A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

sabato 10 agosto 2013

Luglio a San Fili è anche il mese della Madonna del Carmine o della B.M.V. del Monte Carmelo.

Anche quest’anno, seppure in tono festoso decisamente minore, i fedeli sanfilesi hanno voluto solennemente onorare la ricorrenza della Madonna del Carmine o della Beata Maria Vergine del Monte  Carmelo.
La presenza di questa icona della fede cristiana a San Fili sembra relativamente recente. Bel sito web “San Fili” dell’amico Giovanni Gambaro (all’indirizzo web.tiscali.it/sanfili) leggiamo:
*     *     *
La chiesa del Carmine, costruita intorno al 1919/1920, sorse grazie all'interesse di Don Salvatore Apuzzo, nostro compaesano che personalmente andò di casa in casa nel paese, nelle campagne circostanti e nei paesi limitrofi a raccogliere soldi e altre offerte.
Finalmente dopo tanti sacrifici, riuscì a costruire la chiesa. Mancava però la sagrestia, chiese così aiuto alla famiglia Gentile, in particolare a donna Cecilia Gentile, che offrì alla Madonna del Carmine la casetta appoggiata alla chiesa adibendola a sacrestia. Nel 1920 Don Salvatore, sempre aiutato dal popolo, fece arrivare la statua della Madonna che è ora nella chiesa.
Il vestito attuale che la Madonna indossa, le è stato regalato nel 1963-64 dall'ins. Clelia Noto ed è stato cucito e ricamato con filo dorato dall'intelligente sarta Mafalda Chiappetta, sposata Nigro.
*     *     *
Il culto mondiale della Beata Maria Vergine del Monte Carmelo invece sembra risalga al 16 Luglio del 1251 quando (appunto sul Monte Carmelo in Israele) la Madonna apparve ad un monaco a cui avrebbe consegnato uno scapolare e gli avrebbe rivelato i notevoli privilegi derivanti dalla sua devozione.
*     *     *
Da qualche anno a questa parte la Beata Maria Vergine del Monte Carmelo è stata riconosciuta come co-patrona (assieme a san Francesco da Paola) di San Fili.
Nella foto sopra a sinistra vediamo un attimo della processione in suo onore… edizione 2013.
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
… /pace!

Nessun commento: