A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzare il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

domenica 14 dicembre 2014

Pillole d'ignoranza: la Guerra 1915-1918... iniziata il 1914.

Ho appena finito di leggere un libro sulla Prima Guerra Mondiale ("Catastrofe 1914. L'Europa in guerra" di Max Hostings) e come ogni libro finora letto - incluso favole tipo "Biancaneve e i sette nani" dei fratelli Grimm o "La fattoria degli animali" di George Orwell - anche da questo ho appreso qualcosa.
Ho appreso ad esempio che uno dei pochi modi per far cessare una guerra che non avrebbe dovuto neanche iniziare è... perderla.
Poi... ho capito finalmente anche perché pur essendo iniziata nel 1914 e finita nel 1918 la Prima Guerra Mondiale... noi italiani non la ricordiamo come la "Guerra 1914-18" ma semplicemente come la "Guerra 1915-18".
... da non credere: anche a quello storico appuntamento... siamo arrivati un anno dopo. E malgrado un anno di ritardo (e le perdite in vite umane subite)... abbiamo avuto ottimi vantaggi territoriali da tale tragico... inumano evento.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: