A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

sabato 29 maggio 2010

A raccolta di Clematis Vitalba. Una stupenda (?) avventura intorno al valico Crocetta: i motivi.

Erano all’incirca le 16 e 30 di giovedì 27 Maggio 2010.
Da qualche giorno tra me e mia moglie s’era instaurato un po’ di stupido nervosismo e la cosa più sensata che mi venne da fare fu proporle una bella passeggiata intorno al valico Crocetta a raccogliere… vitarve (leggasi “clematis vitalba” per gli scienziati o semplicemente, nell’Italia Federale dell’Umberto - Bossi - Nazionale, “vitalba” per gli stranieri sbarcati volontariamente o semplicemente per caso nella libera repubblica di San Fili).
Feci questa proposta a mia moglie per vari motivi, tra i quali: a) più di una volta mi sono reso conto quanto calmi il nervosismo una bella passeggiata in montagna (aria fresca ed incontaminata)… nella nostra montagna; b) quest’anno ho riscoperto i germogli di vitarva (non solo come prodotto alimentare ma anche come prodotto curativo… è una pianta diuretica, fa bene ai reumatismi e non solo…); c) se Berlusconi e company continuano a governare l’Italia in questo modo, quanto prima vitarve in circolazione non se ne troveranno più (ossia la gente li raccoglierà per necessità e non più per piacevole “chjuritu”).
In effetti i germogli di vitarva furono per secoli (ovviamente nei mesi di Maggio ed Aprile) uno dei piatti forti della tavola dei nostri avi. Di quanti, sotto padroni (quando i padroni non toglievano loro anche questo piacere), hanno ipotizzato, realizzato e occupato (con la loro attiva e fattiva presenza) San Fili ed il suo stupendo territorio.
In tempi tra l’altro in cui di vitarve se ne trovavano, nel territorio sanfilese, ben poche: oggi San Fili, grazie al fatto che nessuno pulisce più il sottobosco (non tutto il male viene per nuocere), ne è strapieno. E non solo ne è strapieno il sottobosco sanfilese ma anche (tragico ammetterlo) anche alcune vie del centro urbano della nostra amata/odiata San Fili… segno che sul fronte della pulizia l’Amministrazione comunale e gli “operatori ecologici” - leggasi "spazzini" - del nostro paese ultimamente lasciano alquanto a desiderare.
La “clematis vitalba” è una pianta selvatica sicuramente buona (gustosa) ma altrettanto sicuramente altamente infettante.
Ma ritorniamo alla nostra storia.
Mia moglie (Orietta), da parte sua, non ci pensò due volte a dirmi di si!
Dieci minuti per cambiarci (ossia per metterci addosso una comoda tuta da ginnastica) e via, ovviamente in macchina, verso la nostra (anche se non lo sapevamo ancora) stupenda avventura.
Il primo punto di sosta sarebbe stato, appunto a poche centinaia di metri dal valico Crocetta, il bivio per Falconara albanese.
(continua - 1)
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace!

Nessun commento: