A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

venerdì 19 febbraio 2010

San Fili... verso le elezioni comunali del 28 e 29 marzo 2010 (parte decima).

Della terza lista preannunciata (non possiamo infatti ancora dire che sia stata presentata in quanto ci mancano dati ufficiali o quantomeno ufficiosi sui componenti della stessa), ossia della lista che dovrebbe essere capeggiata dal dottor Enrico Crispini (aspettiamo ovviamente conferma), abbiamo comunque il simbolo, l'ipotetico nome ed un breve saluto (presentazione) agli elettori.
Il simbolo, riportato a sinistra, è un girasole (su sfondo azzurro) con al di sotto (su sfondo giallo) la scritta "insieme per cambiare". Il nome e gruppo il "Girasole".
Di seguito riporto il breve messaggio trasmesso, tramite volantino, da tale gruppo agli elettori sanfilesi.
*     *     *
Agli elettori.
Siamo un gruppo che con moderata passione e giusto disincanto segue da tempo le vicende politiche del paese.
Eravamo rimasti alla regola ereditata da tempi tristi, del binario unico alternato, ossia sempre gli stessi amministratori ai quali un elettorato ormai assuefatto e portato allo sfinimento, non sapeva negare il consenso.
Eppure, con comprensibile senso di liberazione ma cauta fiducia, abbiamo registrato negli ultimi tempi il diffondersi nel paese di parole come cambiamento, discontinuità, riferite supponiamo al passato. In verità, per quanto possibile ed a più riprese, abbiamo tentato nei mesi scorsi di avvicinare i gruppi politici in campo.
Totale delusione. Andremo avanti da soli in una competizione elettorale che, per quanto ci riguarda, affronteremo in modo civile e sereno.
Non vogliamo denigrare nessuno. Non crediamo aprioristicamente che l'amministrazione comunale uscente possa rappresentare il peggiore dei mali possibili.
Ci riserviamo tuttavia ogni opportuna valutazione senza faziosità o pregiudizi sempre che l'elettorato ci premi con il suo consenso.
Faremo la nostra parte senza timori ma con molta fiducia.
In un incontro pubblico saranno illustrate finalità e linee programmatiche, verranno presentati il candidato a sindaco ed i componenti della lista scelti nel gruppo "Girasole".
*     *     *
A rispondere per le rime (anche se non molto baciate a dire il vero) al radioso gruppo "Girasole" ci hanno pensato gli amici del gruppo Neapòlis (alcuni dei quali sono dei veri veterani in fatto di offese personali).
A metà febbraio infatti è stato divulgato per le strade (?) di San Fili il quinto numero del loro ricercatissimo (?) giornalino (non lo chiamo "volantino" perché se no mi ritroverei per l'ennesima volta linciato dagli autori per tale appellativo di questa "stupenda, superba e dotta pubblicazione").
Personalmente, comunque (ma è solo una visione personale e quindi decisamente opinabile) non mi dispiacerebbe leggere sotto, o sopra che dir si voglia editorialmente parlando, di alcuni articoli anche il nome dell'autore o degli autori degli stessi.
Alcuni articoli del "Neapòlis Mail" infatti meriterebbero d'essere firmati.
Ecco comunque quanto leggiamo sul "Neapòlis Mail" (questo è il nome del giornantino - così facciamo contenti sia il sottoscritto che il gruppo... "Napoli 2008") in merito al gruppo (nuovo uscito) il "Girasole"... neo "Armata Brancaleone" (così rinominato dal gruppo "Neapòlis"):
*     *     *
L'Armata Brancaleone.
Gli amici e avversari del Girasole (gruppo Crispini) hanno finalmente deciso di mostrarsi pubblicamente. Dopo anni passati rinchiusi in abitazioni private a preparare la lista (ma non il programma), precludendo i liberi cittadini di partecipare al progetto se non per chiamata diretta, per la prima volta rendono pubblica e scritta una loro posizione, ma tingendola di giallo. Il loro primo manifesto di presentazione, infatti, sottolineava, tra le altre, un’opinione molto affettuosa nei confronti dell’amministrazione Zuccarelli Questa presa di posizione è durata un giorno, giacche nel gruppo Girasole esistono componenti totalmente avverse all’attuale amministrazione, finanche cariche pubbliche (ad esempio del gruppo fanno parte i consiglieri di opposizione Antonio Gioffrè e Peppe Esposito), che hanno immediatamente fatto rimuovere la posizione incriminata. Quindi il gruppo ha più anime? Gli amici del Girasole non hanno una linea e un’idea politica comune?
In verità gli eventi ci portano a pensare che nel Girasole ci sia una totale babilonia, e che i nostri inesperti avversari abbiano commesso un errore politico dopo l’altro, a partire dalla formazione segreta del gruppo, proseguendo con la metodologia della scelta preconcetta del capolista e della formazione della lista, continuando con la modalità delle alleanze vietate alle persone e non alle idee, e infine, presentandosi alla cittadinanza a pochi giorni dalle elezioni, con la pretesa di chiedere un voto per un progetto a cui nessun sanfilese ha potuto partecipare. Politicamente sono un’armata Brancaleone diretta ad Aurocastro. Auguriamo al Girasole di smentirci, specialmente in caso dovessero vincere e amministrare per i prossimi cinque anni.
*     *     *
A scanso di equivoci ripeto: la parte (in corsivo) surriportata è ripresa dal giornalino (... giornantino) "Neapòlis Mail" realizzato e distribuito dal comitato civico Neapòlis (leggasi "Napoli 2008") di San Fili verso la metà del mese di febbraio 2010.
Per quanto riguarda il termine (qualificativo) "Armata Brancaleone", lo dico perché non tutti siamo di San Fili né tutti seguiamo le vicissitudini del cinema italiano, è un termine (qualificativo) decisamente offensivo e si utilizza quando si vuole indicare un gruppo di soggetti male addestrati, male amalgamati, male organizzati... in poche parole un gruppo nato male per finire peggio.
Il termine (leggiamo da Wikipedia.org) armata Brancaleone è entrato nel linguaggio comune ed è riportato ormai da diversi dizionari della lingua italiana (cfr. Devoto-Oli - Dizionario della Lingua Italiana - Le Monnier). Esso indica un gruppo variopinto, un'accozzaglia di persone dalle idee confuse e poco organizzate ed ha un significato fortemente dispregiativo o irriverente. Generalmente è utilizzato in ambito sportivo, politico o militare.
La fortuna del termine è dovuta sopratutto a due film magistralmente interpretati dall'impareggiabile maestro Vittorio Gassman: "L'Armata Brancaleone" (1966) e "Brancaleone alle crociate" (1970).
A scanso di equivovi chiamo "Napoli 2008" il Comitato civico Neapòlis solo perché Neapòlis è anche il vecchio nome della città di Napoli e 2008 perché è l'anno di costituzione del Comitato stesso.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace.

Nessun commento: