A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

martedì 28 maggio 2013

... fiore di hjinostra: colore e profumo di San Fili.

San Fili: scatti rubati alla natura circostante.
In questi giorni... San Fili è naturalmente in fiore.
Sono tanti i fiori (quasi tutti selvaggi ed autoctoni) in cui ci si imbatte passeggiando lungo le strade, le vie ed i... tratturi... di San Fili. 
Fiori dai mille colori e dalle mille sfumature che non possono non attirare il nostro sguardo. Dovremmo fermarci un po'... a riappropriarci del nostro stupendo territorio.
San Fili visto dalla contrada Frassino... oggi.
Stupende le ginestre in primo piano, vero?
... a proposito di ginestre: nel dialetto sanfilese (e non solo) la parola ginestre viene tradotta con la parola "hjinostra" (pronuncia leggermente diversa dal termine calabro-italianizzato "ghinostra").
L'uso dell'abbinamento dell'acca (h) espirata e della j (ovvero della "i greca") è da tanto tempo ormai perso nell'uso comune delle nostre parti: sia come scrittura che come pronuncia.
Tale pronuncia la troviamo pure nella traduzione dell'italiano "guanciale del maiale" ovvero de "u vuhjiu".
Complimenti a chi ancora riesce a pronunciare perfettamente tali termini.
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
… /pace!

Nessun commento: