A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

venerdì 6 giugno 2014

Vespe cinesi e vespe italiane: le seconde a San Fili le amavamo già. (2)

Un’immagine proiettata su un pezzo di muro alle spalle (non ricordo più se alla sinistra) della dottoressa Vincenzina Scalzo nel corso di quel convegno e nel corso del suo stupendo intervento, dicevo, mi riportò magicamente alla mia infanzia ed ad un altrettanto stupendo “dejà vu”: quella pallina l’ho già vista... e forse ne conosco anche il sapore. Quello che non sapevo è che tale pallina fosse un simbolo di nuova (non so quanto disastrosa) vita e di tant’altro.
*     *     *
Avevo nove o al massimo dieci anni quando, in compagnia dei miei genitori, di qualche mio compagno d’avventura o di giochi (e a volte anche in compagnia da solo), mi recavo nella zona da tutti conosciuta a San Fili come “i Cozzi” in cerca di funghi o per raccogliere qualche castagna da portare a casa o da vendere ai commercianti locali. Dal canto loro - i commercianti locali - tramite l’ottimo scalo merci della stazione ferroviaria, le castagne le avrebbero fatte giungere nelle parti più disparate dell’Italia.
La castagna di San Fili (e dintorni, ovviamente), negli anni precedenti gli anni Ottanta del XX secolo, era apprezzatissima ovunque. E noi sanfilesi eravamo dei maestri nella varie fasi necessarie a garantirne la conservazione e la prima parte della commercializzazione della stessa. Diversi erano gli stabilimenti, all’interno del territorio di San Fili, adibiti alla trattazione, in apposite vasche (cibbie), di tale delizioso prodotto.
Le castagne di San Fili garantivano, per tre o quattro mesi all’anno, lavoro e quindi un pezzo di pane a tanti nostri concittadini in buona parte da tempo passati a miglior vita. Dopotutto tale settore non prevedeva solo la raccolta e la semplice “trattazione” e commercializzazione del prezioso frutto ma tutta una serie di interventi sui terreni adibiti castagneti da frutto. Non ultima quella della pulizia del sottobosco che di per sé - a San Fili - finiva per diventare una vera e propria “risorsa economica aggiuntiva”.
Tale discorso, che andrebbe opportunamente sviluppato, comunque esula dal discorso base di questo articolo sulle “vespe cinesi e vespe italiane”.
Ritorniamo quindi alla fine degli anni Sessanta del XX secolo... se non agli inizi degli anni Settanta.
Io, all’epoca, ero uno dei tanti re dei Cozzi: li conoscevo come le mie tasche (quasi sempre bucate o rattoppate alla meglio in quei tempi) e come nelle mie tasche con le nude mani mi aprivo varchi tra cespugli e trappole naturali d’ogni genere.
La paura? … ero troppo giovane per sapere cosa fosse. E se un po’ di paura l’avevo quella era del silenzio che in determinati momenti mi catturava (quindi di me stesso) o del fatto che da un momento all’altro poteva comparirmi davanti la terribile strega dei Cozzi che m’avrebbe fatto prigioniero e quindi non avrei fatto mai più ritorno a casa.
A proposito: ma esiste anche la terribile strega dei Cozzi o questa me la sono inventata di sana pianta grazie alla mia sempre più bacata fantasia?
A dire il vero dei Cozzi qualcosa mi sfuggiva (quindi “re, si!” ma solo in parte): era la zona conosciuta come “e timpe russe”.
Lì, sicuramente, i re erano altri.
Era quella una zona alquanto pericolosa, quella delle “timpe russe” per la notevole presenza di dirupi e quindi quasi un tabù per noi ragazzini. E poi in quella zona, almeno in quei tempi, si trovavano ben pochi funghi ed anche di pessima qualità (ferruni, lattarachi, pochissimi porcini, qualche gaddrinazzu e via dicendo) e quasi per niente alberi di castagno. Quindi, a che serviva esserne il re?
Era sicuramente un mese di ottobre dei primi anni Settanta quando i miei genitori, assieme alla famiglia dell’insegnante Raffaele Perri (parente del mio nucleo familiare), avevano accettato di raccogliere un partita (... si dice così?) di castagne appartenenti alla famiglia dei Castellano (... Miliuzza?). Tale partita si trovava un po’ più avanti, nella parte inferiore, de “u chjian’e Miliddru”. Le castagne de “u chjian’e Miliddru” all’epoca li raccoglieva mia zia Pasqualina Schettino, moglie del postino del paese Amedeo Perri (fratello di mio padre).
(continua).
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: