A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

sabato 30 luglio 2011

... in attesa che a San Fili l'opposizione consiliare... batta un colpo!

... so che si incavoleranno gli amici dell'opposizione consiliare sanfilese per ciò che sto scrivendo e come al solito mi faranno un elenco lungo un chilometro (ovviamente usiamo un sistema metrico decimale che pur avendo eguale denominazioni non ha eguali lunghezze) di ciò che hanno fatto e di ciò che stanno facendo... ma non posso fare a meno di citare, a cappello di questo breve pezzo, il loro... proverbiale sonno su determinati problemi (incluso il degrado ambientale) che attanagliano la comunità del Comune di San Fili.
Diversamente non si capirebbe come certe cose debba scriverle (o quantomeno metterle in evidenza) un soggetto che come me... è particolarmente vicino all'attuale maggioranza consiliare. Con ciò, ovviamente, non giustifico per niente gli amici che governano, in questo periodo, il piccolo paesino posto alla periferia della grande area urbana del Comune di Cosenza.
Un esempio di stupido menefreghismo da parte di tutti (maggioranza ed opposizione... su questo - sul menefreghismo - almeno sembra che ci sia inciucio... mi si dimostri il contrario), infatti, lo possiamo notare su un qualcosa (una piccola domanda) che da oltre un anno se non più mi sta stupidamente girando in testa: come mai sono stati tagliati - molti semplicemente decapitati - tanti alberi intorno ed all'interno del centro abitato di San Fili e l'unico albero che andava veramente per decenza tagliato (sostituito o semplicemente fatto sparire dalla visuale del viandante) imperterrito continua ad essere li? ... imperterrito continuiamo a vederlo (chi ha occhi per vederlo, ovviamente, in quanto sembra che ormai quasi tutti a San Fili siano diventati ciechi su questo fronte... in particolare quelli della maggioranza e dell'opposizione consiliare) nei pressi del luogo che per decenni ospitò il vecchio distributore locale di benzina?
... quell'albero (di fatto un obbrobrio non solo adesso ma anche quand'era rigogliosamente vivo) è da oltre due anni passato a miglior vita... in attesa di qualche caminetto (chissà di chi) che lo tramuti in luce e calore per una bisognosa famiglia. Quell'albero sembra ricordarci, così spoglio e freddo, che ormai a San Fili è da qualche anno a questa parte che è... inverno... e che non c'è alternativa a tale inverno.
Davanti a quel punto, quotidianamente, ci passa almeno il 70 per cento della popolazione del centro storico sanfilese... e non mi si venga a dire il contrario. 
Da quel punto quotidianamente ci passano amministratori locali, dotti e similari, membri di Associazione anche culturali ed ambientaliste, dipendenti comunali, opinionisti nostrani... tutti cecati?
Fatemelo dire... se c'è qualcuno in ascolto (... capace di leggere questo stupido pezzo)... della maggioranza o dell'opposizione consiliare... che batta un colpo! ... e la politica (scienza di gestione della res pubblica) che la faccia chi si è autodeputato a farla senza costringere a farla ai normali cittadini.
*     *     *
... la foto surriportata l'ho scattata venerdì 29 luglio 2011... spero di poterne pubblicare una in correzione nel corso della prossima settimana. Nel frattempo... fatemi consolare la mente con l'inizio d'una stupenda poesia del Carducci... "L'albero a cui tendevi la pargoletta mano...".
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace.

domenica 24 luglio 2011

San Fili: quando le scritte murarie raccontano la storia d'una comunità... venti anni dopo (3).

Lasciatomi alle spalle l’imbocco, lungo corso XX Settembre a San Fili, per via Colombrello (punto focale da cui una volta ci si incamminava verso i prolifici “Cuozzi”) e fatta qualche cinquantina di metri in più… mi accorgo con piacere che… il primo amore, quello dei fumetti e degli eroi di cartone, non si scorda mai.
Proprio così: l’amante de “i puffi” ritorna con la sua passione verso certi personaggi della fantasia con il nome di un altro eroe dei fumetti e dei cartoons. Su una facciata dell’abitazione che fu dell’indimenticabile prof. Raffaele Perri (larghetto adiacente piazza Rinacchio) compare infatti, in azzurro e ciclopica, la scritta “Snoopy”, ovvero il nome del bracchetto di Charlie Brown.
Arriviamo, salendo salendo, in piazza Madonnina (una delle poche piazze che, per fortuna, ancora i nostri Amministratori non si sono decisi ad intitolare a nessuno dei nostri completamente sconosciuti - per loro e per i posteri - paesani passati a miglior vita… un danno in meno alla storia della nostra Comunità).
Qui, a farla da padrone, continuano ad essere le scritte sulle panchine. Sullo schienale di una panchina si legge: “a vita è nu biscottu - se piove si scioglie - ps: seguite il mio consiglio”. Inutile dire che siamo decisamente in tempo di crisi economica, oltre che linguistica, e a darci conferma di ciò che stiamo passando oltre al ministro dell’economia GiulioTremonti sembra voglia ricordarcelo anche tale scritta. Una volta, se non ricordo male, infatti la vita non era “nu biscottu” ma “na brioscia”.
Ciò che non si capisce, comunque, in tale scritta è… quale sarebbe il consiglio che dovremmo seguire? … speriamo che l’autore del messaggio leggendo quest’articolo (sperando che a scuola oltre che a scrivere - si fa per dire - gli abbiano insegnato i primi rudimenti della lettura) ci faccia la grazia d’illuminarci in merito.
S’una panchina a fianco si legge: “spugna” e “douglas”… no comment!
Salgo qualche altro centinaio di metri lungo corso XX Settembre e mi fermo davanti all’entrata della storica forgia di “mastru Francu Presta”… quanti ricordi anche in tale luogo. Quella di “mastru Francu Presta” credo sia stata l’ultima forgia a chiudere i battenti a San Fili. Una volta, potevo avere un 10 o 12 anni, mi si era spezzata in due la bici… chiesi a “mastru Francu Presta” se poteva… rimettermela in piedi. Mi disse: “Ritorna domani… anzi, no! … aiutami a fare questo lavoretto e te l’aggiusto subito!”. La parte di lavoro che dovevo fare io consisteva nello scartavetrare un ferro arrugginito.
Feci quanto mi chiese e tempo di finire potei riprendere la strada a cavallo della mia magica due ruote.
Sulla parte superiore dell’entrata della forgia di “mastru Francu Presta” (al di sopra della porta stessa) campeggia ancora una strana scritta… un’equazione numerica che ancora oggi, dopo tantissimi anni, resta senza soluzione per noi profani che passiamo davanti tale punto e ci poniamo imperterriti le tre domande base che da sempre attanagliano l’esistenza degli esseri, si fa per dire, pensanti: “Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?”, l’equazione propostaci dall’indimenticato “mastru Francu Presta” è… “8?8/9=” ... a te, amico lettore, il compito di trovare, se non ci hai ancora provato, una possibile soluzione.
Sono già stanco, ma qualche altro passo verso piazza san Giovanni sicuramente non farà che giovare alla mia salute. Al limite al limite eviterò di sedermi su qualche panchina rischiando di nascondere (con le mie spalle e col mio fondoschiena) qualche stupenda scritta al viandante.
E’ così che raggiungo l’ex piazza Caserma ed attuale piazza Mario Nigro… giurista di fama internazionale. Non tutte le strade e le vie di San Fili, per fortuna, sono state intitolate a degli emeriti sconosciuti.
Ed eccomi nei pressi del bar della famiglia Sammarco, dell’indimenticabile Gigetto Sammarco.
Una scritta, su un muro laterale all’entrata del bar, colpisce la mia vista: “SANTO MILITO 18”. E’ una scritta nera, chissà qual è il suo arcano messaggio.
Visto comunque che di fronte c’è un tabacchino in cui si gioca pure a lotto…  potrei anche pensare di giocarmi questo numero… appunto a lotto… magari accompagnato, al fine di provare almeno l’ebbrezza di un azzeccato ambo, dal numero 6 (l’ignoranza) o dal numero 87 (l’ignoranza esagerata). Non do’ comunque il significato del 18 nella “smorfia moderna e napoletana” in quanto di significati su questo numero ce ne sono più di un centinaio.
Proseguendo oltre, mi reimbatto in qualche scritta muraria rimasta intatta o quasi intatta da quando, venti anni addietro, scrissi e pubblicai il primo articolo sulle scritte murarie in cui ci si può imbattere a San Fili passeggiando lungo corso XX Settembre.
Siamo “mmianzu u puontu” (ex / o piazza Municipio). Ricordo, in tale zona, e ritrovo la scritta “Mattheus” (mitico calciatore tedesco che ha militato anche nell’italiana Inter), quella sempre più sbiadita “DUX” (di fianco all’entrata principale del palazzo della famiglia Gentile) e via dicendo: si va in pratica dagli anni Trenta agli anni Settanta del secolo scorso.
Poco oltre, su una porta ricordo di qualche antica bottega sempre collegata a palazzo della famiglia Gentile, compare la seguente scritta: “ciangiti e nue ridimu”, difficile, oggi, dire se si tratta di un limone, allegoricamente parlando, a sfondo politico o un limone a sfondo calcistico. L’unica cosa certa è che anche questa scritta, pur essendo alquanto datata, è scritta in un italiano decisamente pietoso… e non mi si venga a dire che è scritta in dialetto… sarebbe lo stesso scritta in modo decisamente pietoso.
Stranamente sono sparite (erano sul muro del palazzo dei baroni Miceli di Serradileo), cancellate dal tempo, le scritte murarie inneggianti al periodo dell’Amministrazione “Spiga” (1983 / 1993)… i fans della Spiga hanno utilizzato una pessima vernice per le loro storiche imbrattate murarie. E le scritte sono sparite così come sta per sparire il ricordo di quel più o meno disastroso decennale dal ricordo dei Sanfilesi.
Giunti a questo punto non mi resta che parlare, seppur brevemente, della simbologia utilizzata, nell’ultimo secolo, dai grafomani sanfilesi.
Ma questo sarà argomento d’un altro articolo.
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
… /pace.

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Elvira Martire vedova Curatolo.
... aveva 85 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace.

giovedì 21 luglio 2011

Progetto Estate San Fili edizione 2011? ... sarà!

E’ giunto lunedì 18 luglio 2011 nella casella di posta elettronica dell’Associazione culturale “Universitas Sancti Felicis” (l’Associazione di cui mi onoro essere il Presidente in carica) il comunicato stampa che riporto di seguito.
*     *     *
E’ iniziata domenica 17 luglio, la kermesse dell’estate sanfilese, fortemente voluta dall’amministrazione comunale, per risollevare un po’ gli animi degli imprenditori del piccolo paesino della provincia di Cosenza dopo le recenti vicende che lo hanno segnato.
Il primo spettacolo in occasione della festa della Madonna del Carmelo in Piazza San Giovanni ha visto coinvolta la band “Sing Swing”, che tra un brano napoletano e uno standard swing ha accompagnato gli spettatori in una atmosfera di allegria e entusiasmo.
Le gag sul palco che si sono susseguite tra i musicisti sono state coinvolgenti ed efficaci, certamente un buon auspicio per il cartellone che l’Amministrazione comunale ha presentato, che vede la direzione Artistica di Elisa Palermo e il coordinamento di Laura David e Giuseppe Monaco, tutti coinvolti nell’organizzazione dal vicesindaco Antonio Argentino.
Tra gli ospiti che si seguiranno ad animare le piccole piazzette limitrofe dei locali del paesino ci saranno Jazz Married con Elisa Brown (voce) e Fabio Guagliardi (pianoforte), le Soul Kiss, il Circolo delle Quarte, The Darkies, I Viaggiatori Distratti, La Musica project con Antonella Zampetta (voce) e Riccardo Galimi (piano), Fill Mama & Ivan Volpintesta, e la Rino Gaetano tribute band, insomma un vero e proprio mix di generi musicali e di talenti locali.
Dal Jazz allo swing, dal blues al soul, per arrivare ai tributi a Rino Gaetano e a De Andrè dei Viaggiatori distratti. I locali coinvolti sono il Bar Emoli, il Bar Sammarco, il Bar degli Amici,il bar delle Magare, il Bar Daniels, il Bar Gioffrè, e il Bar fratelli Cribari.
Un’estate all’insegna della musica per sorridere insieme nonostante la crisi economica pesa sempre di più, un tentativo di sostegno alle realtà locali che non va sicuramente sottovalutato.
*     *     *
PROGETTO ESTATE SAN FILI
EDIZIONE 2011
PROGRAMMA
DATA
SPETTACOLO
LUOGO
ORARIO
17 LUGLIO
Sing Swing
PIAZZA SAN GIOVANNI
21,30
27 LUGLIO
The Jazz Married con Elisa Brown (voce) e Fabio Guagliardi (pianoforte)
PIAZZA SAN GIOVANNI
21,30
3 AGOSTO
Soul Kiss
PIAZZA MARIO NIGRO
21,30
10 AGOSTO
Il Circolo delle Quarte
PIAZZA SAN GIOVANNI
21,30
19 AGOSTO
The Darkies
PIAZZA MADONNINA
21,30
25 AGOSTO
I Viaggiatori distratti
PIAZZA MADONNINA
21,30
2 SETTEMBRE
La Musica… project
FRAZIONE BUCITA
21,30
5 SETTEMBRE
Fratelli Mama e Ivan Volpintesta
FRAZIONE BUCITA
21,30
7 SETTEMBRE
Rino Gaetano Tribute  Band
FRAZIONE BUCITA
21,30
*     *     *
Quasi certamente tale comunicato stampa è stato inviato con la sottintesa richiesta di pubblicazione sul “Notiziario Sanfilese”, ovvero sul bollettino dell’Associazione culturale “Universitas Sancti Felicis”. Ringrazio chi me l’ha mandato e mi scuso a priori se non lo pubblicherò su tale foglietto d’informazione locale. I motivi sono molteplici, tra questi c’è sicuramente il fatto che quando potremo pubblicarlo buona parte del programma del Progetto Estate San Fili edizione 2011 sarà ormai fortunatamente archiviato.
Resta poi il fatto che noi dell’Associazione culturale “Universitas Sancti Felicis” siamo sempre stati apertamente critici nei riguardi di tale inutile (ovviamente per come è gestito e per i fini perseguiti e conseguiti) ed eccessivamente dispendiosa kermesse estiva… cosa da non sottovalutare. Quindi ci sarebbe difficile parlare bene della stessa.
Quest’anno, oltretutto, anche per non mortificare ulteriormente i cittadini sanfilesi… si poteva evitare. Ma questa delicatezza, purtroppo, non scaturisce mai, dalle nostre parti, da parte di coloro (i rappresentanti istituzionali) che ne dovrebbero essere stracolmi sia per natura che per convinzione.
Restano ancora vive le domande posta dal sottoscritto l’anno scorso: a cosa ci serve un Progetto Estate a San Fili? … a chi serve? … a chi dovrebbe servire. E non credo ci vogliano archi di scienza per dare una giusta risposta a queste domande.
Qualcuno potrebbe comunque obiettare che il Progetto Estate San Fili edizione 2011 è costato poche migliaia di euro o per giunta neanche un euro. A questo qualcuno rispondo a priori che anche se fosse costato solo 50 centesimi… così com’è stato impostato… sarebbero, per la cittadinanza sanfilese, 50 centesimi sprecati.
Tengo a sottolineare che quanto scritto nel precedente paragrafo non è rivolto al valore ed alla bravura (dubito che perderò tempo a constatarla comunque in tale occasione) degli artisti interessati all’evento.
I miei compaesani, quelli che vivono - onestamente - l’attuale dramma sanfilese, sanno benissimo a cosa mi riferisco.
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
… /pace!

lunedì 18 luglio 2011

Anche questo mese (Luglio 2011) siamo riusciti, noi dell'Associazione culturale "Universitas Sancti Felicis", a realizzare il nostro bollettino.

... proprio così, anche questo mese (Luglio 2011) noi dell'Associazione culturale "Universitas Sancti Felicis" di San Fili (ovvero l'Associazione dei Sanfilesi nel Mondo), siamo riusciti a realizzare il nostro bollettino mensile, il... "Notiziario Sanfilese".
Otto pagine di storia, cultura ed attualità relative alla stupenda cittadina di San Fili e all'altrettanto stupenda comunità da essa ospitata.
La Comunità Sanfilese.
Chi volesse ricevere il nostro Notiziario non ha che da diventare socio dalla nostra Associazione. Si può diventare soci partendo da un contributo di appena 5,00 (cinque) euro, a seconda se si vuole essere soci simpatizzanti, soci ordinari e via dicendo.
Per ritornare al "Notiziario Sanfilese" di questo mese (di cui viene riprodotto il frontespizio a sinistra), comunque, riporto di seguito l'indice delle pagine:
*     *     *
Pag. 1
- Si è tenuta a San Fili la II edizione del motoraduno “Moto Classic” della Palombara. L’Associazione culturale “Universitas Sancti Felicis” era presente.
Pag. 2
- Ci hanno lasciato.
Pag. 3
- Non giudichiamo dalle apparenze. Di Nuccia Giglio-Carlise.
- La stazione ferroviaria di San Fili? … per i residenti ormai solo un ricordo. Di Pietro Perri.
- Comunicazione ai soci.
Pag. 4
- Un breve ricordo di Mastru Dante Gulino. Di Antonio (Tonino) Ingribelli.
- Un breve ricordo di Enrichetta Verbari.
Pag. 5
- Quando le scritte sui muri raccontano la storia d’una comunità (2). Di Pietro Perri.
Pag. 6
- Ari tiempi di Sangiuvanni.
- I membri dell’Associazione Culturale “Universitas Sancti Felicis” e costo tessere 2011.
Pag. 7
- Ricevo, tramite posta elettronica, e pubblico con piacere.
Pag. 8
- “Peccati di gola” a cura di Antonella  Angotti: Melanzane a funghetto.
- Piccolo dizionario santufilise.
- C’era una volta… la locomotiva a San Fili. Due foto per ricordare il dimenticato.
*     *     *
... un cordiale affettuoso abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

martedì 12 luglio 2011

San Fili 26 giugno 2011: breve (tragico) resoconto del II motoraduno "Moto Classic" della Palombara

Si è tenuto, domenica 26 giugno 2010, a San Fili ed in particolare nell’accogliente cornice di piazza San Giovanni seconda edizione del motoraduno “Moto Classic” della Palombara.
La manifestazione, organizzata dal  moto club “Lone Wolf” di Rende, ha visto la collaborazione, oltre che dell’associazione culturale “Universitas Sancti Felicis”, anche dell’Amministrazione comunale di San Fili, della Polizia provinciale, dell’Arma dei Carabinieri (di cui il nostro paese da sempre ospita una stazione) e delle guardie ecozoofile dell’ANPANA (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente).
Quest’anno, purtroppo, a differenza dell’edizione 2010, i pezzi (moto d’epoca o quantomeno immatricolate prima del 1990) in mostra erano decisamente pochi e non eccessivamente accattivanti.
Il problema comunque non è stato dovuto né all’organizzazione, decisamente impeccabile come sempre, né tantomeno alla condizioni climatiche (quel giorno era una stupenda giornata di sole).
Purtroppo sembra che contemporaneamente, sempre in Calabria, erano stati organizzati altri due moto raduni in località a più ampio raggio di richiamo turistico.
Quest’ultimo punto dovrebbe far ulteriormente riflettere i Sanfilesi tutti, in particolare gli Amministratori comunali (presenti e futuri… i passati lasciamoli al passato) e le Associazioni presenti ed operanti sul territorio, imponendo loro di rispondere una volta per tutte alle domande: “...cosa vogliamo farne del nostro futuro? … cosa vogliamo fare da grandi?”
Anche se ormai è troppo tardi… fermiamoci un attimo e proviamo a ragionare.
I centauri che nella stupenda mattinata di domenica 26 giugno 2011 si sono ritrovati in piazza san Giovanni a San Fili, svolta la parte amministrativa attinente all’iniziativa (iscrizione ecc.) e consumata una colazione, sicuramente abbondante e di qualità, nei bar presenti nella piazza medesima (“bar Emoli” e “bar degli amici”) intorno alle 1o e 30 hanno abbandonato il punto di ritrovo per dirigersi, tramite la vecchia provinciale 107, verso la Crocetta per proseguire fino alla scesa della Palombara (‘a palummara).
Finita la perlustrazione dello stupendo paesaggio che offre alla vista del viandante la catena montagnosa tirrenica, i centauri, almeno quelli che hanno inteso lasciarsi alle spalle il succitato paesaggio, sono ritornati a San Fili dove, al ristorante “La locomotiva” li attendevano alcuni tra gli stupendi piatti che offre la gastronomia sanfilese.
Detto questo… non resta che rimandare il tutto alla III edizione del motoraduno “Moto Classic” della Palombara che speriamo si terrà sempre a San Fili e sempre nella stupenda cornice di piazza san Giovanni nel 2012.
Per l’edizione del 2012, visto quanto successo quest’anno (la scarsa affluenza sia di pubblico che di partecipanti… alcune cose è giusto dirle, non è più ammissibile camminare con le fette di prosciutto davanti agli occhi specie in Calabria e specie in questi ultimi anni) non possiamo non sperare sia in una migliore pubblicità dell’evento, che in un progetto magari più ricco di contenuti ed in una maggiore partecipazione degli operatori economici (bar, ristoratori ecc.) e delle Associazioni presenti a San Fili.
Eventi come questo possono essere un ottimo trampolino di rilancio del nostro territorio, del nostro paese e della nostra Comunità. Proprio per questo vanno “sfruttati” e non solo criticati se gli stessi si risolvono in proverbiali flop.
I flop, infatti, in tali casi non li fanno gli organizzatori o solo gli organizzatori.
I flop li fa (e fanno) il nostro futuro. 
Quando una persona nuova giunge a San Fili non deve chiedersi: “… ma dove sono capitato?”
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

domenica 10 luglio 2011

Notizia flash!

... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Italia Passarelli vedova Carpanzano.
... aveva 70 anni.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace.