A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

domenica 10 marzo 2013

“San Fili… frana?” o “San Fili… è una frana?”

La frana all'altezza del palazzo Gentile
... mmienzu u puontu.
In un primo tempo avevo deciso di non scrivere niente in merito alla frana che ha colpito il cuore di San Fili (una parte delle coste all’altezza del palazzo della famiglia Gentile, ossia “mmianzu u puontu”) poco dopo la prima metà del mese di gennaio di quest’anno.
I motivi per non parlarne erano tanti e non starò certamente qui ad elencarli.
Poi… una ventina di giorni dopo… qualche decina di metri più in là (ovvero all’altezza dell’edificio comunale del nostro amato odiato paese… ecco doversi registrare un’altra significativa frana… sempre lato costa e, questa volta, a mio ignorante parere, anche decisamente più significativa e pericolosa.
Ed è stata proprio questa seconda frana che mi ha convinto ad andare a toccare con mano (piedi, occhi e macchina fotografica) la realtà dei fatti.
Una bella mattina di questo mese (marzo 2013), infatti, ho deciso di fare un’avventurosa solitaria passeggiata lungo un tratto del nostro stupendo torrente (… jume?) Emoli. Vi assicuro che ne è valsa la pena: malgrado la nostra stupidità nel non saper apprezzare, valorizzare e soprattutto salvaguardare (uno dei motivi che hanno dato origine alle frane è proprio la mancata salvaguardia di tali posti) quanto Madre Natura ci consegnato in prestito… anche nel nostro piccolo territorio comunale abbiamo dei luoghi a dir poco stupendi.
La frana all'altezza dell'edificio comu-
nale di San Fili.
Iniziai la mia “passeggiata” scendendo dalla scalinata che da piazza san Giovanni porta alla fontana di Palazia (o Palazzia?) e proseguii lungo il torrente (soffermandomi ad ammirare i resti della cosiddetta “cascata” ovvero della piccola diga che riforniva d’acqua e quindi d’energia una delle nostre storiche centrali idroelettriche) fino a raggiungere il ponte di Crispini per poi, da tale punto, risalire verso “u Canalicchiu” e ritrovarmi su piazza Rinacchio (intestata dall’amministrazione guidata da Luigi Bruno al medico Aldolfo Mauro).
E’ stata, ripeto, una stupenda passeggiata, tra l’altro non molto difficoltosa (se non in un paio di punti) che consiglio a tutti... per apprezzare meglio ciò che immeritatamente abbiamo.
A fine passeggiata mi è sorto il dubbio su come avrei potuto intitolare questo articolo: “San Fili… frana?” o “San Fili… è una frana?”
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti… by Pietro Perri.
… /pace!

Nessun commento: