A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

mercoledì 15 giugno 2011

Speciale: i referendum del 12 e 13 giugno 2011… a San Fili (libere considerazioni e risultati).

Domenica 12 e lunedì 13 anche i Sanfilesi si sono recati alle urne decidere se alcune leggi (o articoli di legge) dovevano essere o meno abrogate. I quesiti referendari erano ben quattro: il primo riguardava la privatizzazione di alcuni servizi pubblici locali (a partire dalla gestione del servizio idrico), il secondo la possibilità di aumentare (in modo velatamente discrezionale) le tariffe del servizio idrico, il terzo dare l’autorizzazione al Governo italiano di aprire il discorso sul nucleare (costruzioni di centrali appunto nucleari) in Italia ed il quarto… mirava a far capire ai nostro governanti che la legge è uguale per tutti e che chi governa dovrebbe dare il buon esempio.
Diciamo a priori che i Sanfilesi, in linea col resto degli italiani, si sono recati in massa a dare il loro sostegno numerico affinché lo sforzo fatto dai comitati referendari non risultasse vano: ben oltre il 63 % (contro il 57% della media nazionale) dei Sanfilesi si è recato ai seggi elettorali a far valere il proprio “diritto / dovere” (perché di “diritto / dovere” si tratta) del voto e di espressione della propria condizione di liberi (ovvero in grado di ragionare con la propria testa) cittadini.
Nelle elezioni amministrative del 28 e 29 marzo 2010 la percentuale dei votanti sanfilesi (ossia di quanti, tra i nostri compaesani, si erano recati ai seggi elettorali) era stata del 78,72%.
Il Popolo Italiano, e quindi anche i Sanfilesi, con tale voto si sono in parte riappropriati della loro voglia di partecipare alla vita politica del nostro Bel Paese.
Inutile dire che il risultato di tali referendum era più che scontato, fatta salva l’incognita del quorum. In tutti i quesiti referendari i “SI” hanno superato, anche a San Fili, il 90% (il 98 per la precisione) dei voti validi.
 *     *     *
REFERENDUM N. 1
(SERVIZI PUBBLICI LOCALI)
Aventi diritto al voto  2263
Votanti 1430   (63,19%)
Voti    “SI”  1386   (97,67%)
Voti    “NO”   33   (2,33%)
Schede bianche  7 (0,48%)
Schede nulle 4 (0,27%)

REFERENDUM N. 2
(TARIFFA SERVIZIO IDRICO)
Aventi diritto al voto 2263
Votanti 1430 (63,19%)
Voti “SI” 1389 (97,89%)
Voti “NO” 30 (2,11%)
Schede bianche 5 (0,34%)
Schede nulle 6 (0,41%)

REFERENDUM N. 3
(ENERGIA ELETTRICA NUCLEARE)
Aventi diritto al voto 2263
Votanti 1430 (63,19%)
Voti “SI” 1371 (96,82%)
Voti “NO” 45 (3,18%)
Schede bianche 11 (0,76%)
Schede nulle 3 (0,20%)

REFERENDUM N. 4
(LEGITTIMO IMPEDIMENTO)
Aventi diritto al voto 2263
Votanti 1430 (63,19%)
Voti “SI” 1374 (97,03%)
Voti “NO” 42 (2,97%)
Schede bianche 8 (0,55%)
Schede nulle 6 (0,41%).
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!


Nessun commento: