A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

martedì 17 settembre 2013

Esattamente dieci anni fa... Salvatore Perri, mio padre: ... grande amico!

Esattamente dieci anni fa (... mercoledì 17 settembre 2003: scorre il tempo, vero?) passava a miglior vita Salvatore Perri... mio padre.
A novembre di quell'anno avrebbe compiuto 85 anni.
In dieci anni l'avrò sognato al massimo tre volte... forse quattro. Il giorno prima della sua dipartita ero in ospedale assieme a lui ed ero alquanto incavolato... ero in ospedale da solo da oltre un giorno e mezzo: aspettavo (... iniziavo a pensare "invano") un cambio da qualche parente... un cambio che sembrava non arrivare mai.
Mio padre capì che il problema del mio nervosismo era dovuto per buona parte alla sua condizione e mi chiese - lasciandomi di stucco - : "Pietro, siamo ancora amici?".
Ancora oggi mi domando cosa potesse saperne mio padre dell'alto significato della parola "amico"... un significato che va molto al di là del rapporto che può esserci tra un padre ed un figlio, tra un parente e l'altro, tra un collega di stanza ed il conoscente con cui la mattina si prende il caffè assieme.
Mio padre sapeva qualcosa che io ancora non sapevo e che forse ignoro tutt'ora: conosceva il significato profondo della parola "amico" e viveva la vita seguendo in concetto filosofico del "panta rei... tutto scorre".
Anche quest'ultimo concetto è riuscito a lasciarmelo in eredità... malgrado non sempre riesco a metterlo in atto.
Sì, carissimo Salvatore amico dei bei tempi che furono: siamo ancora amici! ... e sicuramente lo saremo in eterno... se esiste una qualche parvenza di eternità come quella promessati dal tuo Dio... perché per quanto riguarda il mio Dio... per Lui sembra esistere solo il presente costantemente assassinato da un passato che continua imperterrito a sbarrarmi l'uscio che mi farebbe accedere a pieno titolo al meritato futuro.
"Panta rei"... tutto scorre: chissà se un giorno riuscirò ad appropriarmi anche di questa eredità in cui sono sempre più in lotta con tanti... non aventi diritto che hanno impugnato - con la propria imbecillità - il testamento da te sottoscritto in mio favore: il testamento al diritto ad una vita... al di sopra della vita.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: