A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzare il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

domenica 9 marzo 2014

LA FERROVIA DELLA MORTE (Cosenza-Paola via San Fili... senza ritorno). ... by Pietro Perri.

E' bello ricordare parte della storia (quella solo buona e folcloristica) della vecchia tratta ferroviaria che collegava Cosenza con Paola passando per San Fili. Eppure... l'intera storia non è fatta solo di bei ricordi... è fatta anche di disastri ferroviari ed anche di morti... forse tanti.
Nel lontano 1953, ad esempio, il senatore Nicola VACCARO presentava la seguente interrogazione al Ministro dei Trasporti Bernardo MATTARELLA:
* * *
Per sapere se è a sua conoscenza quanto accade giornalmente sul tratto della ferrovia Cosenza-Paola, dove le locomotive e le automotrici antiquate e logore, che dovevano essere dimesse dal servizio da più tempo, non riescono più a superare la pericolosa ed erta salita a cremagliera Paola-San Lucido, San Lucido-Falconara Albanese-San Fili-Rende, fermandosi ad ogni tratto, ed a volte mancando di ripresa, retrocedendo, creando selvagge scene tra i viaggiatori, sempre memori dei luttuosi disastri verificatisi in questi tratti, per gli stessi motivi che oggi si lamentano, negli anni 1917, 1942 e 1943.
Nel denunziare il gravissimo inconveniente, l'interrogante chiede che, sul detta tratta ferroviario, vengano sollecitamente sostituite le vecchie macchine e le vecchie automotrici, avvedendo che ogni ritardo fa assumere grave responsabilità all'Amministrazione nel caso di prevedibile disastro (76).
* * *
Da non credere: in tale interrogazione venivano segnalati incidenti mortali avvenuti su tale tratta ferroviaria negli anni 1917 (quasi all'inaugurazione), nel 1942 e nel 1943. In altre interrogazioni parlamentari si parlerà, per quanto riguarda la nostra bellissima tratta ferroviaria "Cosenza-Paola... a volte senza ritorno" di... "ferrovia della morte".
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti by Pietro Perri.
… /pace!

Nessun commento: