A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

sabato 18 aprile 2015

Ok, l’ammetto: sono stato al gioco a premi “L’eredità” condotto da Fabrizio Frizzi. (3)

Bellissima interpretazione grafica
della “Fantastica” realizzata da
Davide Rende (junior). 
L’appuntamento con lo staff per i provini del quiz “L’eredità” era previsto per le 11 antimeridiane di martedì 28 Gennaio 2014 nella hall del “Grand Hotel Salerno”... di Salerno.
Come mia abitudine - per ogni appuntamento che mi ritrovo sempre più raramente in agenda - mi trovai nel luogo stabilito con almeno una mezzoretta d’anticipo.
Oltretutto la notte precedente io e mia moglie eravamo stati ospiti (a pagamento) in una stanza dello stesso hotel.
Quel giorno eravamo stati convocati non meno di cinque o seicento persone: c’eravamo campani, calabresi, pugliesi e forse anche qualche siciliano e qualcun altro che veniva da qualche altra regione del Meridione d’Italia. Feci subito amicizia - se tale si può definire - con un gruppo di corregionali che venivano dalla provincia di Cosenza come lo scrivente. Almeno tre erano di Castrovillari.
Qualcuno ci disse, a quelli con appuntamento per le 11 (in effetti eravamo stati convocati con orari diversi), di seguirlo lungo un corridoio d’una ventina di metri con diverse porte laterali: a destra e a sinistra del corridoio.
Arrivammo finalmente in una stanza dove c’erano un paio di centinaia di posti a sedere. Ci diedero dei fogli da compilare con una penna ciascuno e ci erudirono in merito a quanto dovevamo fare: avevamo all’incirca venti minuti di tempo (... o erano dieci?) per compilare un questionario con alcuni dati personali e la sottoscrizione delle relative liberatorie oltre che per compilare un questionario a domande e risposte, sulla falsariga della trasmissione, necessario a tastare il nostro bagaglio culturale.
Inutile dire che quei venti minuti passarono... in poco meno di dieci o quindici minuti.
Credetemi: i minuti a volte sembrano molto  ma molto più brevi di sessanta secondi.
Consegnati gli elaborati ci fecero un paio di foto ciascuno (mi chiesero se ne avevo portato qualcuna da casa... risposi negativamente) e ci condussero davanti l’entrata di un piccolo stanzino dove, entrati uno per volta, subimmo la cosiddetta “prova video”: due massimo... tre minuti davanti ad una videocamera in cui dovevamo vendere a caro prezzo il nostro “impatto telegenico”.
Da non credere: in questo caso i tre minuti sembrarono avere la lunghezza di un quarto d’ora ciascuno.
Sapevo comunque che avrei subito la prova video e sapevo che avrei dovuto, per la stessa, presentarmi con un buon argomento su cui relazionare nel corso della stessa. Un argomento curioso e che come tale avrebbe potuto interessare i produttori del gioco a premi cui stavo cercando di partecipare. Dopotutto il fine principale di tale trasmissione è fare share (ovvero richiamare e mantenere pubblico) e ciò è possibile solo se i concorrenti, non solo i conduttori e l’intero cast operativo, fanno spettacolo.
Che io ami San Fili credo che ormai sia cosa risaputa da tempo: a forza di dirlo agli altri me ne sto convincendo anch’io. Quindi l’argomento che decisi di portare, e che di fatto portai, non poteva non essere collegato a San Fili ed alla sua stupenda comunità... reale o meno che sia: e fu così che, davanti alla cinepresa, mi misi a parlare della mitica Fantastica.
Spiegai chi e cosa fosse la nostra Fantastica e spiegai come, in altri tempi, la stessa difatti diventava un aiuto delle mamme sanfilesi nel controllo dei propri pargoletti: lei, dopotutto, controllava che gli stessi, da soli, non uscissero fuori dal perimetro del centro abitato di San Fili. Purtroppo tale argomento, visto i risultati, in tale occasione non mi fu di eccessivo aiuto.
(continua).
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: