A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

giovedì 13 novembre 2014

Quello "NON ERA IL SISTEMA". Quello "ERA... IL LORO SISTEMA”!

Personalmente sono stato sempre contrario a rivangare il passato di una Comunità (sempre e comunque perbene nel suo complesso) o di qualche soggetto  appartenente alla Comunità stessa (sempre e comunque perbene nel suo singolare) ma quando dei “moralmente disonesti” ti mettono in bocca frasi o in testa pensieri che non sono tuoi ma sicuramente del suo bacato cervello, qualcosa è giusto ricordarla o quantomeno... rinverdirne alcuni punti cardine (promettendo di farne uscire al momento opportuno persino gli storici articoli dei quotidiani locali).
Gli ultimi 54 anni di vita politico-amministrativa di San Fili? ... tutt’altro che fiori e tutt’altro che limitata ad un solo soggetto (che tra l’altro questa sfaccettatura della stessa l’ha potuta condizionare per non più di 7 - magari i peggiori - di tali 54 anni): due Commissari prefettizi (1977 e 1996), due dissesti finanziari (negli anni Ottanta), due bypass miliardari (uno negli anni Novanta perpetrato da un “non sanfilese” ed uno agli inizi di questo millennio perpetrato da “un sanfilese”... difficile pensare che siano stati comunque da soli e/o che per il lungo periodo in cui si sono reiterati gli stessi ammanchi nessuno se ne fosse mai accorto prima che i reati venissero a galla... quindi o altri ci hanno mangiato o gli altri erano dei ciechi handicappati professionisti ed amministratori da non rendersi conto di ciò che succedeva loro intorno).
Erano gli anni in cui i muri di alcune opere pubbliche crollavano ancor prima di essere ultimati (vedasi campo sportivo in località Frassino agli inizi degli anni Novanta o alla fine degli anni ottanta del XX secolo).
Erano gli anni in cui in periodo elettorale qualche amministratore faceva vedere sotto il risvolto della propria giacca il calcio di una pistola (forse rubata al proprio innocente figliolo).
Erano gli anni in cui lettere anonime tendenti a denigrare chi diversamente non si poteva scalfire (strano che tali lettere siano cessate quando alcuni soggetti - nostri compaesani - sono finiti fuori gioco) -  per non dire tant’altro - si trovavano anche nel cesso al posto della carta igienica.
Inutile dire che su questo fronte sono usciti vari articoli sui quotidiani locali e tantissimi avvisi di garanzia (alcuni nostri compaesani ne hanno una bella mazzetta di tali avvisi quasi quanto un mazzetto figurine di calciatori della Panini nel loro cassetto)... che comunque non mettono in dubbio la rispettabilità dei destinatari degli stessi (non colpevoli fino a prova contraria... una prova che alcune volte riesce a vedere solo Dio e lo stesso opera di conseguenza) ma qualche domanda sulla capacità del magistrato che li ha emessi la fanno sorgere.
Visto che alla fine tutti sono innocenti... anche quelli finiti in sordina (ripeto: in sordina e non sotto gli occhi di tutti) agli arresti domiciliari.
Anni, i succitati, dove si vede incompetenza amministrativa (diversamente San Fili non sarebbe ciò che è oggi), odore di truffa costante (qualcuno ci ha guadagnato in tale stato di cose ma il 95 percento della popolazione sanfilese - quella onesta o tendenzialmente onesta - ne pagherà le conseguenze almeno per altri due secoli) e continuo accanirsi verso la gente “realmente perbene” cercando di creare il dubbio sugli stessi, dl vuoto attorno agli stessi, l’odio sociale e morale verso gli stessi... da veri criminali. Questi sono alcuni dei giovani rampanti (in alcuni casi forse buon sangue non mente) futuri amministratori del nostro paese. Di San Fili.
Oggi tra l’altro sento proporre l’assurdo concetto del “ma quello era il sistema”.
E no!, cari miei... quello “NON ERA IL SISTEMA” quello “ERA... IL LORO SISTEMA”. Perché in quegli anni, così come oggi, c’eravamo tantissime persone oneste che ci siamo fatti in quattro per cambiare le regole del gioco e che proprio per questo nostro lavoro siamo stati tenuti ai margini della scacchiera dove si dividevano equamente le caselle i pezzi bianchi e i pezzi neri.
Vogliamo continuare a denigrare la gente perbene? ... io sono pronto.
Credetemi: ho buona memoria ed anche un buon archivio personale.
San Fili ha bisogno d’altro che di questi yuppies della macchina amministrativa locale per il rilancio che aspetta, sempre più invano, da oltre una ottantina d’anni a questa parte.
Io? ... sono sempre e malgrado tutto disposto a dare il mio contributo.
E tu?
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: