A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzate il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).

sabato 23 maggio 2009

Notizia flash!

Ieri è morta la compaesana Rosina Perri vedova Urso (madre de "Minuzz'u commerciante), aveva 79 anni. I funerali verranno celebrati oggi alle ore 16 e 30 nella Chiesa del Ritiro.
A Toronto (Canada) qualche giorno fa invece è deceduta Angela Iantorno vedova Palermo. Aveva 63 anni.
... un abbraccio a tutti i Sanfilesi sparsi per il mondo da parte di Pietro Perri.
... / pace!

venerdì 15 maggio 2009

Sotto a chi tocca - di M. Niemoller.

... lo so! ... non è una mia opera ma è decisamente bello condividerla con te, amato unico lettore!
* * *
SOTTO A CHI TOCCA

All’ inizio vennero a prendere i comunisti,
e io non protestai, non dissi niente,
tanto io non sono mica comunista.

Poi vennero a prendere gli zingari,
e io non protestai, non dissi niente,
perchè si sa, un po’ rubacchiano.

Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e io non protestai, non dissi niente,
perchè un po’ mi hanno sempre dato fastidio.

Poi vennero a prendere gli ebrei,
e io non protestai, non dissi niente,
perchè in fondo mi sono sempre stati antipatici.

Infine, un giorno, vennero a prendere me.
E a quel punto non c’ era più nessuno a protestare.

( di M. Niemoller)
* * *
... e sai qual'è la tragedia di questi versi? ... è che oggi in Europa non siamo di fronte all'avvento di una nuova dittatura nazista.
... o forse si? ... dopotutto anche all'epoca c'era una grande crisi economica in atto, tantissimo egoismo e incapacità ad autogovernarsi, tantissima confusione (quasi nel peggiore significato della parola "anarchia").
... tantissima gente che guardava da un'altra parte e pochissimi che avevano voglia di ascoltare e di essere ascoltati.
... oddio: ma siamo nel 2009! ... e la seconda guerra mondiale è ormai archiviata da oltre cinquant'anni! ... possibile che nessuno si ricordi più come è iniziata l'ascesa al potere di Hitler?
...
...
...
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro Pietro Perri!
... /pace!

mercoledì 13 maggio 2009

... piccola discussione con mia madre, per la serie "si stava meglio quando si stava peggio"!


Da qualche anno a questa parte i valori delle analisi del mio sangue non sono proprio ottimali: glicemia, trigliceridi e transaminasi decisamente alti.

... ma si sa: quannu c'é a salute... c'é tuttu! ... e puru dopu i quaranta anni sembra ca cc'è tuttu!

Lamentandomi con mia madre (80 e cchjiù! ..., toccannu fierru!), qualche giorno addietro mi sono sentito rispondere da lei: "Quando noi avevamo la vostra età, non avevamo di questi problemi. Un si sa cchjiù cchi cc'é 'nta l'aria! ... 'un si capisce cchi tiempi su venuti!".

"In che senso?", le chiesi... e continuando:

"Ohi ma'! ... quannu erati 'nta rrobba e 'unn'aviati nente... cchi vi mangiavati: carduni, finuocchi de timpa, lattuceddre, scarcioffali (ossia verdura povera e frutta)? ... e a carne? ... gaddrine e cunigli (ossia carni bianche)? ... ppecchì vitieddri 'unn'aviati! ... pane jancu mancu a ru pagare a pisu d'oru (t'hannu c'era u pane ccu caniglia dintra (il pane integrale)! ... e u zuccaru? ... ccu ru cannocchiale! ... e a pasta? ...?".

"... na vota a settimana!", concluse subito mia madre!

"... e secondu tia", proseguii io, "u dutture a mie cchi m'ha dittu de mangiare si vuagliu campare n'atru pocu senza gruossi problemi? ... virdura, frutta (possibilmente mila), poca pasta, pocu pane jancu (magari 'ncuna fresa brunetta), nente zuccaru, poca (miegliu nente)carne vaccina, pisce (ca pisc'e pisciare su sembre buani), carni janche (gaddrine e cunigli)! ... e pue mangiare senza esagerare: pocu a matina, pocu a mienzijuornu, pocu are quattru e quasi nente a sira! ... sembra na fissaria... ma m'ha dittu propriu de mangiare chiru e cumu mangiavati vui na vota! ... e voliati avire puru e malattie d'oji mangiann'e chiru modu?".

Che buffo: abbiamo fatto tanto per migliorare la nostra tavola... e solo adesso ci rendiamo tristemente conto che non c'era migliore cucina di quella dei nostri genitori e dei nostri nonni: mangiare l'indispensabile e roba genuina.

... mangiare quello che la natura circostante ci offre. Dio, dopotutto, ha creato per ogni luogo il giusto cibo: i datteri per il deserto, i pesci per le zone fredde, la frutta secca per le zone montagnose, i carduni e i sc-kavuni (tipica erba commestibile che cresce spontanea in primavera negli acquitrini delle nostre zone) per San Fili.
... sopra, sulla destra, una foto di mia madre (Rende Teresina Letizia).
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro... Pietro Perri.

... /pace!

giovedì 7 maggio 2009

Prossimo mese si vota: San Fili avrà un suo rappresentante in seno al Consiglio Provinciale?

Ieri, in Piazza San Giovanni, un amico mi ha chiesto se potevo apporre una firma su una lista elettorale. Parliamo di un candidato (sanfilese) alle elezioni che si terranno prossimo mese e che serviranno a rinnovare il Consiglio Provinciale di Cosenza: un'opportunità, speriamo non sprecata come le centinaia precedenti, per San Fili e per i cittadini s(S)anfilesi.
... nessun problema: il candidato è un Sanfilese, è un amico, è un soggetto (almeno per quanto riguarda i rapporti personali tra me e lui) sempre e comunque disponibile.
... mi riferisco al dottor Ottorino Zuccarelli, il nostro Sindaco (almeno fino alle elezioni che si terranno a San Fili nel 2010, prossimo anno).
Inutile dire che questo fatto mi ha... fatto un po' riflettere. E mi sembra giusto che tali riflessioni li porti anche a conoscenza (ed eventualmente a critica e censura) di te, caro lettore.
* * *
Questo fatto mi ha... fatto un po' riflettere sulle prossime elezioni provinciali e sulla presenza di candidati sanfilesi nei raggruppamenti che, in maggioranza e/o all'opposizione, andranno a gestire nel prossimo quinquennio, l'Ente Provincia di Cosenza.
* * *
Teoricamente quest'anno a San Fili dovremmo avere quattro o cinque candidati (originari o quantomeno che hanno avuto e hanno regolarmente a che fare con il nostro paese). I nomi (siccome ancora non ho visto le varie liste) li farò nei prossimi giorni... magari precisando il tutto con la classica frase... e vinca il migliore.
... anche se stavolta più che vinca il migliore credo sia più giusto dire... vinca San Fili! ... vinca, per una volta, un Sanfilese. Ne abbiamo tremendamente bisogno.
... la vittoria di un Sanfilese, purtroppo, ha necessità di qualche sacrificio da parte di tutti, anche degli altri candidati Sanfilesi o meno (ossia i classici frequentatori di Corso XX Settembre o di Piazza San Giovanni) che hanno accettato di entrare in qualche lista che lascia loro poco spazio e zero speranze di essere eletti.
A questi ultimi non posso che dire (consigliandoli in modo del tutto interessato) di evitare di farsi del male (così come hanno fatto nelle passate elezioni provinciali alcuni compaesani che li hanno preceduti) e di far male al loro paese e alla comunità di cui fanno parte.
Se hanno speranza di vincere, che combattano e vincano! ... ma se devono solo portare voti a qualche intelligentone che San Fili vedrà adesso e rivedrà solo fra cinque anni... che se ne stiano a casa non creando più danni di quanti ne hanno già fatto o ne faranno nel futuro.
* * *
... mi spiego: a San Fili ci sono dei disonesti (con ciò non voglio dire che tutti i candidati sanfilesi siano stati disonesti: qualcuno è stato anche onesto e qualche altro decisamente poco avveduto) che regolarmente si presentano alle elezioni provinciali sapendo di non vincerle ma sapendo altresì che un'accettabile affermazione numerica in questa tornata elettorale potrebbe loro aprire le porte alle prossime elezioni comunali.
... seguendo l'astruso concetto del... mi conto adesso così prossimo anno le liste e i candidati a Sindaco di San Fili dovranno fare i conti con me!
... viva la stupidità umana (e sanfilese): intanto si sprecano voti utili a qualche candidato (originario di San Fili o quantomeno legato per vari motivi a San Fili) che veramente potrebbe essere eletto nel Consiglio Provinciale.
... personalmente quest'anno vorrei un San Fili diverso! ... un San Fili che possa dire a Rende e a tutti i paesi circostanti: "San Fili è un paese che merita, noi (sanfilesi) abbiamo finalmente pagato il nostro scotto, abbiamo pagato il nostro riscatto sociale: siamo Sanfilesi e ce ne vantiamo!".
* * *
... un caro abbraccio dal sempre vostro... Pietro Perri.
... /pace!

mercoledì 6 maggio 2009

Una serata in pizzeria.

Questa sera con alcuni colleghi di lavoro abbiamo deciso di passare una serata assieme in pizzeria.
I colleghi sono di Cosenza e zone limitrofe quindi... pizza a Cosenza. Mi toccherà rifarmi altri quaranta chilometri in macchina (venti all'andata e venti al ritorno).
La pizzeria in cui ci ritroveremo si trova nel centro storico di Cosenza... via Bendicenti per la precisione. Dicono che in quel locale (?) faccia un'ottima pizza.
Tutto ciò, comunque, mi da' lo spunto per parlare un po' del nostro amato odiato paesino: San Fili... e dei locali presenti a San Fili in cui si può gustare una buona o quantomeno apprezzabile pizza.
Ovviamente i gusti sono gusti (e... addruve c'è gustu 'un c'é perdenza), per cui la mia parola sicuramente non è vangelo.
Ormai anche San Fili ci sono tantissime pizzerie e ristoranti (o ristoranti/pizzeria). Onestamente non è più come negli anni settanta quando i Sanfilesi per poter assaporare una pizza (buona o meno che fosse) dovevano scendere nell'allora lontanissima Cosenza.
Per quel che mi riguarda un'ottima pizza viene fatta, sempre parlando dell'attuale San Fili, dall'SPQR (pizzeria nei pressi "du pont'e picciune" gestita dall'amico Roberto Crivaro).
Negli ultimi tempi (poco più di un mese se non vado errato) ha aperto anche un'altra pizzeria (più che aprire in effetti ha cambiato gestione il ristorante preesistente) nel centro storico di San Fili.
Parlo dell'Antico Frantoio (ristorante/pizzeria) cui si può facilmente accedere da "mmienz'u puontu".
Personalmente non posso fare a meno di dire che anche questa pizza è, sempre per i miei gusti, come quella che viene fatta all'SPQR, più che commestibile.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro... Pietro Perri.
... /pace!

lunedì 4 maggio 2009

Notizie flash!

... è morto a Buenos Aires (Argentina) il compaesano Ettore Commis.
... aveva 84 anni.
* * *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro... Pietro Perri!
... /pace!

domenica 3 maggio 2009

... passeggiando lungo il viale del tramonto.


Stamane, fatto qualche metro con la macchina, la bacheca dei tristi annunci: è passato a miglior vita Francesco Costantino Conte. 79 anni, un vicino di casa. Nella mitica via Rinacchio di San Fili.
... stava male ormai da qualche tempo (così per lo meno ho sentito dire da mia madre).
... un altro, seppur breve, capitolo della mia vita.


* * *
Ho deciso: la giornata è stupenda, oggi porterò mia madre al cimitero a far visita ai cari familiari estinti... a mio padre morto nel mese di settembre del 2003.
Sfrutterò l'occasione anche per dare un'occhiata ad un "lavoro" che avevo in questi ultimi giorni consigliato di far fare agli amministratori locali... al fine di preservare l'incolumità pubblica dei cittadini.
* * *
Che desolazione, il cimitero comunale di San Fili: sporco, pieno d'erbacce... a dir poco incustodito. Che desolazione, nel constatare che a coloro (amministratori) che avevo consigliato di far fare quel lavoro sembra non gliene sia fregato più di tanto. Anzi, non glien'è fregato proprio un bel niente (e pensare che è nel loro interesse che io avevo parlato). San Fili, inutile far finta di niente o convincerci del contrario, ormai è nel pieno abbandono... gli interessati provino il contrario.
* * *
Il lavoro che avevo consigliato di fare? ... qualche tempo addietro (credo un paio di mesi or sono) sul piano inferiore del cimitero è crollato, colpito, credo, da un fulmine, un cipresso. Al suo crollo sono venuti giù (sulla strada sottostante - quella che collega San Fili con la frazione Bucita) una decina di metri di muro e ringhiera: una decina di metri di spazio aperto ed insicuro che lasciano scoperto un salto di oltre due metri.
Ai miei amici amministratori ho detto: "Non ci vuole molto... basta una transenna anche realizzata in economia!".
Dopotutto questo lavoro (la transenna) serviva anche a loro (in attesa di un vero e proprio lavoro di ripristino della zona) al fine di evitare che qualcuno (magari qualche fanciullo) sporgendosi al precipizio finisse giù e loro (responsabili) finissero sotto inchiesta e magari in galera.
... ne parleremo con il custode! ... ma poi la gente è così stupida da cadere da quel precipizio? ... queste alcune delle loro affermazioni del cavolo.
Stamane... ancora nessuna transenna! ... questo è ormai San Fili.
... e il futuro di San Fili: basta guardare il cimitero comunale!
... lasciate ogni speranza o voi che entrate... anche se entrate con i vostri piedi!


... un caro abbraccio dal sempre vostro... Pietro Perri!


... /pace!

sabato 2 maggio 2009

Oggi a San Fili, finalmente, c'é il sole.

... sembra una giornata di maggio, anzi... di giugno!
E' strano, in questi ultimi anni, come anche dalle nostre parti da un giorno all'altro possano cambiare le condizioni atmosferiche: ieri sembrava una classica giornata di novembre: mancava solo che le foglie ingiallissero e cominciassero a cadere.
* * *
... nota positiva di ieri? ... la febbre suina ancora non ha raggiunto le nostre zone.
* * *
... nota negativa di ieri? ... a San Fili è stata aperta la campagna elettorale per le prossime amministrative provinciali. La nota è negativa, tengo a sottolinearlo, non per chi l'ha aperta (era negativa anche se l'avessero aperta gli avversari) ma per il fatto che comunque è stata aperta.
Ogni elezione a San Fili è stata sempre e comunque sinonimo di rottura di amicizie quando non si è arrivato a spaccature anche familiari.
... e questa tornata (malgrado sia a carattere provinciale e non comunale) non credo sia diversa dalle altre.
Oltretutto sul calcolo dei voti presi alle provinciali si decidera il 20 per cento di possibilità che uno dei candidati possa giocarsi prossimo anno la candidatura a sindaco del paese.
Sembra che i possibili candidati "consiglieri provinciali" originari di San Fili siano due, ma ci vorrà ancora qualche giorno per averne la certezza.
Da parte di chi scrive, la richiesta esplicita di preferire, a tali elezioni, comunque gli originari sanfilesi a tutti gli altri.
San Fili, infatti, non ha bisogno di politici che si fanno vedere solo una volta ogni cinque anni (cos' come avviene da decenni).
... e che bello sarebbe per San Fili e i Sanfilesi se anche i portaborse e i leccaculo di questi politici quinquennali sparissero dalla nostra vista.
* * *
Per la cronaca ad aprire la campagna elettorale (a San Fili) ieri è stato il PDL (il Partito di Berlusconi), candidato Presidente della Provincia di Cosenza è l'on.le Giuseppe (Pino) Gentile. Alla manifestazione era presente il fratello on.le Antonio (Tonino) Gentile. Erano presenti tanti non sanfilesi e tanti sanfilesi di cui molti (tra questi ultimi) che fino a poco tempo addietro si definivano di sinistra... e alcuni di loro ancora si definiscono di sinistra. Chissa' però come mai vanno ad applaudire candidati di destra!
... ma si sa, la politica (e l'appartenenza ideologica) è come la donna, è... mobile!
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro Pietro Perri.
... /pace!

venerdì 1 maggio 2009

... una nuova avventura, tutta sanfilese.


Voglio iniziare questa nuova avventura web (un blog su San Fili e sulla comunità sanfilese) ovviamente con un caro saluto rivolto a tutti i Sanfilesi nel Mondo.

... il blog (come gran parte del mio lavoro) è dedicato all'indimenticabile (sicuramente per pochi ormai) Francesco "Ciccio" Cirillo, il Sanfilese d'America. Prematuramente morto nel 1990 dopo aver comunque lasciato ai propri compaesani una preziosa quantità di materiale fotografico e scritto a salvaguardia della memoria popolare del paese natale: San Fili.

A Francesco "Ciccio" Cirillo voglio abbinare un altro nome che mi ha dato tanto (veramente un mio "maestro di vita"), quello del prof. Goffredo Iusi.

Nomi, purtroppo, che San Fili è la comunità sanfilese (quella con la "s" minuscola) ormai vanno via via dimenticando.

Un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro... Pietro Perri.
... /pace!