendo (... ma siamo anche tutti ciechi?) futuro per la nostra stupenda Comunità.
E allora? ... come mai tre illeciti ammanchi comunali negli ultimi trent’anni a San Fili (dal 1996 in poi?) e due dissesti finanziari?
Come mai tanti nostri "onesti concittadini" sono stati raggiunti da avvisi di garanzia e qualcuno (di cui si continua a tacere il nome e che solo in pochi sembra ne sappiamo lo stesso... incluso il figlio moralista di FB?) degli stessi ha subito anche gli arresti domiciliari per il suo ruolo di impiegato comunale?
Ormai San Fili ha persino dimenticato l'elenco della famigerata lobby (capitanata dall'allora senatore Franco Covello) dei 42 (forse 32, ma poco cambia) cosentini di cui, agli inizi degli anni Novanta si trovò a far parte qualche nostro probo compaesano?
Lo so: alla fine tutto è finito in una bolla di sapone tranne gli ammanchi comunali che sono stati recuperati con l'aumento delle tasse comunali al massimo consentito... dalle tasche dei cittadini.
Per non parlare poi dei lavori pubblici realizzati negli anni d'oro dell'allegra gestione degli ultimi trenta anni del secolo scorso e dei primissimi di questo secolo: uno peggiore degli altri. L'importante era far venire soldi al paese. Soldi che di fatti al paese ne sarebbero rimasti ben pochi... così com'è stato.
E così ecco recinzioni del campo comunale che cadono per una semplice folata di vento ancor prima di essere innalzate o, come si è tristemente registrato in questi ultimi giorni, persino la palestra comunale innalzata con copertura con pannelli di amianto quando ormai l'amianto (di cui si era capita finalmente la pericolosità per la salute) era stato posto "fuorilegge".
Ovviamente in questo caso (quello dell'utilizzo dell'amianto) non siamo in presenza di amministratori poco accorti da di amministratori o imbecilli o criminali (spero nel secondo caso... preferisco pensare che mi abbia amministrato un criminale e non un imbecille in determinati periodi).
E vogliamo parlare di amore per il centro storico di amministratori del passato? ... basta guardare corso XX Settembre e la sua stupenda pavimentazione: cinque pavimentazioni diverse (una più penosa dell'altra) in poco meno di cinquecento metri. Credo sia l'unico caso in Italia in cui possiamo ammirare un tale capolavoro di progettualità e di amore per il proprio territorio amministrato... e spero che una tale porcata non sia la logica conseguenza di ben altre finalità.
Potrei dirne mille altre (e sicuramente in futuro le dirò) tipo chiedere a qualche Sindaco del passato prossimo sanfilese dove guardava quando gli spariva quasi un miliardo sotto gli occhi (1996/2000) e dove guardavano i suoi stretti fiduciari... destinatari di appositi avvisi di garanzia all'epoca della scoperta dei fatti. O dell'ammanco relativo alla Casa Famiglia della frazione Bucita ma - si sa - qualcuno all'epoca vicino a tale sindaco in modo anonimo affisse un volantino per il paese dal titolo "Il paese dei balocchi"... perché certe persone hanno considerato e continuano a considerare i Sanfilesi come i degni abitanti del "paese dei balocchi".
Potrei anche chiedere a qualche consigliere della maggioranza post 2000 se si fosse mai accorto/a di ciò che stava succedendo all'interno dell'Ufficio Tecnico comunale di San Fili (il bypass sugli oneri di urbanizzazione) ed a qualcuno/a di loro l'ho chiesto: uno mi disse che certe cose "erano il sistema" al che gli ho risposto per le rime che "... non era il sistema ma era il loro sistema!"; un altro/a mi ha detto  che "... quel soggetto - o quei soggetti? - ci avevano annebbiato il cervello!". Complimenti, ma allora su cosa dovremmo complimentarci con questi capolavori di amministratori periodo 2000/2005? ... forse per l'aumento vertiginoso delle spese legali del Comune di San Fili? ... o del goffo tentativo di assumersi tra di loro (fratelli, mariti ed altri parenti magari anche deceduti) fino alla decima generazione?
Credetemi: quando penso al passato amministrativo del nostro Comune e cerco una scappatoia per le generazioni future sanfilesi... non può che venirmi un senso di vomito in gola.
Personalmente ho sempre condannato (con scritti e similari... ovvero con le uniche armi che ho avuto a disposizione) determinate cose e forse è solo per questo che si è sempre cercato in mille modi di bloccare qualsiasi mio tentativo di accesso anche alle più innocenti poltrone amministrative del nostro Comune.
Me lo disse persino un ex amministratore/trice del nostro stupendo (a volte solo folcloristico) parlamentino cittadino: sei troppo onesto... non sarai mai uno di noi.
Dovrei vantarmi della mia onestà morale ed intellettuale? ... non lo so ma mi è decisamente difficile cambiare e siccome io non ho nessuna voglia di cambiare... spero che a cambiare questa volta sia tu, carissimo elettore.
*     *     *
Inutile dire che la garanzia a tutto ciò e a tanto altro sarà la mia presenza in consiglio comunale.
Quindi se voti a San Fili il 31 MAGGIO PROSSIMO ricorda:
Un segno di croce sul simbolo della lista n. 1 (INDIETRO NON SI TORNA).
Preferenza (nell’apposito spazio sotto il simbolo) a PERRI PIETRO.
... e nel caso di PERRI non basta scrivere solo il cognome ma far seguire lo stesso dal nome (PIETRO) o almeno dall’iniziale del nome (P).
... SAN FILI, nel futuro, TE NE SARA’ IMMENSAMENTE GRATO.
... è SAN FILI, non dimenticarlo, SEI ANCHE TU!
*     *     *
... un abbraccio a tutti by Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: