A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

domenica 21 luglio 2013

Da quì è passato l'uomo (ex SS107 valico Crocetta)... si fa per dire.

… articolo pubblicato sul “Notiziario Sanfilese” (il bollettino mensile dell’Associazione culturale “Universitas Sancti Felicis” di San Fili) del mese di Luglio 2013 a firma di… Pietro Perri.
*     *     *
L’ammetto: questa volta proprio non sapevo cosa mettere nella prima pagina del nostro bollettino mensile ovvero del… Notiziario Sanfilese. La prima pagina infatti finora se l’è beccata sempre una notizia d’attualità… scritta in modo polemico o propositivo... a seconda dell’importanza del periodo.
A togliermi dall’impiccio, visto il consueto aiuto in extremis dei collaboratori, ci ha pensato una stupenda (?) foto scattata nella mattina di sabato tredici luglio… in occasione di una accattivante passeggiata, fatta dallo scrivente… rigorosamente in macchina, dalla Macchia Posta al valico Crocetta e ritorno.
Il motivo della solitaria passeggiata a quattroruote ? … scattare qualche foto agli stupendi fiori che la natura circostante ci offre - senza nulla pretendere in cambio se non il dovuto rispetto - gratuitamente in questo periodo: fiori dai mille colori e dai mille odori. Ed ovviamente respirare un po’ d’aria pura… l’unica cosa che ancora in Italia e specie dalle nostre parti… è gratis… ma solo perché nessuno è ancora riuscita ad imbottigliarla.
Sono arrivato, così come mi ero ripromesso, con la mia “Toyota Yaris Now color rosso quasi Ferrari” fino al valico Crocetta (dove una volta c’era la famosa rotonda ed il ristorante di don Gustino e con, poco distante, un chioschetto  di bibite e gelati gestito dalla famiglia Iazzolino… se la memoria non m’inganna). Ho guardato, nel costante incedere verso l’inebriante traguardo, a destra  ed a sinistra registrando mentalmente anche i punti in cui, ridiscendendo, mi sarei brevemente  fermato per scattare qualche foto con la mia ormai vecchia, seppure ancora insuperabile (almeno per le mie tasche) digitale “Konica Minolta Dimage Z3” .
Quanti fiori e quanto verde in questo stupendo tratto della vecchia statale 107… tutto da vivere specie in questo periodo.
Che bello sentire questa frizzante  arietta entrarti nei polmoni e spaccarteli con quella sua purezza di cui da tempo avevi dimenticato il dolce carezzarti della pelle e soprattutto l’insuperabile sapore.
Che belli, dicevo, il delicato naturale, incontaminato colore dei fiori (dubito o quantomeno spero non siano già… O.G.M., ovvero Organismi Geneticamente Modificati): ce ne sono di rossi, di blu, di bianchi, di arancione, di rossi, di gialli, di viola, di… policromi.
Tutto come da copione? … non direi: poco al di sotto della curva del Fiego, ossia dove una volta c’era la maledetta discarica dei sanfilesi, in un piccolo spiazzo al di là della carreggiata destra salendo verso la vetta… l’assurdo: un materasso, delle serie di luminarie natalizie (quelle palle da esterno) e diversi bustoni strapieni di spazzatura: alla faccia della stupenda passeggiata “full immersion” nell’altrettanto stupenda natura in cui ci si imbatte salendo dalla Macchia Posta verso il valico Crocetta.
Ovviamente, essendo l’uomo una bestia in cattività, anche certe espressioni sono espressioni… di Madre Natura.
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.

… /pace.

Nessun commento: