A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

venerdì 5 febbraio 2010

San Fili... verso le elezioni comunali del 28 e 29 marzo 2010 (parte ottava).

... avrei voluto evitare commenti in questo periodo in merito alle elezioni amministrative che si terranno a San Fili il 28 ed il 29 marzo prossimo. Quelle che, in poche parole, ci elargiranno, a noi poveri (e sempre più impoveriti) mortali Sanfilesi, un nuovo (... ? ... o riciclato?) Sindaco, un nuovo (... ? ... o semi-riciclato) Consiglio e una nuova (... ? ... riciclata o semi-riciclata) Giunta comunale.
A convincermi del contrario ci sono stati l'incontro con qualche scambio d'opinione con alcuni compaesani, alcuni "pensieri" (se non vere e proprie poesie) trovati su Facebook ed il fatto che una chiave di ricerca utilizzata da qualche compaesano per accedere a questo blog è stata "novità elezioni comunali a san fili".
... ma ritorniamo alle prossime amministrative sanfilesi: qualcuno ci capisce qualcosa?
... sicuramente non quanti, come il sottoscritto, tra i Sanfilesi (quelli con la "S" maiuscola) non invitati al lauto banchetto che si terrà successivamente al 28 e 29 marzo prossimo, devono contentarsi delle notizie che si riesce a carpire dall'una e/o dall'altra parte tramite Facebook e tramite alcune vizoche di parte lasciate opportunamente pascolare lungo corso XX Settembre (il corso principale, anche perché l'unico, del nostro amato odiato paesino).
Proprio così: sembra sempre più difficile capire quante liste saranno presentate dai sanfilesi (quelli con la "s" minuscola) in vista della prossima tornata elettorale amministrativa.
Attualmente le liste che dovrebbero scendere in campo sembra debbano essere appena quattro (malgrado qualcuno continui  a sostenere che quasi certamente non ce ne saranno meno di sette... forse perché il numero sette rientra nei numeri primi e come tale nei numeri perfetti).
Le certe, o per lo meno le quasi certe, sembra continuino ad essere la "Nuova Alba per San Fili e Bucita" (capolista individuato il dottor Giovanni Carbotti), "Neapòlis" (capolista designato l'architetto Sante Onofrio), la lista (ufficializzata a pochi amici, ovviamente si spera che i voti nel sacco siano tantissimi in più, giorno 4 febbraio 2010) dal Sindaco uscente dottor Ottorino Zuccarelli e dulcis in fundo (ma non mi risulta ci siano ancora state ufficializzazioni in merito) quella che dovrebbe vedere capolista il dottor Enrico Crispini.
Una partita a quattro che sul campo potrebbe rivelarsi a tre... se non del tutto a due.
Una partita dove è difficile capire persino che ruolo giochino alcune famiglie. Un esempio? ... un padre che collabora alla stesura del programma di una lista ed il figlio che si candida (o quanto meno ha dato la disponibilità a candidarsi) in un'altra lista.
Qualcuno potrebbe anche dirmi che tale situazione mostra la libertà d'azione e di pensiero presente in tale nucleo familiare. Se però tale situazione si fosse verificata in un'altra famiglia o in un altro nucleo familiare sono sicuro che tale famiglia avrebbe utilizzato ben altri qualificativi (sicuramente offensivi) nei confronti dei... diversi e dei progressisti.
... a farla da padrone, diciamo la verità, anche in questa tornata elettorale, nella nostra sfortunata cittadina di San Fili. saranno gli ultracentenari trasversalisti, gli ultracentenari venditori di fumo e i franchi tiratori. Quelle famiglie che, in poche parole, da una vita bloccano lo sviluppo del nostro territorio solo per ripicche personali (in quanto le capacità delle stesse ormai sono sotto gli occhi di tutti) e per miseri interessi privati a danno della crescita economica, culturale e sociale dell'intera comunità.
Dov'é la Destra, dov'é la Sinistra... cantava in altri tempi il mitico compianto Giorgio Gaber. A San Fili ormai è da tempo, circa trent'anni, che siamo in tanti a chiederci dove sia la Destra e dove sia la Sinistra.
Forse è anche per questo che, nel nostro amato odiato paesino, non si vede alcun raggio di sole all'orizzonte.
Per la società civile solo e sempre la solita zolfa: guai a come si apre bocca o (ne è stato un esempio anche questo blog nella polemica instauratasi tra lo scrivente e gli amici del Comitato Civico Neapòlis) come si scrive... meglio non parlare (mi dicono alcuni compaesani) e tanto meno meglio non scrivere.
... anche la libertà di parola, diciamocelo pure, e la libertà di stampa a San Fili si sono andate, in questi ultimi anni, a farsi fottere... decisamente un bell'ambiente sono riusciti a creare i vecchi ed i novelli burattinai sanfilesi, disonesti individui che agiscono dietro le quinte della nostra comunità.
Sono in tanti, tra i miei compaesani infatti che mi dicono che stanno evitando opportunamente determinate zone del paese in questi ultimi giorni... proprio per evitare di doversi litigare i quanto meno entrare in accesa discussione con i facinorosi di turno.
Si sta creando in poche parole all'interno del paese una spaccatura che farà tantissimo rimpiangere, ai Sanfilesi perbene, le spaccature degli anni addietro.
Eppoi... quanto sono buffi, tra i nostri cari concittadini, quei soggetti (presunti candidati) che di colpo si ricordano di compagni di scuola, di amici di sventura, di vicini di casa, di compagni d'infanzia, di gente meno fortunata di se stessi... quando per tant'anni a tali soggetti li avevano opportunamente snobbati.
Leggo e riporto in merito al precedente punto, da Facebook, il pensiero (un pensiero che la dice piuttosto lunga) d'una nostra compaesana (evito di riportare il nome perché non ho chiesto la sua autorizzazione all'utilizzo del suo "pensiero" e perché tale pensiero non rientra in polemiche con il sottoscritto e/o in offese alla Comunità Sanfilese): - Penso che il paese è in fermento per le prossime elezioni, già sto vedendo i falsi e spudorati presunti "amici", o per meglio dire semplici conoscenti che normalmente non ci calcoliamo, che mi chiedono il voto. Per questi tipi: "non so neanche se vado a votare, e se ci vado di certo non ti do' il voto, visto che mi calcoli solo per la preferenza".
... si può dare torto a questa nostra gentile (e per quanto mi risulta anche intelligente, onesta e moralmente corretta) compaesana?
Qualche amico tra l'altro mi ha confidato di telefonate, tutt'altro che cordiali, ricevute da candidati e/o capilista avversari: che bella comunità che siamo riusciti a mettere insieme. E che belle prospettive per il futuro del nostro stupendo amato/odiato paesino.
... dovremmo finalmente imparare a rispettarci nella nostra comunità non solo in vista delle elezioni ma nell'ininterrotto corso della vita. dopotutto un "buongiorno", un "buonasera", un "come stai?", un "posso fare qualcosa per te?" ... non ci costa proprio niente e fa sentire bene non solo a chi sente tali parole ma anche e sopratutto a chi li pronuncia.
... e per finire... un bel sorriso al nostro prossimo, specie se un Sanfilese... ci evita qualche ruga in più sul nostro volto.
... ai "candidati" alla carica di Sindaco, di consigliere o di assessore comunale, non posso che andare a rileggersi il significato della parola "candidato".
... agli elettori Sanfilesi mi limito a dare il seguente consiglio: ricordate che con un semplice segno di croce o col scrivere il cognome del vostro candidato preferito... nell'arco di pochi secondi rischiate di giocarvi (e cosa ancor più grave di far giocare alla comunità di cui fate parte) ben cinque anni della vostra futura vita con tanti risvolti positivi e negativi non solo fuori dalla porta di casa vostra ma anche all'interno del vostro nucleo familiare.
Quei fatidici pochi secondi se sarà necessario fateli durare anche un minuto... ma pensateci bene! ... fate in modo che  San Fili, il vostro paese, abbia finalmente un proprio futuro.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace.

News delle ultime ore (oviamente del 5 Febbraio 2010).
Dopo aver pubblicato il surriportato post, sono uscito in paese facendo una piccola sosta in piazza San Giovanni (quella dov'é posto tra l'altro il monumento che i Sanfilesi hanno voluto dedicare ai caduti non solo della guerra del 1915/1918 ma ai caduti di tutte le guerre... presumibilmente anche delle guerre fratricide per la conquista della sedia di Sindaco del Comune di San Fili, visto che buona parte degli pseudo politici locali imperterriti continuano a ritrovarsi ai piedi del suo piedistallo).
Qui, leggendo un volantino affisso in modo decisamente abusivo in una zona vietata, sono venuto a conoscenza del fatto che la locale "presenza" UDC (Unione di Centro) guidata da Pasquale Chiappetta ha sottoscritto un'alleanza in vista delle prossime amministrative con il gruppo (lista "Nuova Alba per San Fili e Bucita") del dottor Giovanni Carbotti.
... quindi una lista in meno: dalle presunte sette si scende a sei (anche se sarebbe più giusto confermare le succitate quattro)... numero decisamente imperfetto, i Sanfilesi possono fare di meglio (o di peggio che dir si voglia)!
La seconda stupenda notizia riguarda il sottoscritto. Una persona in quel di piazza San Giovanni  mi ha detto: "... auguri per la candidatura nella lista di (omissis)". Tale notizia dopo circa una mezzoretta mi è stata confermata da un'altra persona: "... priparati a ti piglia' nu mise de ferie ca si 'nta lista"!
Inutile dire all'uno ed all'altro che personalmente non ne sapevo decisamente nulla di tale "onore".
In altri tempi ed in altri luoghi i nostri avi usavano dire: "Sa cchiju u ciuotu 'ncasa sua ca u saviu 'ncasa d'autri"! A San Fili, visto e considerato questa ennesima simpatica mia avventuretta, di questi tempi e con questi protagonisti di corso XX Settembre e di piazza San Giovanni, credo sia un po' il caso di reiscrivere tale motto nel seguente modo: "Sa cchiju u pazzu 'ncasa d'autri ca u saviu 'ncasa propria"!

Nessun commento: