A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

venerdì 27 novembre 2009

Polizia stradale? ... mo vene Natale / nun tengo denare / me leggio 'o giurnale / e me vado 'a cucca?.

Polizia stradale: Mo' vene Natale / nun tengo denare / me leggio 'o giurnale / e me vado 'a cucca'.
Vi chiederete: cosa c'entra la polizia stradale con questa lirica natalizia?
... ed io vi rispondo: niente! ... se non fosse per il fatto che in prossimità delle feste (ovviamente con un anticipo di quindici o venti giorni) di una certa rilevanza (esempio Natale, Ferragosto, Pasqua ecc. ecc.) non posso non notare un certo aumento di volanti ferme al lato della strada pronte a bloccarti cercando (e riuscendoci) il più banale (perché di banale si tratta) motivo d'appiopparti una multa.
Non so nel resto d'Italia, ma questa sicuramente è una consuetudine decennale ormai che ho verificato (purtroppo assieme anche al mio portafogli) nel tratto che congiunge l'abitato di San Fili con l'abitato di Arcavacata di Rende (più o meno nella zona di Monticelli, mi sembra si chiami in questo modo).
Basta, in pieno giorno, camminare con i fari della macchina spenti (ci si può anche dimenticare una volta tanto di accenderli) o con le cinture di sicurezza slacciati per ritrovarsi senza remissione di peccato "iscritti nel registro dei criminali nazionali".
Proprio così, perché in un mondo di disonesti che la fanno regolarmente franca (grazie a leggi compiacenti, per non dire altro) alla fine ci si autoconvince che gli unici veri disonesti della provincia di Cosenza, della Calabria e del resto d'Italia siamo proprio gli automobilisti che guidiamo (tra l'atro raramente) senza cintura di sicurezza e con i fari (in pieno giorno) spenti.
"Sono settantasette euro e cinquanta centesimi oltre ad un punto sulla patente... se fa il versamento entro trenta giorni paga la metà!", ci si sente dire, non dopo aver risposto alla classica domanda: "Che lavoro fa?"... come se il fatto di lavorare in un determinato ufficio (dopotutto siamo esseri umani anche noi, così come lo sono anche la moltitudine dei poliziotti) possa essere un'attenuante o un'aggravante.
... nel mio caso, qualche mese addietro (alcuni giorni prima della santa Pasqua 2009, esattamente il 31 marzo) fu tutto tranne che un'attenuante! ... pagai il mio debito con la giustizia italiana (dopotutto viaggiavo a fari spenti alle due del pomeriggio) pregando il creatore di far prendere in medicine il corrispettivo della multa a quel solerte poliziotto.
Nulla da dire dal punto della gentilezza, almeno con il poliziotto incontrato in tale occasione (il collega era intento a multare un'altro acerrimo criminale al par mio), perché me ne capitò un altro paio, in un'altra occasione, che seppur non mi fecero la multa, comunque col loro fare mi fecero sentire poco più di un "pericolo pubblico numero uno": controllando per filo e per segno la vettura ed i documenti del sottoscritto e guardandomi come si trovassero di fronte a qualcuno che avesse loro fottuto l'amante. Non trovarono niente per cui potermi fottere... e quasi quasi, leggendo nel volto di uno di loro la delusione, me ne pure dispiacque tanto che mi stava venendo da dir loro... "... se aspettate un attimo rifaccio il giro magari senza la cintura di sicurezza o con i fari spenti!".
Polizia stradale: Mo' vene Natale / nun tengo denare / me leggio 'o giurnale / e me vado 'a cucca'.
Come ad un appuntamento con la morte, ecco in questi giorni (dopo qualche mese di assenza... forse da Ferragosto 2009) ricomparire la volante della polizia stradale in quel di Monticelli (breve rettilineo che si trova dopo il bivio per San Fili proseguendo verso Cosenza).
... ma sarà solo una combinazione, non posso credere che un tale ente abbia necessità di fare cassa in prossimità delle festività più importanti dell'anno.
Ed il problema della criminalità in Calabria (a Cosenza e nella stessa San Fili) dopotutto credo (ed i fatti lo dimostrano) di ben altra natura... che non un automobilista onesto ma, spesso con giusto motivo, disattento. E sono sicuro che non tutti i poliziotti camminino con i fari accesi e con le cinture di sicurezza allacciate (anche se dubito che il solerte collega, venuto a sapere del lavoro, faccia anche a loro la doverosa multa).
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro Pietro Perri.
... /pace (e, per il bene vostro, dei vostri familiari, del vostro prossimo e del vostro portafogli, camminate sempre rispettando il codice stradale... non solo in prossimità di Monticelli)!

Nessun commento: